I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Pubblicato il 31/07/2018 da Prevenzione a tavola

L’olio extravergine di oliva è un prodotto straordinario, ma che nel corso del tempo subisce inevitabilmente delle modifiche che ne riducono la qualità nutrizionale ed organolettica. Il termine minimo di conservazione, ovvero la data entro cui è consigliabile consumare un olio con inalterate caratteristiche organolettiche, viene stabilito dal produttore ed è in genere intorno ai 18 mesi dalla data di imbottigliamento. Tuttavia, la modalità di conservazione può incidere notevolmente sull’olio, che può danneggiarsi anche prima del termine minimo di conservazione o, al contrario, conservarsi in buone condizioni anche oltre i classici 18 mesi.

Esistono diverse accortezze che ci permettono di conservare nel migliore dei modi il nostro olio e consistono nel tenerlo al riparo da luce, calore e ossigeno.

Questi sono in grado di indurre e velocizzare reazioni chimiche di ossidazione, che possono portare all’aumento dell’acidità libera, alla riduzione dei polifenoli e della vitamina E. Da un punto di vista organolettico invece, possono portare alla formazione di composti che conferiscono odore e sapore sgradevoli, tipici di un olio difettato.

Preservare l’olio dall’ossidazione durante la sua conservazione è possibile e anche molto semplice.

Si consiglia di acquistare e utilizzare bottiglie o oliere di vetro scuro o di qualsiasi altro materiale non trasparente, affinché la luce venga efficacemente schermata. Spesso i produttori confezionano il proprio prodotto in bottiglie trasparenti per permettere al consumatore di vedere il prodotto, ma ciò non fa altro che rendere molto più corta la vita di scaffale di quell’olio. Tra i vari prodotti in commercio è bene scegliere dunque quelli confezionati in modo adeguato.

L’olio va conservato in luoghi freschi e asciutti. La temperatura ideale di conservazione di aggira tra i 15 e i 25°C.

Una pratica comune di chi acquista l’olio direttamente dall’azienda è quella di acquistare confezioni da 5 o più litri e di travasarlo a poco a poco nella bottiglia di uso quotidiano. Quando l’olio resta in confezioni semi piene resta anche a contatto con una grande quantità di aria e di ossigeno. Si consiglia sempre di svuotare completamente i contenitori di grandi dimensioni in più bottiglie di piccole dimensioni. Ultimo consiglio che può sembrare banale, ma non lo è, è quello di richiudere bene il tappo delle vostre bottiglie una volta che le avete utilizzate.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Riso integrale al pesto di fave con profumo di menta

Oggi voglio condividere con voi questa ricetta semplice, veloce, sfiziosa

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Corsi - Prevenzione a tavola

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati