I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Pubblicato il 30/07/2018 da Susanna Bramante

Ancora un caso di disinformazione e allarmismo che riguarda l’agroalimentare italiano: stavolta nel mirino sono finiti i capisaldi dell’alimentazione mediterranea, come parmigiano, olio d’oliva, prosciutto e altre eccellenze italiane notoriamente conosciute per le altissime proprietà nutrizionali e salutistiche. Ma è vero che l’ONU ha messo sotto accusa questi alimenti? Vediamo cosa è successo esattamente e facciamo chiarezza in questa polemica senza fine.

Negli ultimi giorni hanno suscitato scalpore le dichiarazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’agenzia dell’ONU che si occupa di salute, in merito alla campagna di prevenzione contro le malattie cardiovascolari, diabete e tumori attraverso una corretta alimentazione, che prevederebbe un bollino rosso a cibi come parmigiano, prosciutto e olio, per il loro contenuto di grassi saturi e sale. Ma come con l’allarme OMS di quasi tre anni fa riguardo a carne rossa e salumi, anche in questo caso non è mancato il paragone completamente fuori luogo con l’alcol e il fumo. Anche stavolta le dichiarazioni ufficiali sono state completamente fraintese e siamo di fronte ad un altro esempio di disinformazione giornalistica.

Infatti non è assolutamente vero che l’ONU ha bocciato questi alimenti, né starebbe pensando a tassazioni o etichette raccapriccianti come quelle che si trovano sulle confezioni delle sigarette. La stessa OMS ha smentito la notizia che è stata riportata da varie testate con titoli sensazionalistici ed enfasi mediatica, che non trova nella realtà nessun tipo di fondamento.

Il 27 settembre prossimo, in vista di un’assemblea dell’ONU a New York sulle malattie non trasmissibili, nessuno metterà sotto accusa i nobili alimenti della tradizione mediterranea. Il documento originale che ha dato luogo alla polemica, in realtà consiglia ai governi di collaborare con i produttori di «bevande non alcoliche e alimenti» per quanto riguarda «l’etichettatura e la regolamentazione della commercializzazione» di quei prodotti: pertanto i governi dovrebbero «limitare la commercializzazione di prodotti non salutari ai bambini, cioè quelli contenenti una quantità eccessiva di zuccheri, sale, grassi saturi e trans».

La commissione dell’OMS specifica che «dovrebbero essere presi in considerazione incentivi e disincentivi fiscali per incoraggiare stili di vita salutari, promuovendo il consumo di prodotti sani e limitando la commercializzazione, la disponibilità e il consumo di prodotti non salutari». In una nota, poi, si fa presente la possibilità di migliorare le indicazioni sulle etichette per indicare la quantità di sale nei prodotti, ma assolutamente nel documento non si paragona nessun alimento al fumo, né si menzionano le eccellenze italiane indicate nei titoloni ad effetto apparsi negli ultimi giorni

Insomma nessuna guerra all’agroalimentare italiano, anche se il problema dell’etichettatura a semaforo adottata in Gran Bretagna e Francia resta, perché con questo sistema semplicistico si darebbe il verde a prodotti insalubri, come le bibite light gassate ricche di aspartame, che otterrebbero il via libera solo perché dietetici e poveri di zuccheri, mentre bollerebbe di rosso e penalizzerebbe cibi naturali della tradizione mediterranea, grazie ai quali siamo tra i più sani e longevi al mondo, e questo è sbagliato perché si dovrebbe tenere conto della loro composizione nutritiva complessiva, della loro qualità e del loro ruolo e impatto in una dieta varia ed equilibrata.

Insomma i migliori prodotti che rappresentano la nostra identità alimentare per il momento sono salvi, ma resta da capire che tipo di etichettatura verrà proposta per migliorare l’informazione e la consapevolezza dei consumatori per il contrasto delle malattie non trasmissibili causate o aggravate da un’alimentazione eccessiva o scorretta.

Segui il blog di Susanna Bramante

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande