I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Pubblicato il 26/05/2020 da

Il ravanello o rapanello (Raphanus sativus) è una pianta erbacea originaria dell’Asia, ma ormai coltivata in tutte le regioni d’Italia; appartiene alla famiglia delle Crucifere o Brassicaceae. Le varietà coltivate sono numerose e vengono classificate in base al colore, alla forma della radice e alla tecnica di coltivazione.
Esistono tre tipi fondamentalmente di ravanelli: bianchi, rossi e neri, ma sono gli ultimi due a essere i più salutari. Caratteristici i suoi frutti di colore rosso, con piccole striature bianche, dal sapore pungente e piccante, ricchi di sostanze benefiche e salutari per l’organismo. Dal punto di vista dietetico, presenta un bassissimo apporto calorico, fra i più bassi tra le verdure, in quanto il ravanello è composto principalmente di acqua e fibre.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

Le proprietà fitoterapiche
Come per la maggior parte dei prodotti che ci regala la natura, anche il ravanello è sfruttato in fitoterapia per le sue proprietà benefiche oltre a essere un ortaggio molto apprezzato nelle tavole italiane. Tra le vitamine e i minerali contenuti nel frutto, spiccano le vitamine del gruppo B (compreso l’acido folico), la vitamina C e il magnesio, dal riconosciuto effetto anti-ansia.
Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea. Questo ortaggio si consuma esclusivamente crudo, soprattutto nelle insalate; ha proprietà diuretiche e favorisce il drenaggio delle vie biliari.
È sconsigliato a chi ha disturbi di fegato o renali.
Le foglie del ravanello, invece, sono un valido aiuto per gli anemici, in quanto contengono una notevole quantità di ferro; si possono mangiare cotte al vapore o leggermente bollite, ma è anche possibile usarle per decotti e infusi benefici, lasciandole seccare al sole.
Del ravanello si può utilizzare anche il centrifugato: in caso di tosse e in presenza di catarro funge da mucolitico. Un bicchiere del suo succo al giorno, con un cucchiaino di miele e il succo di mezzo limone, aiuta a fluidificare le secrezioni, un toccasana per bronchi e polmoni.
Antisettico per eccellenza, aiuta a combattere la proliferazione dei batteri, grazie alla rafanina, ed è anche un ottimo antispasmodico, perché aiuta il rilassamento di muscoli e sistema nervoso.(Fonte)

In cucina

La parte della pianta utilizzata in cucina è la radice. Il consiglio è di scegliere quelli di dimensioni più piccole, più saporiti rispetto ai grandi che si rivelano in genere meno gustosi.

Pur relegati in genere ad arricchire insalate e pinzimonio con il loro particolare sapore e la loro croccantezza, possiamo pensare con fantasia di utilizzarli come funzionale accompagnamento per piatti di pesce e di carne. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

Ecco qualche suggerimento culinario

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Corsi - Prevenzione a tavola

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Corsi - Prevenzione a tavola

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro

I cibi che proteggono occhi e vista

La salute degli occhi e il corretto funzionamento della vista passano anche dalla tavola. Ecco i cibi che contrastano o prevengono malattie degenerative oculari, come glaucoma e cataratta)