I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I benefici dei semi oleaginosi (ma con equilibrio)

Noci, mandorle, nocciole, semi di sesamo sono ricchissimi di proprietà benefiche, ma il consumo deve essere equilibrato

Pubblicato il 12/01/2021 da

I benefici dei semi oleaginosi (noci, mandorle, nocciole, semi di sesamo, ecc.) sono veramente importanti, ma spesso incontrano la diffidenza di molte persone per il loro eccesso calorico, e la conseguente paura di ingrassare.

Mi è successo di pubblicare un video con la spiegazione di una ricetta che come ingrediente aveva le mandorle, e per la spiegazione che ho dato, mi ha scritto un medico, suggerendomi    di essere più precisa nell’informazione.

Qui di seguito trascrivo direttamente le parole del medico che mi ha scritto sull’interazione della mandorla: “la mandorla, ha funzioni molto peculiari nella biochimica intracellulare delle cellule neoplastiche per quanto concerne la degradazione della vitamina b17 e l’apoptosi che viene selettivamente indotta. Tali meccanismi generati da elementi naturali e non brevettabili sono, se non invisi ed osteggiati dalla medicina ufficiale, quantomeno ignorati. Orbene l’azione della b17, contenuta in svariati semi ma in particolare nelle mandorle (in quelle amare fino a livelli di allerta) pesche, albicocche, e’ di una importanza fondamentale nell’approccio alimentare e non solo, del paziente neoplastico”.

Ma questo non è l’unico meccanismo benefico di questi meravigliosi alimenti!

La frutta secca è molto ricca di  ferro, calcio, fosforo, vitamina E, vitamina B2 ed è  molto ricca di grassi in prevalenza insaturi (acido linoleico, acido linolenico, acido oleico).

Spesso si associano alla cottura dei cereali perché li rendono più digeribili, rallentando inoltre l’assimilazione degli zuccheri.

Ci sono inoltre molti studi[1] che hanno concluso che una maggiore assunzione di noci è associata a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari, cancro totale e mortalità per tutte le cause e mortalità per malattie respiratorie, diabete e infezioni.

Dalla diffidenza all’eccesso!

Purtroppo quando un alimento viene promosso con certe nobili caratteristiche, come in questo caso, la traduzione che spesso viene fatta da chi si sta informando, è: ”ah ma se poco fa bene tanto  farà ancora meglio!”.

Molte persone vanno in ufficio portandosi un sacchetto intero di frutta secca (contenuto circa 30/50 mandorle, o noci, o nocciole o anche miste), pensando di avere uno spezza fame d’elite, e lo è sicuramente, ma è necessario informare che c’è sempre un rovescio della medaglia quando non si esagera, sempre.

Due strade per la conoscenza

L’interazione e l’integrazione tra la scienza moderna e le antiche sapienze è sempre più necessaria, anche non è certo semplice da spiegare in poche righe, ma è fondamentale dare sempre degli spunti per fornire informazioni più complete e offrire un valore aggiunto alla scienza con strumenti di cui la scienza stessa non dispone.

La Medicina Tradizionale Cinese, non prende in considerazione il singolo nutriente, ma lo vede in un contesto di insieme. In un alimento esiste una natura, ovvero ciò che un alimento è in grado di trasmettere in senso di “caldo” o di “freddo”. Ad esempio  se io soffro  di bruciori di stomaco (caldo) e continuo ad assumere degli alimenti  di natura calda come ad esempio le spezie, questi bruciori di stomaco potrebbero aumentare. Oppure, se si è in menopausa e si hanno  delle vampate importanti, è bene  non assumere un cibo di natura calda, come il caffè, le spezie, ecc.

Prendendo come esempio le noci, possiamo dire che la loro natura è tiepida, il loro sapore è dolce (azione umidificante), e i canali  destinatari sono: Polmone, Rene, Intestino Crasso, ed è indicata per

  • dolore e astenia lombari e alle ginocchia, calcolosi renale (rene);
  • tosse cronica e asma (polmone);
  • stipsi con secchezza all’intestino, specie nell’anziano (intestino).

Una correlazione da considerare

Oltre all’importanza della natura, sono altre le considerazioni come la consistenza, la forma, il sapore, il profumo, ecc.. ed è curioso scoprire che ci  sono alcune analogie tra forma dell’alimento e organo correlato.

Tenendo sempre presente la noce, possiamo vederla orizzontale  e osservare la sua assomiglia con il  cervello, ma se la mettiamo in verticale fa subito pensare al polmone. Non abbiamo lo spazio per spiegare la correlazione tra Cervello e Reni  ma lo sono sul piano funzionale (insieme al Cuore) cosi come lo sono le ossa.

Punti di incontro

Studi epidemiologici suggeriscono che l’incidenza di malattie cardiovascolari e dell’osteoporosi in post menopausa nel bacino del Mediterraneo è basso e le noci, tra gli altri alimenti, svolgono un ruolo importante nella nutrizione.

L’introduzione delle  noci nella dieta è associata ad un ridotto rischio di malattia coronarica, ipertensione, calcoli biliari, diabete, cancro, sindrome metabolica e obesità viscerale. Il consumo di noci e bacche è associata alla riduzione del danno ossidativo, infiammazione, la reattività vascolare, e l’aggregazione piastrinica, e il miglioramento delle funzioni immunitarie. Tuttavia, solo recentemente si sono dimostrati gli effetti del consumo di noci e bacche sul cervello, sui diversi sistemi neurali, e sulla cognizione.

È sempre più evidente che la sinergia e l’interazione di tutte le sostanze nutritive e altri componenti bioattivi nelle noci e bacche possono avere un effetto benefico sul cervello e la cognizione. Il consumo regolare di noci, il consumo di frutti di bosco, o entrambi potrebbero eventualmente essere utilizzati come una strategia terapeutica aggiuntiva nel trattamento della  prevenzione di numerose malattie neurodegenerative e disfunzioni cerebrali legate all’età. Un numero crescente di studi sull’uomo mostrano che una integrazione alimentare con noci, frutti di bosco, o entrambi sono in grado di modificare  le prestazioni cognitive negli esseri umani, invertendo gli effetti della neuro-degenerazione nell’invecchiamento.

© 2014 American Society for Nutrition –

È importante però considerare anche altri aspetti che non possono essere supportate da un’analisi molecolare.

L’assunzione di noci o frutta secca in genere, ma anche di tutti gli altri alimenti, è soggettiva, difatti la quantità da assumerne non è traducibile in grammi (a meno che l’assunzione non sia farmacologica), ma nella quantità di cui  il nostro organismo ne ha necessità, in quanto ci possono essere degli squilibri in atto per cui la frutta secca può essere addirittura controindicata sul momento.

Ad esempio, se soffriamo di diarrea  cronica o comunque, per problemi di infiammazioni intestinali le feci espulse non sono formate,  oppure,  quando la tosse presenta una manifestazione di calore (espettorato giallo o verde), o ancora, in alcune  manifestazioni tipiche della menopausa (vampate, sudorazioni notturne), la frutta secca potrebbe non essere indicata.

Non so se ci sono ricerche scientifiche che confermano tutto questo, ma di fatto è quello che l’osservazione clinica mostra, e di questo bisogna tenerne conto. Non si vuole assolutamente  dire di  non mangiare le noci,  ma non possiamo nemmeno dire che più se ne mangiamo e meglio è, perché non è così.

Citando il Dr. Ivan Cavicchi:”le opinioni del malato sono assolutamente complementari alle verità scientifiche della scienza. Quando tu non hai le opinioni del malato la scienza rischia di essere più fallibile”.

Una scienza che deve ripensarsi

Il messaggio che la scienza deve far passare, è di un cambiamento alimentare nel suo insieme, le ricerche scientifiche devono essere fatte e condivise per gli addetti al lavoro, questo per limitare i rischi di incomprensioni e di eccessi che sono molto dannosi e purtroppo all’ordine del giorno. La scienza non deve enfatizzare un alimento perché esiste un equilibrio soggettivo, e questo  va rispettato; divulghiamo un alimentazione sana, un’alimentazione che dia enfasi alla nostra cultura, che si riporti la tradizione del territorio, che si riduca l’assunzione le proteine animali a una volta la settimana, ma l’equilibrio personale va rispettato. Il messaggio della scienza deve cambiare.

[1] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27916000/



banner basso postfucina





Elena Alquati

Elena Alquati
Food Consultant

Elena Alquati - Food Consultant consulente alimentare - Docente di cucina per la prevenzione - Autrice di diversi articoli e due libri: Nutrire la Bellezza - Nutrire il corpo e la mente editi da Giunti - Food Blogger ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia