I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pubblicato il 16/10/2020 da

Oggi, 16 ottobre, è la Giornata mondiale dell’alimentazione 2020 contemporaneamente alla commemorazione del 75º anniversario della fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) sul tema: “Coltivare, nutrire, preservare. Insieme. Le nostre azioni sono il nostro futuro”.

I numeri su questo argomento devono portarci ad una riflessione, ed evidenziano quanto fare la spesa, oggi più che mai, sia diventato un atto che sta acquisendo un significato sempre più rilevante:

  • Oltre due miliardi di persone non hanno accesso al cibo sano in modo regolare, che nutra e che sia sufficiente alla sopravvivenza;
  • ci sono 690 milioni di persone che soffrono la fame (un aumento di 10 milioni rispetto al 2019);
  • la monocultura è un problema che sta diventando devastante, e che uccide  la biodiversità: solo nove specie vegetali rappresentano il 66% della produzione agricola totale, nonostante esistano almeno 30 mila specie di piante commestibili;
  • il problema dell’aumento della fame va di pari passo con il costante aumento dell’obesità.

Cosa dice la scienza?

La comunità scientifica, da anni, lancia un allarme  sulla necessità  di rivedere al più presto alimentazione e stile di vita per poter riportare un equilibrio tra alimentazione sana per la popolazione mondiale e salute delle risorse del pianeta terra.

I dati emersi sono chiari.  Il cambiamento dietetico è necessario e richiede una drastica riduzione dei consumi di cibi potenzialmente dannosi, come la carne rossa, di almeno il 50%, con variazioni nel cambiamento in base alla regione, all’ambiente e alla persona.

Mentre si richiama l’attenzione sull’importanza di  un aumento superiore al 100% di  legumi, noci, frutta e verdura, con le relative modifiche in base al clima e alla regione, ecc.

Prevenzione a tavola sta cercando, attraverso i suoi corsi, di portare una maggiore sensibilizzazione sull’importanza che ricopre l’alimentazione nei confronti della nostra salute e quella del pianeta.

E’ ormai imminente l’uscita del nuovo corso dal tema le 4 stagioni, dedicato all’autunno, dove abbiamo cercato di far emergere quanto sia importante rispettare il ciclo naturale e i doni che la terra ci offre nel luogo in cui viviamo.

In questo corso una voce importante dalla scienza ci viene data dal Dr. Antonino Frustaglia, il quale fa emergere proprio questo lato di vedere l’alimentazione. Il mio intervento, nonostante si basi su di una conoscenza più filosofica, riesce a trovare riscontro con quanto detto dalla scienza, e sempre di più la scienza, nelle sue ricerche, trova riscontro nelle antiche medicine. Ultimo ma non per importanza il nostro Chef Francesco che con la sua semplicità ci accompagna alla preparazione di piatti prelibati, tradizionali, e semplici da preparare, anche se alcune ricette sono state pensate anche per chi vuole impegnarsi un po’ di più nelle preparazioni.

Chiudo questo articolo con una citazione di Carlo Petrini:

“la situazione agricola nel nostro Paese e più in generale in Europa e più in generale ancora, nel Mondo, è drammatica. Un sistema alimentare criminale, un iper-produttivismo che comincia a dare i segni di una sofferenza, non solo in campo ambientale, ma anche in campo sociale. I suoli erano più fertili, l’humus ha perso la sua ricchezza, manca l’acqua e l’agricoltura intensiva ha un consumo smoderato di acqua, per non parlare della qualità delle acque. Si parla inoltre a sproposito di gastronomia. Alla fine degli anni 50 il 50% della popolazione era contadina oggi solo il 3% di cui la metà supera i 65 anni. Il rispetto per chi lavoro il rispetto della terra per il cibo. Meno spreco, diritto e accesso alla terra”.



banner basso postfucina





Elena Alquati

Elena Alquati
Food Consultant

Elena Alquati - Food Consultant consulente alimentare - Docente di cucina per la prevenzione - Autrice di diversi articoli e due libri: Nutrire la Bellezza - Nutrire il corpo e la mente editi da Giunti - Food Blogger ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità