I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Pubblicato il 15/07/2020 da

Risalire alla ricetta originale del migliaccio non è stato facile.  Molti siti e molti libri danno come ingrediente il semolino, ma non mi convinceva perché il nome mi faceva pensare al miglio. La video ricetta è stata fatta prima di essermi incaponita sul nome:” perché mettono il semolino se si chiama migliaccio?”

Allora ho fatto delle ricerche ulteriori risalendo, forse, alle sue origini, e aprendosi così un mondo di informazioni affascinanti.

Nel libro di Pellegrino Artusi[1], il migliaccio di Romagna è sangue di porco, o di altro animale, mescolato con uova, e farina, e poi fritto nella padella a mo’ di frittata. Gaetano Arrivabene[2] lo definisce come: “specie di vivanda simile alla torta fatta del sangue del porco, o di altro animale, ben disfatto e fritto in padella. Credo che fosse così detto dall’essere anticamente fatto con miglio brillato ….”

Questo dell’Artusi è un migliaccio ricco[3] che si mangiava nelle case padronali; il miglio contadino era diverso. In Romagna – spiega Olindo Guerrini[4] – non potendosi permettere il lusso del migliaccio con ingredienti ricchi, veniva preparato con il riso o con il miglio, miele sapa e venivano preparate delle frittella;  il sangue di maiale non sempre era un ingrediente disponibile. Il Guerrini parla anche di un piatto tipico della Toscana, ovviamente con le loro tradizione. Ho scoperto che esiste anche una versione campana e umbra, e chissà quante altre informazioni sfuggono.

Io ho ovviamente preparato la ricetta dei poveri rivisitata, sostituendo lo zucchero con il malto (o sciroppo di riso se si vuole mantenere il senza glutine)[5] e la bevanda di avena[6] invece che il latte vaccino.

La marmellata è stata una mia aggiunta, ma andrebbe servita senza.

INGREDIENTI

  • 100 di farina di miglio
  • 500 di bevanda di avena o mandorla
  • 90 malto di riso o sciroppo di riso se si vuole mantenere il senza glutine
  • 1 scorza di limone grattugiata
  • mezza bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

PROCEDIMENTO

Mettete il latte in un pentolino. Aggiungete il malto, la polpa di vaniglia, la buccia di limone e mettete sul fuoco. Versatevi a pioggia il miglio con un pizzico di sale e cuocete per 5 minuti, rigirando continuamente per evitare grumi.  Versare la crema in una teglia e informare (forno a temperatura) a 180° per 50 minuti.

Anche la guarnizione è personale. Potete aggiungere marmellata senza zucchero, cannella in polvere, farina di mandorla. E’ favolosa!!


[1] Forlimpopoli 4 agosto 1820 – è stato scrittore, gastronomo e critico letterario italiano, autore di “La scienza in cucina” e “l’arte di mangiar bene”.

[2] Autore del “Dizionario Domestico Sistematico”

[3] Latte, sangue di maiale, sapa o miele, mandorle, zucchero, pangrattato, candito (mi è stato riferito essere il cedro), burro, spezie, cioccolata, noce moscata, scorza di limone.

[4] Poeta nato a Forlì nel 1845

[5] Se si vuole rimanere in termini salutistici, lo sciroppo di riso non è ottimale, e potete frullare la stessa quantità di uvette per dare la nota dolce.

[6] Più mediterraneo scegliere il latte di mandorla



banner basso postfucina





Elena Alquati

Elena Alquati
Food Consultant

Elena Alquati - Food Consultant consulente alimentare - Docente di cucina per la prevenzione - Autrice di diversi articoli e due libri: Nutrire la Bellezza - Nutrire il corpo e la mente editi da Giunti - Food Blogger ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia