I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Pubblicato il 31/07/2018 da Prevenzione a tavola

L’olio extravergine di oliva è un prodotto straordinario, ma che nel corso del tempo subisce inevitabilmente delle modifiche che ne riducono la qualità nutrizionale ed organolettica. Il termine minimo di conservazione, ovvero la data entro cui è consigliabile consumare un olio con inalterate caratteristiche organolettiche, viene stabilito dal produttore ed è in genere intorno ai 18 mesi dalla data di imbottigliamento. Tuttavia, la modalità di conservazione può incidere notevolmente sull’olio, che può danneggiarsi anche prima del termine minimo di conservazione o, al contrario, conservarsi in buone condizioni anche oltre i classici 18 mesi.

Esistono diverse accortezze che ci permettono di conservare nel migliore dei modi il nostro olio e consistono nel tenerlo al riparo da luce, calore e ossigeno.

Questi sono in grado di indurre e velocizzare reazioni chimiche di ossidazione, che possono portare all’aumento dell’acidità libera, alla riduzione dei polifenoli e della vitamina E. Da un punto di vista organolettico invece, possono portare alla formazione di composti che conferiscono odore e sapore sgradevoli, tipici di un olio difettato.

Preservare l’olio dall’ossidazione durante la sua conservazione è possibile e anche molto semplice.

Si consiglia di acquistare e utilizzare bottiglie o oliere di vetro scuro o di qualsiasi altro materiale non trasparente, affinché la luce venga efficacemente schermata. Spesso i produttori confezionano il proprio prodotto in bottiglie trasparenti per permettere al consumatore di vedere il prodotto, ma ciò non fa altro che rendere molto più corta la vita di scaffale di quell’olio. Tra i vari prodotti in commercio è bene scegliere dunque quelli confezionati in modo adeguato.

L’olio va conservato in luoghi freschi e asciutti. La temperatura ideale di conservazione di aggira tra i 15 e i 25°C.

Una pratica comune di chi acquista l’olio direttamente dall’azienda è quella di acquistare confezioni da 5 o più litri e di travasarlo a poco a poco nella bottiglia di uso quotidiano. Quando l’olio resta in confezioni semi piene resta anche a contatto con una grande quantità di aria e di ossigeno. Si consiglia sempre di svuotare completamente i contenitori di grandi dimensioni in più bottiglie di piccole dimensioni. Ultimo consiglio che può sembrare banale, ma non lo è, è quello di richiudere bene il tappo delle vostre bottiglie una volta che le avete utilizzate.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante