I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

Pubblicato il 15/10/2018 da Susanna Bramante

Halloween si avvicina e portare in tavola una buona zucca è d’obbligo in questo periodo dell’anno, sia per rispettare la tradizione, ma anche perché è una verdura tipica proprio della stagione autunnale, contenendo tutti i nutrienti necessari per superare in salute la fine dell’estate e prepararci al freddo inverno. Ma come scegliere una buona zucca? A parte quella classica tonda e  arancione, che tutti conosciamo, detta zucca Americana o tonda padana, in commercio esistono diverse varietà: vediamone insieme le differenze.

La zucca Mantovana, come ricorda il nome, è tipica della zona lombarda, dalla buccia verde scuro con striature, con peso medio di 1 chilo, caratterizzata da una bella polpa dura, asciutta e dolce, che costituisce l’ingrediente principe dei ripieni, per la preparazione dei tortelli di zucca e degli gnocchi di zucca, piatti popolari della cucina mantovana.

La zucca Delica invece si riconosce per la buccia verde vivace e scuro, liscia e tenera, con scanalature marroni e per la forma tonda e appiattita, dalle dimensioni ridotte che raggiungono un peso medio di 2 chili. Anche questa varietà, dalle origini giapponesi ma diffusa soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna si presta ai ripieni dei tortelli e cappellacci, grazie alla polpa compatta, farinosa e dolciastra.

La zucca Butternut Violina è originaria degli Stati Uniti, ma ormai si è stabilita in modo permanente in Pianura Padana, diventando un prodotto d’eccellenza di questa zona, si riconosce per la sua forma tipica, che ricorda un violino, di dimensioni contenute, mentre la buccia bitorzoluta può essere di colore verde o arancione tendente al marrone chiaro. La polpa pastosa ha un sapore molto dolce che ricorda quello delle castagne. In cucina è davvero poliedrica, adattandosi a tutte le preparazioni, dalle zuppe, ai risotti e ai dolci.

La zucca lunga gigante Napoletana, la cosiddetta “Cocozza”, ha una forma allungata e stretta, che può raggiungere anche i 30 kg di peso e un metro di lunghezza, dal colore verde con striature arancioni, presenta una polpa molto piena, soda, saporita e aromatica, ma meno dolce delle altre varietà. Si presta a molteplici ricette tipiche della zona vesuviana, come arrostita con aglio e peperoncino, oppure in zuppe, minestroni, con la pasta o in conserve.

Dal punto di vista nutrizionale siamo di fronte ad una miniera di betacarotene, vitamina A, vitamina C e flavonoidi, oltre che di acqua, sali minerali, come il potassio e fibre. Per non perdere la vitamina C si raccomanda di cuocerla poco, mentre per assorbire al meglio i caroteni, si consiglia il condimento con olio extravergine d’oliva a crudo. Ha proprietà diuretiche e rinfrescanti per l’intestino, ideale nelle diete dimagranti per il basso contenuto calorico e per il senso di sazietà e dolcezza, che appaga la voglia di dolce. In gravidanza è un alimento importante per il suo contenuto in acido folico e colina, sostanze fondamentali per un corretto sviluppo del tubo neurale del feto.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Vietato buttare via i semi, che devono essere puliti e tostati, per non perdere una ricchezza unica in minerali come zinco, fosforo, calcio, magnesio, ferro, rame e selenio, che rinforzano il sistema immunitario, ma anche in vitamina B3, la niacina e potenti antiossidanti coma la vitamina E, la luteina e la zeaxantina. I semi sono anche ricchi di acidi grassi polinsaturi e monoinsaturi, rendendoli davvero dei piccoli scrigni di salute e longevità. Si raccomanda però di non salarli, per far sì che apportino solo benefici.

Insomma siamo di fronte ad un vero portento, per cui, visto il periodo, approfittiamone per delle scorpacciate di salute.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina