I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Pubblicato il 09/05/2018 da Pippo

DOP e IGP sono due marchi di qualità utilizzati per contraddistinguere dei prodotti alimentari che mantengono un forte legame con il territorio di origine.

L’acronimo DOP sta per “denominazione di origine protetta” e viene utilizzato per definire quegli alimenti che vengono prodotti e trasformati in una determinata area geografica. Questo perché le caratteristiche peculiari di quel prodotto derivano in gran parte dal luogo di produzione e dunque dai fattori umani e naturali caratteristici di quella regione.

L’acronimo IGP, invece, significa “Indicazione Geografica protetta” e viene utilizzato per definire alimenti che devono le peculiari caratteristiche al fatto che almeno una delle sue fasi di produzione o trasformazione sia svolta in una regione geografica specifica.

La differenza tra i due marchi consiste nel fatto che, mentre il marchio DOP assicura che tutte le fasi di produzione e trasformazione vengano svolti in una specifica area geografica, quella IGP no. Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Scegliere un olio extravergine di oliva dop significa avere numerose garanzie circa le caratteristiche dell’olio che stiamo acquistando. Quando parliamo di un alimento che è composto da un solo ingrediente, come l’olio evo, il territorio di origine è molto importante, perché determina gran parte delle caratteristiche nutrizionali ed organolettiche del prodotto finito.

Ogni tipologia di olive, o cultivar, mostra infatti caratteristiche peculiari proprie, tra cui il contenuto di polifenoli è forse quella più importante e che determina in gran parte la presenza e l’intensità dell’amaro e del piccante tanto positivi per la salute. Dato che la lavorazione rapida è un altro dei fattori importanti per produrre un olio di qualità ed evitare la precoce fermentazione delle olive, è consigliabile poter raggiungere il frantoio rapidamente e lavorare le olive in prossimità della zona di produzione. È anche per questo motivo che attualmente esistono circa 40 oli extravergini di oliva DOP, mentre sono solo 3 quelli con marchio IGP quelli tra cui scegliere.  Anche se entrambi i marchi sono una garanzia di tracciabilità e qualità dell’olio extravergine, gli oli DOP sono dei prodotti intimamente legati alla terra di origine e i più rappresentati tra gli oli extravergine in commercio con certificazione di origine.

GUARDA IN ALTO IL VIDEO: Tutti i benefici dell’Olio extra vergine d’oliva



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica

Bentornati asparagi, alleati della nostra salute

Con il mese di marzo possiamo salutare calorosamente i nuovi arrivati di stagione: gli asparagi!

Corsi - Prevenzione a tavola

Un panconiglio con crema di nocciola

Unaricetta buona e sana, senza zuccheri aggiunti ovviamente e con farina semintegrale

Crostata testa di moro, ma non solo e sempre cioccolato

Un'alternativa alla solita crostata al cioccolato, ma più buona e sana

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Corsi - Prevenzione a tavola

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo