I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Pubblicato il 17/07/2020 da

In Medicina Tradizionale Cinese, la fase della vita di una donna, successiva all’interruzione del flusso dell’Acqua Celeste (Mestruo), viene chiamata “Seconda Primavera”. Noi la chiamiamo MENOPAUSA, che dal greco significa “cessazione del ciclo mensile”. In realtà questo cambiamento non è limitato all’assenza improvvisa del ciclo, ma è una complessa transazione che simboleggia cambiamenti e nuove opportunità. L’accesso alla Seconda Primavera potremmo vederlo come l’ingresso alla saggezza che abbiamo accumulato nel corso della nostra vita. Cambiare alimentazione in questa fase della vita, può essere di grande aiuto nella ricerca di un nuovo equilibrio, mentre chi ha iniziato il cambiamento tempo prima, può semplicemente fare delle piccole modifiche nelle sue abitudini alimentari quotidiane. Non dimentichiamoci l’importanza dell’attività fisica, così come sarebbe importante prendersi degli spazi dove potersi allontanare per rimanere con se stessi e mettersi in uno stato di raccoglimento

Alcuni problemi della menopausa:

  • – Uno dei problemi che si verificano in menopausa è la secchezza a tutti i livelli, compreso la stitichezza. Oltre ai consigli generali, ci sono alimenti particolarmente mirati a questo problema, uno dei quali, e in modo importante, è la soia nera. Potremmo definirla un lubrificante naturale; aiuta nella secchezza della gola, secchezza agli occhi, è generalmente appropriata nei problemi mestruali della donna, e in particolare nella secchezza vaginale. La si trova nei negozi che vendono prodotti naturali biologici. se non si dovesse reperire, è possibile con i fagioli neri.
  • – La menopausa provoca vampate e sudori notturni. Questi sintomi potrebbero impedirci di dormire obbligandoci ad alzarci nel cuore della notte per cambiare gli indumenti bagnati di sudore;
  • – Possono esserci scatti di ira inadeguati alle circostanze. Un mio maestro di macrobiotica diceva che un ottimo rimedio è la spremuta di arancia, ma anche il sedano potrebbe essere di aiuto, e a seconda della condizione personale, si può preparare un centrifugato di sedano e carota (o anche solo sedano) in pari quantità per una decina di giorni;
  • – Potremmo avere difficoltà a ricordare le cose o a formulare i nostri pensieri;
  • – L’aumento di peso è un altro dei problemi che molte donna lamentano in questa fase della vita. Accumulo di grasso soprattutto intorno ai fianchi e alla vita e all’altezza del petto;
  • – La stanchezza potrebbe essere un altro sintomo tipico;

Un processo fisiologico di invecchiamento

Anche se è da considerare parte del cerchio della vita, la gravità dei sintomi si determinerà a seconda del modo in cui abbiamo conservato l’essenza e preservato la salute, ovvero come abbiamo condotto il nostro stile di vita sino a quel momento unitamente ad altri fattori. Questi problemi possono essere eliminati o perlomeno ridotti, evitando di condurre uno stile di vita improprio, ed è possibile lavorare sul mantenerci in salute piuttosto che sull’esaurirci. Facciamo inoltre attenzione allo stress, alla stanchezza eccessiva e al sovraccarico di lavoro.

CONSIGLI GENERALI

E’ importante rispondere ad uno squilibrio con un equilibrio, e questo possiamo ritrovarlo attraverso una dieta equilibrata, un aumento dell’attività fisica se si era diventati troppo sedentari, un po’ di riposo se ci siamo strapazzate troppo:

• Privilegiare la nostra alimentazione con cereali integrali, legumi, verdure e ogni tanto il pesce;

• Consumare solo occasionalmente cibo animale come le carni, ed evitare salumi e carni conservate;

• Eliminare lo zucchero. Oggi l’industria mette zucchero dappertutto, per mascherare la cattiva qualità dei cibi, facciamo quindi attenzione alle etichette;

Attenzione alle bevande alcoliche, vino compreso, perché favoriscono le vampate;

Evitare le bevande gasate e zuccherate (una delle principali cause dell’epidemia di obesità nei nostri paesi), magari con il ghiaccio dentro; il nostro corpo reagisce ai cibi molto freddi producendo calore (vampate);

Attenzione al caffè e al troppo olio;

Attenzione anche all’eccesso di consumo di latte e formaggio. A questo proposito alleghiamo una dispensa del Dr. Berrino.

• È importante consumare pasti bilanciati dal punto di vista nutritivo a intervalli regolari;

• Anche la quantità di cibo che ingeriamo è rilevante. Un consumo eccessivo di cibo può creare squilibri così come un’alimentazione insufficiente;

Evitiamo di mangiare tardi la sera, potrebbero esserci difficoltà digestive con una serie di conseguenze;

• Il consumo di alimenti crudi e freddi e di bevande fredde può comportare un aumento di ristagno e di vampate;

• Non dimentichiamoci MAI l’importanza che ricopre la masticazione e la respirazione.

Parole chiave: sana alimentazione, creatività, esercizio fisico, nuove opportunità, saggezza.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 47,50€ invece che 95, con accesso illimitato, le lezioni del dott. Berrino e il suo prezioso contributo scientifico, 30 video-ricette scaricabili e stampabili.



banner basso postfucina





Elena Alquati

Elena Alquati
Food Consultant

Elena Alquati - Food Consultant consulente alimentare - Docente di cucina per la prevenzione - Autrice di diversi articoli e due libri: Nutrire la Bellezza - Nutrire il corpo e la mente editi da Giunti - Food Blogger ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato