I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Pubblicato il 03/07/2018 da Susanna Bramante

La panzanella è un piatto della tradizione toscana, adatto proprio in questo periodo estivo, essendo molto fresco e leggero, oltre che semplice e veloce da preparare, con ingredienti poveri ed economici. Sono tante le varianti che si possono trovare, ma la vera ricetta prevede solamente pane e verdure estive, quali pomodori, cetrioli e cipolle. Tradizione vuole che venga impiegato il pane toscano DOP, di cui oggi alcuni studi mostrano interessanti proprietà inaspettate e ingrediente anche di altri piatti tipici toscani come la pappa col pomodoro, la ribollita e la zuppa toscana.

Innanzitutto per una panzanella per 4 persone occorrono:

  • 200 grammi di pane toscano raffermo, da tagliare a fette, ammollare in acqua fredda, strizzare e sminuzzare;
  • 2 pomodori, 1 cipolla rossa e 1 cetriolo, da tagliare a fette e aggiungere al pane ammollato e sbriciolato.

Mescolare e condire il tutto con olio extravergine d’oliva e sale. Lasciar riposare in frigo e aggiungere un po’ d’aceto e qualche fogliolina di basilico fresco al momento di servire.

Esistono poi diverse varianti che prevedono l’aggiunta di sedano, insalata, prosciutto, acciughine, uova sode, capperi, formaggio, carote, radicchio, finocchio e tonno, arricchendo un piatto freddo che comunque la tradizione ha già reso saporito di per sé con pochissimi ingredienti.

Ma il punto forte della panzanella è il pane toscano DOP, oggetto di uno studio pisano che si è proposto di sequenziare il DNA delle popolazioni di lieviti e batteri lattici autoctoni del lievito madre, al fine di rivelare le potenziali proprietà funzionali e salutistiche di questo alimento. Dallo studio sono emersi peculiari caratteri tecnologici, organolettici e nutrizionali, grazie ai prodotti del metabolismo della vastità di lieviti e batteri presenti, di cui alcuni hanno mostrato la capacità di degradare i fitati, fattori antinutrizionali che impediscono l'assorbimento di minerali come il ferro, lo zinco e il calcio. Questa caratteristica peculiare e benefica del pane toscano è di notevole importanza non solo per la nostra alimentazione, ma anche perché può consentire la realizzazione di prodotti da forno con alto valore nutrizionale e salutistico.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Non solo. Tra le eccellenze della nutraceutica in Toscana spicca anche un progetto chiamato “FATEPreSco” che si propone di caratterizzare e valorizzare le proprietà cardioprotettive di una nuova farina, derivata da genotipi antichi di frumento tenero ricchi di acido alfa-lipoico (ALA) e biofortificati con ferro e zinco, per la produzione di un pane toscano funzionale, utile per la prevenzione dell’insufficienza cardiaca cronica. Dunque il pane toscano non solo possiede proprietà benefiche intrinseche, ma anche acquisite, attraverso un suo potenziamento che gli conferisce un’azione concreta positiva sulla salute, che può essere trasferita anche in altri prodotti da forno.

Grazie a questi studi sulle proprietà del pane toscano e alla realizzazione di veri e propri alimenti-medicina, mangiare una stuzzicante panzanella non sarà solo un piacere per il palato, ma può trasformarsi in qualcosa di estremamente prezioso per il nostro organismo.

Segui il blog di Susanna Bramante

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino