I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Pubblicato il 28/11/2018 da Prevenzione a tavola

Lo scalogno fa parte della grande famiglia delle Liliacee come l’aglio, la cipolla, il porro e l’erba cipollina. La sua forma ricorda quella dell’aglio ma gli spicchi sono racchiusi in un unico involucro di spessore diverso e con colori che vanno dal grigio-bruno-rosso a seconda delle cultivar. Le sue proprietà benefiche sono molto interessanti, è un’ottimo ricostituente, digestivo, disintossicante e afrodisiaco. La particolarità dello scalogno è che ha un gusto più deciso rispetto alla cipolla, ma meno intenso dell’aglio e si può utilizzare in cucina come ingrediente per il soffritto. A differenza della cipolla, una volta cotto risulta molto più digeribile e non lascia l’alito cattivo. Infatti si può mangiare anche crudi, accompagnato con del pane come facevano i contadini, oppure per insaporire le insalate fresche. Una volta cotto però perde buona parte dei suoi valori nutrizionali, ma rende dei sapori unici se viene aggiunto nella preparazione dei ragù, salse (la bordolese e bernese), zuppe, torte rustiche, ripieni e farciture. Viene utilizzato anche per la preparazione di arrosti o caramellato, oppure come ingrediente per gli stufati, brasati, cacciagione o piatti di pesce.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95

Quando compriamo lo scalogno dobbiamo assicurarci che il bulbo sia ben asciutto e privo di germogli. Deve essere ricoperto da una pelle dalla consistenza cartacea e senza segni o increspature. Lo scalogno può essere preparato anche sott’olio, basta sbollentarli per pelarli con più facilità. Ricoprirli poi di sale grosso e riporli in un recipiente capiente per almeno un paio di giorni, mescolando ogni tanto. Ripulire quindi gli scalogni dal sale e metterli in un altra ciotola coperti da aceto. Coprire e riporre in luogo fresco e buio per circa 15 giorni. Al termine del periodo sgocciolare su di un panno e sistemarli in barattoli di vetro precedentemente sterilizzati, coprendoli con olio e grani di pepe. Sigillare i barattoli procedendo ancora a sterilizzazione a bagno maria per venti minuti. Come l’aglio, anche lo scalogno ha proprietà battericide, tonificanti, antiossidanti, diuretiche ed è utile per combattere l’osteoporosi grazie alla presenza del silicio. Aiuta anche a rinforzare unghie e capelli e se consumato crudo è ricco di vitamina. Inoltre, aiuta anche per chi soffre di problemi respiratori grazie alla quantità di zolfo presente. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo video

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande