I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Pubblicato il 09/05/2018 da Pippo

DOP e IGP sono due marchi di qualità utilizzati per contraddistinguere dei prodotti alimentari che mantengono un forte legame con il territorio di origine.

L’acronimo DOP sta per “denominazione di origine protetta” e viene utilizzato per definire quegli alimenti che vengono prodotti e trasformati in una determinata area geografica. Questo perché le caratteristiche peculiari di quel prodotto derivano in gran parte dal luogo di produzione e dunque dai fattori umani e naturali caratteristici di quella regione.

L’acronimo IGP, invece, significa “Indicazione Geografica protetta” e viene utilizzato per definire alimenti che devono le peculiari caratteristiche al fatto che almeno una delle sue fasi di produzione o trasformazione sia svolta in una regione geografica specifica.

La differenza tra i due marchi consiste nel fatto che, mentre il marchio DOP assicura che tutte le fasi di produzione e trasformazione vengano svolti in una specifica area geografica, quella IGP no. Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Scegliere un olio extravergine di oliva dop significa avere numerose garanzie circa le caratteristiche dell’olio che stiamo acquistando. Quando parliamo di un alimento che è composto da un solo ingrediente, come l’olio evo, il territorio di origine è molto importante, perché determina gran parte delle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche del prodotto finito.

Ogni tipologia di olive, o cultivar, mostra infatti caratteristiche peculiari proprie, tra cui il contenuto di polifenoli è forse quella più importante e che determina in gran parte la presenza e l’intensità dell’amaro e del piccante tanto positivi per la salute. Dato che la lavorazione rapida è un altro dei fattori importanti per produrre un olio di qualità ed evitare la precoce fermentazione delle olive, è consigliabile poter raggiungere il frantoio rapidamente e lavorare le olive in prossimità della zona di produzione. È anche per questo motivo che attualmente esistono circa 40 oli extravergini di oliva DOP, mentre sono solo 3 quelli con marchio IGP quelli tra cui scegliere.  Anche se entrambi i marchi sono una garanzia di tracciabilità e qualità dell’olio extravergine, gli oli DOP sono dei prodotti intimamente legati alla terra di origine e i più rappresentati tra gli oli extravergine in commercio con certificazione di origine.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici dell’Olio extra vergine d’oliva



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande