I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Pubblicato il 09/05/2018 da Pippo

DOP e IGP sono due marchi di qualità utilizzati per contraddistinguere dei prodotti alimentari che mantengono un forte legame con il territorio di origine.

L’acronimo DOP sta per “denominazione di origine protetta” e viene utilizzato per definire quegli alimenti che vengono prodotti e trasformati in una determinata area geografica. Questo perché le caratteristiche peculiari di quel prodotto derivano in gran parte dal luogo di produzione e dunque dai fattori umani e naturali caratteristici di quella regione.

L’acronimo IGP, invece, significa “Indicazione Geografica protetta” e viene utilizzato per definire alimenti che devono le peculiari caratteristiche al fatto che almeno una delle sue fasi di produzione o trasformazione sia svolta in una regione geografica specifica.

La differenza tra i due marchi consiste nel fatto che, mentre il marchio DOP assicura che tutte le fasi di produzione e trasformazione vengano svolti in una specifica area geografica, quella IGP no. Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Scegliere un olio extravergine di oliva dop significa avere numerose garanzie circa le caratteristiche dell’olio che stiamo acquistando. Quando parliamo di un alimento che è composto da un solo ingrediente, come l’olio evo, il territorio di origine è molto importante, perché determina gran parte delle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche del prodotto finito.

Ogni tipologia di olive, o cultivar, mostra infatti caratteristiche peculiari proprie, tra cui il contenuto di polifenoli è forse quella più importante e che determina in gran parte la presenza e l’intensità dell’amaro e del piccante tanto positivi per la salute. Dato che la lavorazione rapida è un altro dei fattori importanti per produrre un olio di qualità ed evitare la precoce fermentazione delle olive, è consigliabile poter raggiungere il frantoio rapidamente e lavorare le olive in prossimità della zona di produzione. È anche per questo motivo che attualmente esistono circa 40 oli extravergini di oliva DOP, mentre sono solo 3 quelli con marchio IGP quelli tra cui scegliere.  Anche se entrambi i marchi sono una garanzia di tracciabilità e qualità dell’olio extravergine, gli oli DOP sono dei prodotti intimamente legati alla terra di origine e i più rappresentati tra gli oli extravergine in commercio con certificazione di origine.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici dell’Olio extra vergine d’oliva



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle