I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Pubblicato il 18/06/2018 da Prevenzione a tavola

La farina di grano duro è uno dei prodotti della molitura del grano duro, o Triticum aestivum. A seconda del grado di raffinazione e della granulometria, infatti, possiamo avere diversi sfarinati. Sono sfarinati a granulometria progressivamente più fina:

  • semola
  • semolato
  • semola rimacinata
  • semolato rimacinato
  • farina di grano duro

Da un punto di vista nutrizionale questi prodotti sono analoghi; sono invece diversi gli sfarinati ottenuti dal chicco integrale o raffinato.

Il grano duro, così come la maggior parte dei cereali, è un’ottima fonte di carboidrati complessi, una discreta fonte proteica, anche se non di eccellente qualità, mentre è scarsa in lipidi. Sono presenti moltissimi minerali come calcio, potassio magnesio, ferro e fosforo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

Nella tabella sottostante sono riportati i valori nutrizionali della farina di grano duro integrale e raffinata.

Valori nutrizionali medi (100g)

 

Farina di grano duro

Farina integrale di grano duro

Energia

339 kcal

312 kcal

Carboidrati

76,9 g

67,8

Proteine

11,5 g

11,9

Lipidi

0,5 g

1,9

Fibra

3,6 g

7,0 g

Calcio

17 mg

30 mg

Potassio

170 mg

494 mg

Magnesio

144 mg

160 mg

Ferro

1.3 mg

3,6 mg

Fosforo

165 mg

330 mg

Da un punto di vista nutrizionale, la farina integrale ha un più alto contenuto in fibra e in lipidi, a discapito della percentuale di carboidrati, che è invece leggermente più bassa. A livello calorico sono invece comparabili. Il contenuto di minerali è decisamente superiore nella farina integrale, perché presenti insieme alla fibra, nelle porzioni più esterne del chicco, rimosse durante il processo di raffinazione.

Il consumo di cereali e loro derivati integrali è positivo per la salute non tanto per una questione calorica, ma per il maggiore apporto di fibra e minerali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che la fibra è in grado di diminuire l’indice glicemico del pasto, ovvero la velocità con cui aumenta la glicemia, oltre che a giovare alla salute del nostro intestino e della flora che lo abita. Tra i tantissimi prodotti presenti oggi in commercio è bene prediligere, ove possibile, farine di grano integrali.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande