I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Pubblicato il 05/06/2020 da

E anche quest’anno con i primi tepori di maggio e giugno, le albicocche tornano a essere le protagoniste delle nostre tavole, insieme alle nespole, alle fragole e alle ciliegie. L’albicocca è indicata in caso di problemi dovuti alla carenza di vitamina A (malattie degli occhi, della pelle, gastrointestinali ecc.), di fibre, come la stitichezza, oltre a proteggere la pelle dal sole.

È utile per prevenire l’eccesso di radicali liberi, che è alla base dei processi di invecchiamento e trasformazione cellulare, per aumentare le difese immunitarie e stimolare l’appetito. L’albicocca, inoltre, è da sempre considerato un toccasana contro ristagni e gonfiori che ne conseguono, in quanto fonte ricchissima di potassio, il sale minerale drenante per eccellenza. Ma vediamo di conoscere meglio la benefica azione di questo frutto sulla nostra salute. 

1) Protegge la retina

La polpa delle albicocche è molto ricca di carotenoidi, responsabili del colore arancio acceso, che sono i precursori della vitamina A, una sostanza fondamentale per la salute della retina e per la prevenzione della degenerazione maculare, dovuta per lo più a invecchiamento e causa la perdita della funzionalità dell’occhio.

2) Combatte la ritenzione idrica e la cellulite

L’albicocca è tra i frutti più ricchi di potassio. Una porzione di 3 frutti apporta il 10% del fabbisogno di questo minerale superdrenante, antagonista del sodio, che libera i tessuti dai liquidi in eccesso, contrastando efficacemente la ritenzione idrica e la cellulite.

3) Contribuisce alla regolarità intestinale

Le albicocche hanno anche proprietà lassative grazie alla presenza della pectina, una fibra solubile, e del sorbitolo, uno zucchero naturale che depura il colon da scorie e tossine che possono favorire fenomeni di stipsi, gonfiori e fermentazioni.

4) Contrasta i sintomi della menopausa e del periodo che la precede

L’albicocca è fonte di boro, un minerale prezioso perché stimola l’azione dei fitoestrogeni assunti con gli alimenti (legumi, soia, germogli di trifoglio rosso ecc.) e contribuisce all’assorbimento del calcio, prevenendo l’osteoporosi. Inoltre, contrasta efficacemente lo stress e rinforza il cervello e le sue funzioni.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

5) Riduce la glicemia

L’albicocca contiene acido abscissico (Aba), un fitormone che contribuisce al controllo degli zuccheri nel sangue, quindi alla prevenzione dell’insulino-resistenza e del diabete. Inoltre, questo elemento è un valido alleato contro la formazione di grasso addominale e il rallentamento del metabolismo.

6) Potenzia l’azione del collagene

Grazie alla presenza di betacarotene, l’albicocca contrasta l’azione di particolari enzimi che distruggono il collagene, la proteina che contribuisce a mantenere tonici i tessuti, compresi la pelle e le pareti dei vasi sanguigni, prevenendo rughe, perdita di tonicità muscolare e di elasticità dei vasi sanguigni e linfatici. In tal modo, questo frutto mantiene giovane la cute e migliora la circolazione, prevenendo anche le varici e la ritenzione di liquidi.

7) Placa l’appetito

L’albicocca è tra i frutti con il maggiore indice di sazietà, oltre a essere altamente digeribile. Consumare 3-4 frutti maturi al giorno, quando sono di stagione, aiuta a tenere sotto controllo il desiderio di dolci grazie alla presenza del magnesio, un sale minerale efficace in questi casi. Il sapore zuccherino non deve trarre in inganno. Le albicocche infatti hanno un apporto calorico bassissimo (solo 28 kcal per 100 g) per essere un frutto.

8) Le albicocche secche: un concentrato di ferro e potassio

In commercio si trovano anche le albicocche secche che sono un’eccezionale fonte di ferro e di potassio (ne contengono più di quelle fresche). Fra la frutta disidratata sono quelle con la più alta percentuale di proteine. Quindi perfette come snack snellente nella dose di 2-3 pezzi.

Meglio però scegliere un prodotto bio, perché altrimenti le albicocche potrebbero essere trattate con biossido di zolfo (E 220) per evitare che marciscano; in persone allergiche o sensibili, questa sostanza può scatenare attacchi di asma.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Corsi - Prevenzione a tavola

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Corsi - Prevenzione a tavola

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro

I cibi che proteggono occhi e vista

La salute degli occhi e il corretto funzionamento della vista passano anche dalla tavola. Ecco i cibi che contrastano o prevengono malattie degenerative oculari, come glaucoma e cataratta)