Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

Nel nostro Corso base di Prevenzione a Tavola, vengono utilizzato prodotti tradizionali (orientali) a base di soia (miso, tamari, shoyu, tofu, tempeh, ecc.), questo perché, nei progetti Diana, in Istituto Nazionale Tumori Milano, nel Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva allora diretto dal dottor. Franco Berrino, erano di uso quotidiano proprio per i loro effetti benefici. Purtroppo la conoscenza medica emersa dalle ricerche scientifiche, non riesce a distribuirsi in modo capillare, così, le informazioni possono non arrivare a chi di queste ricerche ne dovrebbe tenere conto, oncologi compresi.

Già il numero di “Pillole di educazione sanitaria” [1] del dicembre 2009 titolava “Meno recidive di cancro al seno con cibi a base di soia” (Scarica PDF) e spiega che la titubanza di inserire nella dieta alimenti a base di soia nelle persone con tumore alla mammella, o che ne abbiano la familiarità, non è giustificata: “in uno studio di popolazione su 5000 donne seguite per 4 anni, il consumo di cibi tradizionali a base di soia, è risultato associato con una protezione progressiva, che arriva fino al 30%, nei confronti delle recidive e della mortalità”.

Le proprietà antitumorali della soia

La soia è un alimento ricco di fitoestrogeni, e ha proprietà antitumorali come ad esempio l’ostacolo della formazione di angiogenesi [2], ovvero, inibisce la formazione di nuovi vasi sanguigni, per mezzo dei quali,  il tumore  trova nutrimento e cresce.

Di fatto è un argomento molto complesso da trattare, e penso che debba essere trattato da chi, su questo tema, ha certamente più competenze di me. A questo proposito ho allegato pdf delle “Pillole di educazione sanitaria” sopra citate, per dare maggiori informazioni, invitandovi a visitare il sito Fondazione Allineare Sanità E Salute dove troverete la possibilità di abbonarvi alle Pillole,  se lo riterrete opportuno, ed avere così risposte su molte domande che riguardano la salute.

Approfondimenti

[1] COSA SONO LE PILLOLE DI EDUCAZIONE SANITARIA?Sono schede di divulgazione scientifica, espresse in forma chiara, semplice e incisiva, concepite per incoraggiare i cittadini a:

– Conoscere gli elementi fondamentali di autogestione della propria salute e acquisire migliori capacità per metterli in pratica

– Dotarsi di un salutare senso critico, con maggiore consapevolezza di limiti, rischi e costi dei trattamenti correnti e della disponibilità di efficaci alternative

– Far buon uso dei servizi sanitari nella consapevolezza sia dei propri diritti sia delle proprie responsabilità

– Non sollecitare i medici a prescrizioni irrazionali di natura consumistica

[2] https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26006245/

Condividi il post

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

L’inquinamento dei mari da plastica sta cominciando a dare i…

Ricette Primaverili: è online il nostro nuovo corso di cucina

La primavera ci porta una notizia bellissima: è online il nostro…

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Le ciliegie sono uno dei regali più preziosi della primavera.…

Comincia il tuo nuovo stile di vita

Vogliamo divulgare e diffondere consapevolezza alimentare tramite ricette, consigli e organizzazione della dispensa, grazie alle proprietà e benefici degli alimenti.

Tieniti informato

Tieniti in-forma(to)

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per ricevere ogni settimana consigli e ricette

Connettiti con noi sui social

Leggi le ultime su

Goditi i video su

Prevenzione a tavola è un marchio registrato - P.I. 04215320963