I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

Pubblicato il 27/02/2018 da Prevenzione a tavola

In questo articolo, affrontiamo una tematica da sempre molto dibattuta, riguardante il re degli alimenti della dieta mediterranea: olio evo e dieta. In tanti si chiedono se l’olio extravergine di oliva fa ingrassare, quanto olio al giorno bisogna assumere per non ingrassare e se è vero che a crudo è più dietetico.

Da subito sfatiamo il mito che l’olio extravergine di oliva fa ingrassare. La sua assunzione giornaliera, infatti, è indicata in caso di dieta ipocalorica perché:

  • aumenta il senso di sazietà
  • rende più buone verdure ricche di fibre, che sono sazianti
  • riduce l’indice glicemico di un pasto.

E’ bene sapere che i picchi glicemici rallentano il metabolismo e provocano sovrappeso. Alcune preziose molecole dell’olio evo, come l’acido oleico e i polifenoli, sono responsabili della riduzione dell’indice glicemico di un pasto.

È bene però ricordare che l’olio evo, come tutti gli olii, è composto al 99,9% da grassi, di cui circa il 75% sono insaturi. Questo significa che l’olio è un alimento calorico e per non incorrere in controindicazioni, è bene assumere non più di 2 o 3 cucchiai al giorno, che corrispondono a 180/270 kcal giornaliere.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Sono molti gli studi scientifici, da cui emerge che il peso non aumenta se l’assunzione di olio è correlata al fabbisogno lipidico giornaliero. Infatti anche in caso di dieta ipocalorica è consigliato assumere il 25% delle calorie dai grassi.

Le calorie dell’olio evo cucinato rimangono sempre le stesse. Questo significa che l’olio a crudo non è meno calorico di quello cucinato. E’ consigliato assumerlo a crudo perché si preservano le sue preziose molecole, come ad esempio i polifenoli, responsabili di innumerevoli proprietà benefiche per il corpo umano. Un consumatore, dovrebbe sempre acquistare un buon olio evo, cercando di sceglierlo ricco di polifenoli. (Fonte)

Potrebbe interessarvi anche il video: A ogni metodo di cottura il suo olio

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo