I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Pubblicato il 18/06/2018 da Prevenzione a tavola

La farina di grano duro è uno dei prodotti della molitura del grano duro, o Triticum aestivum. A seconda del grado di raffinazione e della granulometria, infatti, possiamo avere diversi sfarinati. Sono sfarinati a granulometria progressivamente più fina:

  • semola
  • semolato
  • semola rimacinata
  • semolato rimacinato
  • farina di grano duro

Da un punto di vista nutrizionale questi prodotti sono analoghi; sono invece diversi gli sfarinati ottenuti dal chicco integrale o raffinato.

Il grano duro, così come la maggior parte dei cereali, è un’ottima fonte di carboidrati complessi, una discreta fonte proteica, anche se non di eccellente qualità, mentre è scarsa in lipidi. Sono presenti moltissimi minerali come calcio, potassio magnesio, ferro e fosforo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

Nella tabella sottostante sono riportati i valori nutrizionali della farina di grano duro integrale e raffinata.

Valori nutrizionali medi (100g)

 

Farina di grano duro

Farina integrale di grano duro

Energia

339 kcal

312 kcal

Carboidrati

76,9 g

67,8

Proteine

11,5 g

11,9

Lipidi

0,5 g

1,9

Fibra

3,6 g

7,0 g

Calcio

17 mg

30 mg

Potassio

170 mg

494 mg

Magnesio

144 mg

160 mg

Ferro

1.3 mg

3,6 mg

Fosforo

165 mg

330 mg

Da un punto di vista nutrizionale, la farina integrale ha un più alto contenuto in fibra e in lipidi, a discapito della percentuale di carboidrati, che è invece leggermente più bassa. A livello calorico sono invece comparabili. Il contenuto di minerali è decisamente superiore nella farina integrale, perché presenti insieme alla fibra, nelle porzioni più esterne del chicco, rimosse durante il processo di raffinazione.

Il consumo di cereali e loro derivati integrali è positivo per la salute non tanto per una questione calorica, ma per il maggiore apporto di fibra e minerali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che la fibra è in grado di diminuire l’indice glicemico del pasto, ovvero la velocità con cui aumenta la glicemia, oltre che a giovare alla salute del nostro intestino e della flora che lo abita. Tra i tantissimi prodotti presenti oggi in commercio è bene prediligere, ove possibile, farine di grano integrali.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?