I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

Pubblicato il 07/05/2020 da

Con l’arrivo della primavera si apre ufficialmente anche la stagione degli asparagi, che possono essere definiti un ottimo cibo alleato della salute dell’uomo. Ecco perché dovremmo inserirli nella nostra dieta:

1. Si prendono cura del cuore

Gli asparagi contengono vitamina K, la quale è coinvolta nella coagulazione del sangue e svolge una funzione antiemorragica. La vitamina B, contenuta in grandi quantità nel vegetale, aiuta invece a regolare l’omocisteina, i cui alti livelli rappresentano un fattore di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari. Anche le fibre contenute nell’asparago diminuiscono le possibilità di soffrire di complicazioni cardiache. L’alto livello di antiossidanti, inoltre, svolge un’azione anti infiammatoria e aiuta a ridurre il rischio di incorrere in malattie dell’apparato cardiocircolatorio.

2. Hanno un effetto anti-età

Il glutatione contenuto negli asparagi ha un’azione antiossidante: protegge infatti le proteine e gli altri composti ossidabili dall’azione deleteria dei radicali liberi. Per questo motivo, si crede abbia l’effetto di rallentare l’invecchiamento. L’effetto anti-età si nota anche sulla pelle: il glutatione la protegge dai danni inferti dal sole e dall’inquinamento. Anche la vitamina B12 contenuta nel vegetale in questione porta con sé importanti benefici: secondo uno studio della Tufts University, è in grado di prevenire il declino delle funzioni cognitive in età avanzata.

3. Sono utili per le donne in gravidanza

Gli asparagi sono ricchi di folati, che sono particolarmente utili alle donne in gravidanza o a quelle che ne stiano programmando una. I folati sono infatti necessari per preservare la salute della madre e del feto, dal momento che prevengono la formazione della spina bifida, una grave malformazione del tubo neurale.

4. Si prendono cura della salute dell’apparato digerente

Gli asparagi contengono un’interessante fibra, poco conosciuta: l’inulina, che ha la capacità di favorire la digestione e regolarizzare la funzionalità intestinale. L’inulina riesce ad aumentare la percentuale di Bifidobacteria nella flora microbica intestinale, diminuendo contemporaneamente la densità di batteri nocivi.

5. Prevengono il rischio di soffrire di diabete di tipo 2

Infiammazioni e stress ossidativo aumentano le possibilità di soffrire di diabete di tipo 2. Grazie all’azione anti-infiammatoria degli asparagi, dovuta all’alto contenuto di antiossidanti, questo pericolo è tenuto lontano. Stando ad uno studio pubblicato nel 2011 sul “British Journal of Nutrition” gli asparagi hanno anche la capacità di aumentare la secrezione di insulina e la funzione beta-cellulare: tutto ciò contribuisce a diminuire le possibilità di incorrere nella malattia. (Fonte)

food-865102_640

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

Come utilizzarli in cucina?

Gli asparagi sono dotati di una parte sotterranea equivalente alle radici (si chiama rizoma o zampa) dalla quale spunta la porzione commestibile (il turione). Ci sono ortaggi per i quali uno spessore ridotto è sinonimo di tenerezza, per l’asparago è il contrario. Sono proprio i turioni di diametro maggiore quelli più teneri, in quanto dotati di una polpa maggiore rispetto alla parte esterna. L’asparago accompagna bene ogni genere di piatto, dagli antipasti ai contorni (una frittata o un tortino con ricotta), fino ai primi piatti (con riso e pasta). Una buona idea? Servirlo all’inizio del pasto accompagnato da crostini e una salsa di vinaigrette.

Mentre per zuppe o risotti la varietà bianca è ottimale, le frittate si sposano al meglio con gli asparagi selvatici raccolti nei boschi (possiamo passarli prima alcuni minuti in padella per attenuare il caratteristico sapore molto forte). E ricordiamo che non esistono asparagi a lunga conservazione: l’ideale è consumarli freschi, altrimenti sono da tenere due giorni al massimo in frigo. (Fonte)

Ecco un video da cui potete trarre ispirazione per le vostre ricette!

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato