I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Diverticoli e diverticolite: cosa mangiare e da cosa tenersi lontani

Per prevenire la diverticolosi, ma anche per evitare l’infiammazione di diverticoli già presenti e quindi l’insorgenza di diverticolite, alcuni alimenti sono più indicati di altri

Pubblicato il 18/03/2020 da

Con l’aumentare dell’età, purtroppo, spesso aumentano anche i fastidi con cui il corpo deve fare i conti. Tra questi, ci sono i diverticoli, che interessano almeno il 10% della popolazione dopo i 40 anni e oltre la metà degli individui over 60. Una condizione quindi piuttosto comune e, nella maggior parte dei casi, asintomatica, che riguarda la formazione di piccole “cavità” a forma di sacchetto in più punti lungo la parete dell’apparato digerente, in particolare del colon. Di per sé, non rappresentano una vera e propria patologia, quanto piuttosto un’alterazione anatomica.

In caso di infiammazione, tuttavia, si può trasformare in diverticolite, che si manifesta con dolore addominale, febbre e perfino sanguinamento intestinale.

COSA MANGIARE PER PREVENIRE I DIVERTICOLI E LA LORO INFIAMMAZIONE

Purtroppo, una volta comparsi, i diverticoli non regrediscono: in questo caso, quindi, è importante rivolgersi al proprio medico, che saprà indicarvi la terapia più adatta e anche il tipo di alimentazione. Infatti, gli esperti sottolineano come la dieta incida fortemente sul loro sviluppo. Ecco perché, dunque, per prevenire la diverticolosi – ma anche per evitare l’infiammazione di diverticoli già presenti – e quindi l’insorgenza di diverticolite – alcuni alimenti sono più indicati di altri. L’obiettivo, infatti, è di agevolare una corretta funzionalità intestinale.

Ma quali sono i consigli degli esperti? Vediamoli insieme.

  • Più fibre: è necessario aumentare l’apporto giornaliero di fibre nella dieta, che dovrebbe ammontare a circa 30-40 grammi;
  • bere molti liquidi: si consiglia di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno; soprattutto perché se non si assumono abbastanza liquidi, le fibre possono creare costipazione;
  • ridurre i grassi: in particolare, quelli di origine animale e tutti gli alimenti e le bevande troppo zuccherine;
  • cucinare magro: evitare l’aggiunta di grassi, privilegiando le cotture più leggere, come quelle al vapore, al forno, alla griglia o alla piastra, con la pentola a pressione o in padella antiaderente. Si sconsiglia la frittura.

GLI ALIMENTI CONSIGLIATI

Oltre ai consigli e alle raccomandazioni, vediamo nello specifico quali sono gli alimenti consigliati per prevenire la diverticolosi.

  • Verdura: andrebbe consumata due volte al giorno, di cui almeno una volta cruda e variandola il più possibile. Le verdure più indicate sono quelle più ricche di fibra, come agretti, asparagi, sedano, cavolfiori, funghi, broccoli, melanzane, cicoria, cavoli, patate, indivia e legumi. Altre, invece, aiutano ad aumentare il volume delle fibre perché trattengono più acqua, come lattuga, radicchio, sedano e carote, zucchine e cipolle. Sono indicati anche i centrifugati di verdure.
  • Frutta: è preferibile mangiarla cruda, lontano dai pasti e con la buccia; ma è consigliata anche la consumazione cotta e sotto forma di centrifuga filtrata. I frutti da prediligere sono: prugne, mele, mele cotogne, pere, albicocche, mandarini, arance e frutta secca.
  • Cereali: andrebbero alternati i cereali raffinati (pasta, pane, riso) con quelli integrali.

QUALI CIBI CONSUMARE CON MODERAZIONE E QUALI EVITARE?

Ci sono alcuni alimenti che, pur contenendo molta fibra, sarebbe preferibile consumare in quantità ridotte, perché contengono dei semi, che potrebbero fermarsi nei diverticoli e infiammarli, come:

  • fragole
  • kiwi
  • pomodori
  • cetrioli
  • uva
  • fichi
  • lamponi
  • pane con semi di sesamo.

Inoltre, anche le verdure con fibre molto dure e filamentose sarebbero da assumere con estrema moderazione, come finocchi, carciofi, fagiolini.

Da evitare o comunque limitare fortemente sono, invece, tutti quegli alimenti che rischiano di provocare un’irritazione dell’intestino, come:

  • spezie piccanti, come pepe, peperoncino, curry;
  • cacao;
  • insaccati e salumi;
  • carne rossa;
  • bibite ricche di fruttosio o gassate;
  • alcolici e superalcolici;
  • latte
  • tè e caffè (meglio se deteinato e decaffeinato). (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 47,50 € invece che 95, con accesso illimitato, le lezioni del dott. Berrino e il suo prezioso contributo scientifico, 30 video-ricette scaricabili e stampabili.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Castagnaccio con “mandorlotta”

Un castagnaccio speciale, con l'aggiunta della ricotta di mandorle

Crumble di castagne – Ricetta

Come preparare un delizioso Crumble di castagne, per impreziosire torte e budini

Un piatto piccante di linguine con le rape

Mi sono recata al mio supermercato personale, l’orto, ho raccolto le rape bianche e le ho trasformate in un piatto di linguine "slurp"

Mense scolastiche: ecco come dovrebbero mangiare i bambini

E' difficile che i bambini che mangiano nelle mense scolastiche godano dell'attenzione necessaria alla loro nutrizione: 10 punti per cambiare

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Corsi - Prevenzione a tavola

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia