I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

Pubblicato il 23/04/2018 da Prevenzione a tavola

I grani antichi sono quei cereali che sono stati coltivati per molto tempo in Italia e nell’aerea mediterranea fino a che sono stati sostituiti da varietà, cosiddette “moderne”, caratterizzate da resa produttiva, facilità di raccolta e resistenza ai patogeni decisamente superiore.

I grani antichi sono recentemente tornati sul mercato, soprattutto come coltivazioni in regime biologico, trovando il consenso di una buona fetta di mercato per varie ragioni:

  • tutelano la biodiversità
  • tutelano l’ambiente, perché necessitano di un minor uso di pesticidi e concimi
  • sono sostenibili per l’uomo e l’ambiente
  • sono spesso utilizzati per produrre farine integrali e biologiche

I grani antichi sono infatti grani che nel corso del tempo si sono adattati a sopravvivere in areali difficili e in condizioni avverse, come possono essere le zone montuose, siccitose o con temperature molto rigide.

È per questo motivo che i grani antichi ben si adattano alla coltivazione in regime biologico, dove i prodotti fitosanitari e fertilizzanti, che possono essere utilizzati, sono limitati e spesso meno efficaci rispetto a quelli permessi in agricoltura convenzionale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: I grani antichi sono davvero più sani di quelli moderni?

Tutto ciò si ripercuote sulla sostenibilità di queste coltivazioni, che richiedono pochi input chimici, soprattutto in termini di antiparassitari.

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano, in altre parole si tutela la biodiversità. Anche grazie alla tutela dell’ambiente e alla loro sostenibilità, queste coltivazioni aumentano la biodiversità dell’intero ecosistema, promuovendo la salute del pianeta.

Una scelta, probabilmente commerciale, è quella di destinare una buona percentuale di questi grani alla produzione di farine integrali, che sono ricchi di fibre, minerali e antiossidanti. Oggi è possibile trovare sul mercato tante farine ottenute da grani antichi, sia di grano duro, come il Senatore Cappelli pugliese o il Timilia siciliano, utilizzati per la produzione di pasta e pane di semola, che di grano tenero, come il Solina, utilizzato invece per la produzione di lievitati e crespelle.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Farina biologica macinata a pietra: un giovane salva un mulino per produrla



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'