I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

Pubblicato il 15/10/2018 da

Halloween si avvicina e portare in tavola una buona zucca è d’obbligo in questo periodo dell’anno, sia per rispettare la tradizione, ma anche perché è una verdura tipica proprio della stagione autunnale, contenendo tutti i nutrienti necessari per superare in salute la fine dell’estate e prepararci al freddo inverno. Ma come scegliere una buona zucca? A parte quella classica tonda e  arancione, che tutti conosciamo, detta zucca Americana o tonda padana, in commercio esistono diverse varietà: vediamone insieme le differenze.

La zucca Mantovana, come ricorda il nome, è tipica della zona lombarda, dalla buccia verde scuro con striature, con peso medio di 1 chilo, caratterizzata da una bella polpa dura, asciutta e dolce, che costituisce l’ingrediente principe dei ripieni, per la preparazione dei tortelli di zucca e degli gnocchi di zucca, piatti popolari della cucina mantovana.

La zucca Delica invece si riconosce per la buccia verde vivace e scuro, liscia e tenera, con scanalature marroni e per la forma tonda e appiattita, dalle dimensioni ridotte che raggiungono un peso medio di 2 chili. Anche questa varietà, dalle origini giapponesi ma diffusa soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna si presta ai ripieni dei tortelli e cappellacci, grazie alla polpa compatta, farinosa e dolciastra.

La zucca Butternut Violina è originaria degli Stati Uniti, ma ormai si è stabilita in modo permanente in Pianura Padana, diventando un prodotto d’eccellenza di questa zona, si riconosce per la sua forma tipica, che ricorda un violino, di dimensioni contenute, mentre la buccia bitorzoluta può essere di colore verde o arancione tendente al marrone chiaro. La polpa pastosa ha un sapore molto dolce che ricorda quello delle castagne. In cucina è davvero poliedrica, adattandosi a tutte le preparazioni, dalle zuppe, ai risotti e ai dolci.

La zucca lunga gigante Napoletana, la cosiddetta “Cocozza”, ha una forma allungata e stretta, che può raggiungere anche i 30 kg di peso e un metro di lunghezza, dal colore verde con striature arancioni, presenta una polpa molto piena, soda, saporita e aromatica, ma meno dolce delle altre varietà. Si presta a molteplici ricette tipiche della zona vesuviana, come arrostita con aglio e peperoncino, oppure in zuppe, minestroni, con la pasta o in conserve.

Dal punto di vista nutrizionale siamo di fronte ad una miniera di betacarotene, vitamina A, vitamina C e flavonoidi, oltre che di acqua, sali minerali, come il potassio e fibre. Per non perdere la vitamina C si raccomanda di cuocerla poco, mentre per assorbire al meglio i caroteni, si consiglia il condimento con olio extravergine d’oliva a crudo. Ha proprietà diuretiche e rinfrescanti per l’intestino, ideale nelle diete dimagranti per il basso contenuto calorico e per il senso di sazietà e dolcezza, che appaga la voglia di dolce. In gravidanza è un alimento importante per il suo contenuto in acido folico e colina, sostanze fondamentali per un corretto sviluppo del tubo neurale del feto.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

Vietato buttare via i semi, che devono essere puliti e tostati, per non perdere una ricchezza unica in minerali come zinco, fosforo, calcio, magnesio, ferro, rame e selenio, che rinforzano il sistema immunitario, ma anche in vitamina B3, la niacina e potenti antiossidanti coma la vitamina E, la luteina e la zeaxantina. I semi sono anche ricchi di acidi grassi polinsaturi e monoinsaturi, rendendoli davvero dei piccoli scrigni di salute e longevità. Si raccomanda però di non salarli, per far sì che apportino solo benefici.

Insomma siamo di fronte ad un vero portento, per cui, visto il periodo, approfittiamone per delle scorpacciate di salute.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.

Corsi - Prevenzione a tavola

Estate, l’alimentazione corretta

Per tenere sotto controllo il caldo, per idratarsi correttamente e rinfrescarsi attraverso le scelte alimentari più corrette

Anguria beach, un fresco aperitivo

Concediamoci un po' di relax con un aperitivo estivo a base di anguria

Umeboshi: cos’è, benefici e ricette

Alla scoperta dell'Umeboshi, la prugna essiccata dalle meravigliose proprietà terapeutiche

Corsi - Prevenzione a tavola

Salsa verde all’acetosella

Anche se non conoscevo proprio questa pianta, nella mia ricerca di ricette tradizionali sono incappata in questa ricetta sfiziosa e semplicissima

Il Corso Base si arricchisce di un nuovo capitolo e due ricettari

La nostra scuola cerca di dare il meglio ogni giorno di più, per questo ci sembrava giusto fornire ulteriori strumenti di apprendimento e comprensione ai nostri allievi che vogliono cambiare la propria alimentazione

Stroncatura, l’antica ricetta calabrese

Oggi andiamo in Calabria per un primo che dentro contiene il sapore del mare e del grano, dei mercanti e dei contadini: la stroncatura è un piatto veloce che si prepara con pochissimi ingredienti

Menopausa, l’alimentazione che ne allevia i sintomi

Consigli alimentari e pratici per vivere la menopausa come un'opportunità e non come un disturbo

Migliaccio, una ricetta antica dal sapore unico

Ecco la mia ricetta del migliaccio, un dolce a base di miglio e guarnito con la composta di albicocche

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale