I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Pubblicato il 01/06/2018 da Prevenzione a tavola

Le mandorle sono un alimento sano e nutriente, ottimo da consumare a merenda. Una manciata di mandorle, tra 10 e 15 a seconda della dimensione, apporta una buona quota di energia, 120-150 kcal, che sazia a lungo grazie alla presenza di grassi e fibre, soprattutto se si consumano le mandorle sgusciate nella versione integrale e non le mandorle pelate. La mandorla è infatti composta per circa il 50-60% da grassi, per lo più monoinsaturi, 20% proteine e 15-20% di carboidrati. Considerevole è anche l’apporto di fibra, che nelle versioni integrali può raggiungere il 15%.

L’Italia è uno tra i più importanti produttori di mandorle, insieme a Spagna, Stati Uniti, in particolare la California, Tunisia, Turchia, Marocco e il Brasile. La California è la principale regione produttrice, da cui proviene circa il 60% delle mandorle in commercio. Esistono più di 400 diverse varietà in tutto il mondo, differenti per caratteristiche nutrizionali (per lo più contenuto in oli) e organolettiche (sapore e odore).

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Le varietà italiane si caratterizzano per una qualità organolettica e nutrizionale alta, un più alto contenuto medio in grassi buoni, ed un prezzo competitivo, soprattutto se ci si rivolge direttamente ai produttori locali.

Tra le più famose vi sono la varietà Filippo Cea pugliese chiamata anche mandorla di Toritto, che si caratterizza per un profilo aromatico particolare ed un sapore dolce, e la Pizzuta siciliana, nota soprattutto per l’alto contenuto di vitamina E, oltre che di composti bioattivi. Per queste ragioni, le mandorle italiane ben si prestano anche per la realizzazione di dolci e di pasticceria secca, che rappresenta la tradizione dolciaria di tantissime regioni Italiane. Un altro fattore a favore del consumo di mandorle italiane risiede nel fatto che il lungo trasporto che devono affrontare le mandorle straniere le rendono più suscettibili a contaminazioni di natura chimica e microbiologica.

Ci sono tante alternative in commercio. Quale scegliere dunque? Tantissimi fattori ci spingono a scegliere mandorle italiane. Non solo aiutiamo a sostenere l’economia nazionale e i produttori locali, ma siamo certi di acquistare anche un prodotto di eccezionale qualità.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti