I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Pubblicato il 11/10/2018 da Prevenzione a tavola

Il ferro è un minerale fondamentale per la salute dell'organismo. Gioca un ruolo essenziale per la sintesi dell'emoglobina (la proteina contenuta nei globuli rossi deputata al trasporto dell'ossigenti) e partecipa al metabolismo cellulare. La sua carenza è all'origine di una forma particolare di anemia, l'anemia sideropenica, caratterizzata da una riduzione dei livelli di emoglobina nel sangue.

Questa condizione può essere il sintomo di altre patologie, come ad esempio la celiachia, e può manifestarsi a seguito di significative croniche perdite di sangue come nel caso di flussi mestruali abbondanti. La carenza di ferro può derivare anche da una dieta in cui il consumo di alimenti contenenti questo minerale è scarso.

In alcuni casi di anemia anche l'alimentazione può contribuire a riportare i livelli di ferro nella norma. Quali sono i cibi che ne contengono di più? Certamente la carne rossa, ma sappiamo bene che secondo le raccomandazioni dell'OMS sulla prevenzione contro il cancro non bisogna abusarne. In compenso ci viene in soccorso il mondo vegetale con i legumi come le lenticchie e la verdura a foglia verde: spinaci, broccoli, lattuga, rucola, radicchio, indivia belga.

Attenzione, però, anche a un altro micronutriente, la vitamina C. L'acido ascorbico contribuisce infatti all'assorbimento del ferro e per questo è importante non farsi mancare in tavola alimenti che ne sono ricchi: agrumi, fragole, kiwi, broccoli, pomodori.

Oltre al ferro anche altre due vitamine possono essere coinvolte nell'insorgenza dell'anemia. Sono la vitamina B12 e l'acido folico necessari per la produzione dei globuli rossi. Per quanto riguarda la vitamina B12, alcune persone, nonostante un adeguato consumo di alimenti che la contengono, possono non essere in grado di assorbirla: in questo caso si parla di anemia perniciosa. Dove trovare questi micronutrienti? La vitamina B12 è presente nella carne, nei latticini, nel fegato, nel pesce mentre l'acido folico e i folati si trovano nella verdura a foglia verde, nei fagioli e nei piselli, ad esempio. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali