I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni

Pubblicato il 08/02/2018 da Susanna Bramante

Secondo alcune ricerche esiste un aspetto molto insidioso di un consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni contenuti possono modificare e inibire il normale sviluppo sessuale e causare in età adulta problemi di riproduzione e fertilità. Alla luce di quanto emerso, possiamo dare con sicurezza la soia ai nostri bambini?

Secondo uno studio del 2016 l’esposizione ai fitoestrogeni della soia durante l’infanzia può compromettere lo sviluppo del sistema riproduttivo, causando nelle donne adulte un’alterazione del flusso mestruale. Analizzando le cellule dell’epitelio vaginale di bambine alimentate con la soia, è emersa un’alterazione del DNA, confermando che l’esposizione nei primi anni di vita ai suoi composti estrogenici influisce sullo sviluppo del sistema riproduttivo, sia nei modelli animali studiati che nell’uomo.

Già nel 2000 il governo britannico ha avvertito i genitori sui possibili effetti negativi del latte di soia sui bambini, proprio a causa dell’effetto dei fitoestrogeni sullo sviluppo sessuale e la riproduzione, ma anche sullo sviluppo neuro comportamentale, sulla funzione immunitaria e della tiroide.

Paragonando il contenuto di isoflavoni dei prodotti a base di soia con quello presente nel latte umano o nelle migliori formule per infanti a base di latte di vacca, troviamo che in quest’ultime i livelli di isoflavoni si attestano intorno a uno 0,005-0,01 mg al giorno, contro i 22-47 mg di fitoestrogeni contenuti nella soia: una differenza notevole, soprattutto se si pensa al latte, un alimento che ai bambini viene dato tutti i giorni, anche più volte al giorno. È stato dimostrato che i bambini alimentati con soia hanno più estrogeni (dalle 13.000 alle 22.000 volte) rispetto ai bambini alimentati con latte vaccino, con un effetto analogo all’assunzione della pillola anticoncezionale.

Secondo un rapporto svizzero, 100 mg di isoflavoni in una donna adulta forniscono l’equivalente estrogenico di un contraccettivo: calcolando la quantità media assunta da un bambino in base ai formulati di soia, viene fornito l’equivalente estrogenico di almeno 5 pillole anticoncezionali.

Nei neonati alimentati con latte artificiale a base di soia è stata trovata nelle urine una concentrazione di isoflavoni 500 volte superiore rispetto ai neonati alimentati con latte di vacca. Circa il 30% dei bambini negli Stati Uniti sono esposti a queste dosi massicce di isoflavoni e anche in Italia la somministrazione di latte di soia ai bambini si sta consolidando, soprattutto nel caso di intolleranza al lattosio o per scelte dei genitori legate a varie motivazioni, comprese quelle etiche e ideologiche.

Nonostante i livelli di fitoestrogeni molto alti e i problemi di fertilità evidenziati negli animali alimentati con soia, il latte artificiale di soia continua a essere visto come un’opzione valida per l’alimentazione dei neonati, qualora l’allattamento al seno non sia possibile o se esistano allergie al latte artificiale vaccino. Ciò a causa della mancanza di evidenti effetti clinici avversi e di correlazioni significative tra le concentrazioni di isoflavoni e i livelli di alcuni ormoni.

Che i fitoestrogeni nei formulati di soia siano biologicamente attivi nei neonati è comunque una questione aperta. Anche se l’attuale evidenza scientifica non è sufficiente a dimostrare che l’esposizione a questi composti sia tossica, non si può dire con certezza nemmeno il contrario: per molti ricercatori però l’attesa di ulteriori studi sugli uomini per conseguire prove certe sarà pagata a caro prezzo.

Il dibattito è in corso e il buon senso è l’unica arma di cui al momento possiamo disporre. Come ha detto Claude Hughes, direttore del Women’s Health Center al Cedars-Sinai medical Center di Los Angeles, «la mia opinione professionale è che ha più senso non esporre inutilmente il neonato a questi preparati. Mentre l’allattamento al seno è di gran lunga preferibile, le madri che non allattano al seno dovrebbero utilizzare preparati a base di latte e considerare quelli a base di soia come ultima risorsa».

Estratto dal libro “La soia: fa bene o fa male?”, Edizioni L’Età dell’Acquario

Segui il blog di Susanna Bramante

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande