I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

5 trucchi per leggere correttamente le etichette

Capire come leggere le etichette degli alimenti è il primo passo per una corretta prevenzione a tavola

Pubblicato il 12/06/2019 da Prevenzione a tavola

Da queste parti lo abbiamo detto spesso: leggere correttamente le etichette degli alimenti che stiamo per acquistare è il primo passo per una corretta prevenzione a tavola. Spesso e volentieri frasi come "senza zucchero", "senza sale" o "integrale" poste nella parte anteriore del prodotto possono trarre in inganno l'acquirente più frettoloso o distratto. Una nostra nutrizionista una volta diceva: "Quando dobbiamo comprare un'automobile, uno smartphone, un computer ci documentiamo, chiediamo consiglio, leggiamo le caratteristiche e le prestazioni; invece quando dobbiamo acquistare qualcosa da mangiare, quindi da immettere nel nostro organismo, non siamo così scrupolosi e attenti. Come se il nostro corpo non è l'unico in cui dobbiamo vivere". Effettivamente è un ragionamento che non fa una piega.

Ecco 5 regole basilari e semplici da mettere in pratica ogni volta che vi trovate tra gli scaffali di un supermercato.

NUMERO INGREDIENTI Regola principale: meno ingredienti = prodotto più sano

ORDINE INGREDIENTI Gli ingredienti che compongono la base del prodotto che avete tra le mani devono essere i primi della lista, ma spesso non è così. Per esempio se in una crema alla nocciola il primo ingrediente è lo zucchero e la nocciola è al terzo posto a meno del 13%, capite bene che quel prodotto non si può considerare sano! Così come se nello yogurt alla frutta la frutta è meno del 10% del contenuto, va da sé che tutto il resto 90% è composto da altro.

SALE Nutrizionisti e medici consigliano di ridurre il consumo di sale: non acquistate gli alimenti con più di 1,2 grammi di sale per 100 grammi di prodotto.

ZUCCHERO Lo zucchero spesso è presente sotto mentite spoglie: sciroppo di glucosio, sciroppo di fruttosio, maltosio, amido di mais, sciroppo di cereali, destrosio, fruttosio. Pertanto non bisogna fermarsi alla generica scritta «senza zucchero», ma leggere attentamente, tenendo bene a mente che la dose giornaliera consigliata è di 25 grammi.

INTEGRALI Per gli alimenti integrali è meglio scegliere i prodotti con la scritta «farina integrale», significa che è ottenuta direttamente dalla macinazione del seme intero. Se invece leggiamo: «farina di frumento 00, crusca di frumento» vuol dire che di integrale c’è poco e che la farina è raffinata.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

LEGGI ANCHE: 5 cose che dovete sapere sulle etichette alimentari



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il consumo di caffè non compromette le arterie

Buone notizie per gli amanti del caffè, smontate precedenti ricerche

Pasta ripiena: è online il nostro nuovo corso di cucina

Attraverso 12 video lezioni imparerete a preparate cannelloni, lasagne, tortellini, fagottini, agnolotti qualsiasi altro tipo di pasta ripiena vi viene in mente

Consumi di carne? Ecco quanto se ne mangia in Italia

Ma è proprio vero che in Italia si mangia troppa carne? Sembrerebbe di no.

Frutta e verdura migliorano la fertilità maschile

Due mesi di frutta e verdura migliorano la salute degli spermatozoi

Riso integrale al pesto di fave con profumo di menta

Oggi voglio condividere con voi questa ricetta semplice, veloce, sfiziosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Corsi - Prevenzione a tavola

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.