I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Pubblicato il 18/06/2018 da Prevenzione a tavola

La farina di grano duro è uno dei prodotti della molitura del grano duro, o Triticum aestivum. A seconda del grado di raffinazione e della granulometria, infatti, possiamo avere diversi sfarinati. Sono sfarinati a granulometria progressivamente più fina:

  • semola
  • semolato
  • semola rimacinata
  • semolato rimacinato
  • farina di grano duro

Da un punto di vista nutrizionale questi prodotti sono analoghi; sono invece diversi gli sfarinati ottenuti dal chicco integrale o raffinato.

Il grano duro, così come la maggior parte dei cereali, è un’ottima fonte di carboidrati complessi, una discreta fonte proteica, anche se non di eccellente qualità, mentre è scarsa in lipidi. Sono presenti moltissimi minerali come calcio, potassio magnesio, ferro e fosforo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

Nella tabella sottostante sono riportati i valori nutrizionali della farina di grano duro integrale e raffinata.

Valori nutrizionali medi (100g)

 

Farina di grano duro

Farina integrale di grano duro

Energia

339 kcal

312 kcal

Carboidrati

76,9 g

67,8

Proteine

11,5 g

11,9

Lipidi

0,5 g

1,9

Fibra

3,6 g

7,0 g

Calcio

17 mg

30 mg

Potassio

170 mg

494 mg

Magnesio

144 mg

160 mg

Ferro

1.3 mg

3,6 mg

Fosforo

165 mg

330 mg

Da un punto di vista nutrizionale, la farina integrale ha un più alto contenuto in fibra e in lipidi, a discapito della percentuale di carboidrati, che è invece leggermente più bassa. A livello calorico sono invece comparabili. Il contenuto di minerali è decisamente superiore nella farina integrale, perché presenti insieme alla fibra, nelle porzioni più esterne del chicco, rimosse durante il processo di raffinazione.

Il consumo di cereali e loro derivati integrali è positivo per la salute non tanto per una questione calorica, ma per il maggiore apporto di fibra e minerali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che la fibra è in grado di diminuire l’indice glicemico del pasto, ovvero la velocità con cui aumenta la glicemia, oltre che a giovare alla salute del nostro intestino e della flora che lo abita. Tra i tantissimi prodotti presenti oggi in commercio è bene prediligere, ove possibile, farine di grano integrali.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'