I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Pubblicato il 31/07/2018 da Prevenzione a tavola

L’olio extravergine di oliva è un prodotto straordinario, ma che nel corso del tempo subisce inevitabilmente delle modifiche che ne riducono la qualità nutrizionale ed organolettica. Il termine minimo di conservazione, ovvero la data entro cui è consigliabile consumare un olio con inalterate caratteristiche organolettiche, viene stabilito dal produttore ed è in genere intorno ai 18 mesi dalla data di imbottigliamento. Tuttavia, la modalità di conservazione può incidere notevolmente sull’olio, che può danneggiarsi anche prima del termine minimo di conservazione o, al contrario, conservarsi in buone condizioni anche oltre i classici 18 mesi.

Esistono diverse accortezze che ci permettono di conservare nel migliore dei modi il nostro olio e consistono nel tenerlo al riparo da luce, calore e ossigeno.

Questi sono in grado di indurre e velocizzare reazioni chimiche di ossidazione, che possono portare all’aumento dell’acidità libera, alla riduzione dei polifenoli e della vitamina E. Da un punto di vista organolettico invece, possono portare alla formazione di composti che conferiscono odore e sapore sgradevoli, tipici di un olio difettato.

Preservare l’olio dall’ossidazione durante la sua conservazione è possibile e anche molto semplice.

Si consiglia di acquistare e utilizzare bottiglie o oliere di vetro scuro o di qualsiasi altro materiale non trasparente, affinché la luce venga efficacemente schermata. Spesso i produttori confezionano il proprio prodotto in bottiglie trasparenti per permettere al consumatore di vedere il prodotto, ma ciò non fa altro che rendere molto più corta la vita di scaffale di quell’olio. Tra i vari prodotti in commercio è bene scegliere dunque quelli confezionati in modo adeguato.

L’olio va conservato in luoghi freschi e asciutti. La temperatura ideale di conservazione di aggira tra i 15 e i 25°C.

Una pratica comune di chi acquista l’olio direttamente dall’azienda è quella di acquistare confezioni da 5 o più litri e di travasarlo a poco a poco nella bottiglia di uso quotidiano. Quando l’olio resta in confezioni semi piene resta anche a contatto con una grande quantità di aria e di ossigeno. Si consiglia sempre di svuotare completamente i contenitori di grandi dimensioni in più bottiglie di piccole dimensioni. Ultimo consiglio che può sembrare banale, ma non lo è, è quello di richiudere bene il tappo delle vostre bottiglie una volta che le avete utilizzate.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore