I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pubblicato il 13/11/2018 da Susanna Bramante

Il carciofo è una delle piante mediterranee più antiche coltivate al mondo e le sue numerose proprietà benefiche sono ben note da secoli. Gli antichi hanno da sempre utilizzato gli estratti di carciofo come medicinali e anche oggi numerosi studi ne confermano gli effetti farmacologici e terapeutici, specialmente sul fegato e sulla cistifellea.

PROPRIETÀ BENEFICHE

Studi recenti evidenziano non solo un’attività stimolante sul fegato e sulla produzione biliare, ma anche effetti diuretici, depurativi, attività antiossidante, ipoglicemizzante e di riduzione dei grassi, con conseguenze positive sull’apparato cardiocircolatorio.

Una vasta ricerca biomedica sembra confermare che il carciofo abbia effettivamente delle qualità medicinali, come ad esempio l’utilizzo pratico degli estratti delle foglie di carciofo, uno dei pochi rimedi erboristici su cui sono state condotte sia prove cliniche che sperimentali che hanno verificato l’efficacia del trattamento. L’effetto benefico più significativo è quello sul fegato, dove studi hanno dimostrato la capacità del carciofo di proteggere questo organo e di aiutare le cellule del fegato a rigenerarsi.

E’ stato evidenziato anche un ruolo nel risolvere problemi digestivi e intestinali e nella riduzione della glicemia e del colesterolo cattivo, contribuendo a prevenire le malattie cardiovascolari. Tutte queste proprietà si devono al suo “principio attivo”, la cinarina, un potente polifenolo antiossidante che conferisce al carciofo il suo tipico sapore amarognolo. Anche dal punto di vista nutrizionale il carciofo ha tanto da offrire, se cucinato nel modo giusto e a bassissimo contenuto calorico: principalmente è una delle migliori fonti di fibre, facilitando la peristalsi e quindi lo svuotamento e la pulizia intestinale e venendo concretamente in aiuto contro la costipazione.

Come vitamine troviamo buone quantità di acido folico, un modesto contenuto di vitamina C e discreti quantitativi di vitamina K, importante per la coagulazione del sangue e per le ossa. Tra i sali minerali troviamo ben rappresentati il rame, il magnesio, calcio, ferro e fosforo, ma ancora più interessante è il suo contenuto in composti antiossidanti e flavonoidi, come il betacarotene, la luteina e la zeaxantina, utili contro i radicali liberi, l’invecchiamento e i tumori.

IN CUCINA

Come prepararlo per renderne al meglio i benefici? Non bisognerebbe cuocerlo troppo, per cui preferire assolutamente una cottura al vapore, per ridurre al minimo le perdite vitaminiche, non dilavarne i minerali, conseguenza che avremmo invece con la bollitura ed eliminazione dell’acqua, e per non diminuire il potere della cinarina: perfetti dunque anche crudi, tagliati finemente nelle insalate oppure se si opta per la bollitura, utilizzare l’acqua per brodi ricchi di minerali. Il cuore è la parte più tenera e prelibata, mentre il gambo può essere consumato in pinzimonio con del succo di limone per aumentare l’assorbimento del ferro. Le sue foglie coriacee possono essere mangiate fino ad un certo punto, dove sono più morbide, ma vietato gettare via quelle più esterne “di scarto”, perché possono essere utilizzate per infusi o tisane, un po’ amare ma dalle proprietà diuretiche e depurative dalle tossine. Il problema non si pone invece per i carciofini di piccole dimensioni, che possono essere tranquillamente consumati nella loro interezza.

Essendo la loro stagionalità sia primaverile che invernale, approfittiamo del periodo per sbizzarrirci in fantasiose ricette, salutari e gustose.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti