I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Pubblicato il 27/03/2018 da Prevenzione a tavola

L’olio extravergine di oliva, o evo, è uno dei prodotti di eccellenza della dieta mediterranea. Per essere denominato extra vergine, un olio deve possedere determinate caratteristiche chimiche e organolettiche, pena il declassamento a olio vergine o lampante.

Per scegliere il miglior olio evo serve conoscere quali sono le caratteristiche di un olio extravergine di qualità: ovvero parametri rilevabili mediante analisi chimiche (acidità, numero di perossidi, polifenoli, …), ma anche mediante analisi sensoriale. Fruttato, amaro e piccante sono i tre attributi organolettici positivi che possono essere usati per descrivere un olio evo. Più è alto il loro valore e maggiore è la qualità dell’olio. Le caratteristiche chimiche servono a valutare lo stato di ossidazione dell’olio. Un olio meno ossidato non è solo più salutare, ma salvaguarda la qualità dell’olio stesso. L’ossidazione infatti porta alla perdita della vitamina E, dei polifenoli e dei tocoferoli ad azione antiossidante.

È importante sapere che le caratteristiche sensoriali sono strettamente collegate a quelle chimiche infatti:

  • l’attributo fruttato, che per legge deve sempre essere percepibile negli oli evo, è direttamente correlato all’uso di olive sane nella produzione dell’olio
  • amaro e piccante sono direttamente correlati alla presenza di polifenoli, tocoferoli e vitamina E

Purtroppo per un consumatore non è semplice poter scegliere quale prodotto in commercio comprare perché non è obbligatoria l’indicazione in etichetta delle caratteristiche chimiche e organolettiche.

Tuttavia sapere la varietà di olive con cui è stato prodotto l’olio, conoscere il produttore, affidarsi a certificazioni DOP, IGP e Bio, sono un ottimo inizio. I polifenoli sono presenti ad alte concentrazioni in molte varietà, ma gli oli ottenuti da coratina pugliese presentano un contenuto in polifenoli mediamente superiore rispetto agli altri; le certificazioni DOP, IGP e Bio prevedono disciplinari più rigidi rispetto alle normative.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore