I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Pubblicato il 30/03/2018 da Prevenzione a tavola

Il consumo di alcool non viene raccomandato in nessuna fascia di popolazione o di età ed è fortemente sconsigliato in gravidanza e allattamento. Assumere alcool in gravidanza è molto rischioso, sia che esso provenga da bevande con una gradazione alcolica medio-bassa, come la birra, sia che si consumino vino o liquori dalla gradazione più alta.

L’alcool assunto durante la gravidanza passa attraverso la placenta e arriva pressoché nelle stesse concentrazioni al feto. Il feto, i bambini e gli adolescenti non possiedono gli enzimi necessari per il suo metabolismo, pertanto può provocare danni che possono anche essere irreparabili.

Al consumo di alcol in gravidanza si associa un elevato rischio di:

  • aborto, soprattutto nel secondo trimestre
  • parto pretermine
  • danni al feto, come il ritardo della crescita e anomalie nello sviluppo morfologico e neurologico.

I disturbi neurologici possono manifestarsi anche in età pediatrica sotto forma di problemi di attenzione, iperattività, anomalie cognitive e relazionali. Ad oggi non sono presenti studi che evidenzino i possibili danni a lungo termine del consumo di alcol durante la gravidanza.

Sebbene oggi più della metà delle donne che allatta assume anche solo sporadicamente birra, il consumo di alcol è sconsigliato anche durante l’allattamento per vari motivi:

  • si ritrova nel latte materno e viene dunque consumato dal bambino, che non può metabolizzarlo
  • può interferire con la produzione del latte, e di fatto diminuire la quantità prodotta
  • può modificarne il sapore, rendendolo meno appetibile al neonato.

Occorre prestare molta attenzione ai prodotti in commercio, perché anche le cosiddette birre analcoliche possono contenere alcol, seppur in limitata quantità; esistono tuttavia birre prive di alcol. Per scegliere consapevolmente è opportuno informarsi, cominciando col leggere con attenzione l’etichetta, per accertarsi della quantità effettiva di alcol che è presente nel prodotto. Per aiutarti può essere utile consultare la classifica delle migliori birre di wikonsumer.org.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande