I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Pubblicato il 27/03/2018 da Prevenzione a tavola

L’olio extravergine di oliva, o evo, è uno dei prodotti di eccellenza della dieta mediterranea. Per essere denominato extra vergine, un olio deve possedere determinate caratteristiche chimiche e organolettiche, pena il declassamento a olio vergine o lampante.

Per scegliere il miglior olio evo serve conoscere quali sono le caratteristiche di un olio extravergine di qualità: ovvero parametri rilevabili mediante analisi chimiche (acidità, numero di perossidi, polifenoli, …), ma anche mediante analisi sensoriale. Fruttato, amaro e piccante sono i tre attributi organolettici positivi che possono essere usati per descrivere un olio evo. Più è alto il loro valore e maggiore è la qualità dell’olio. Le caratteristiche chimiche servono a valutare lo stato di ossidazione dell’olio. Un olio meno ossidato non è solo più salutare, ma salvaguarda la qualità dell’olio stesso. L’ossidazione infatti porta alla perdita della vitamina E, dei polifenoli e dei tocoferoli ad azione antiossidante.

È importante sapere che le caratteristiche sensoriali sono strettamente collegate a quelle chimiche infatti:

  • l’attributo fruttato, che per legge deve sempre essere percepibile negli oli evo, è direttamente correlato all’uso di olive sane nella produzione dell’olio
  • amaro e piccante sono direttamente correlati alla presenza di polifenoli, tocoferoli e vitamina E

Purtroppo per un consumatore non è semplice poter scegliere quale prodotto in commercio comprare perché non è obbligatoria l’indicazione in etichetta delle caratteristiche chimiche e organolettiche.

Tuttavia sapere la varietà di olive con cui è stato prodotto l’olio, conoscere il produttore, affidarsi a certificazioni DOP, IGP e Bio, sono un ottimo inizio. I polifenoli sono presenti ad alte concentrazioni in molte varietà, ma gli oli ottenuti da coratina pugliese presentano un contenuto in polifenoli mediamente superiore rispetto agli altri; le certificazioni DOP, IGP e Bio prevedono disciplinari più rigidi rispetto alle normative.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti