I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

Pubblicato il 27/02/2018 da Prevenzione a tavola

In questo articolo, affrontiamo una tematica da sempre molto dibattuta, riguardante il re degli alimenti della dieta mediterranea: olio evo e dieta. In tanti si chiedono se l’olio extravergine di oliva fa ingrassare, quanto olio al giorno bisogna assumere per non ingrassare e se è vero che a crudo è più dietetico.

Da subito sfatiamo il mito che l’olio extravergine di oliva fa ingrassare. La sua assunzione giornaliera, infatti, è indicata in caso di dieta ipocalorica perché:

  • aumenta il senso di sazietà
  • rende più buone verdure ricche di fibre, che sono sazianti
  • riduce l’indice glicemico di un pasto.

E’ bene sapere che i picchi glicemici rallentano il metabolismo e provocano sovrappeso. Alcune preziose molecole dell’olio evo, come l’acido oleico e i polifenoli, sono responsabili della riduzione dell’indice glicemico di un pasto.

È bene però ricordare che l’olio evo, come tutti gli olii, è composto al 99,9% da grassi, di cui circa il 75% sono insaturi. Questo significa che l’olio è un alimento calorico e per non incorrere in controindicazioni, è bene assumere non più di 2 o 3 cucchiai al giorno, che corrispondono a 180/270 kcal giornaliere.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

Sono molti gli studi scientifici, da cui emerge che il peso non aumenta se l’assunzione di olio è correlata al fabbisogno lipidico giornaliero. Infatti anche in caso di dieta ipocalorica è consigliato assumere il 25% delle calorie dai grassi.

Le calorie dell’olio evo cucinato rimangono sempre le stesse. Questo significa che l’olio a crudo non è meno calorico di quello cucinato. E’ consigliato assumerlo a crudo perché si preservano le sue preziose molecole, come ad esempio i polifenoli, responsabili di innumerevoli proprietà benefiche per il corpo umano. Un consumatore, dovrebbe sempre acquistare un buon olio evo, cercando di sceglierlo ricco di polifenoli. (Fonte)

Potrebbe interessarvi anche il video: A ogni metodo di cottura il suo olio

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande