I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il miglior farmaco naturale si chiama melagrana

I suoi principi attivi sono utili nella prevenzione e nel trattamento di moltissime patologie

Pubblicato il 23/01/2018 da Susanna Bramante

La melagrana è un frutto dalle origini antiche, proveniente dall’Iran e coltivato nel Caucaso, in India e in tutta la regione mediterranea. È costituita da tanti chicchi rossi, poco dolci e succosi agglomerati tra loro, un po’ noiosi da sgranare, ragion per cui spesso gli viene preferita altra frutta più conosciuta e dall’utilizzo più immediato. Ma una volta imparato a consumarla, sarebbe un peccato perdersi le sue straordinarie virtù.

Nell'ultimo decennio infatti sono stati pubblicati numerosi studi sulle proprietà antiossidanti, anticancerogene, anti-aterosclerotiche e antinfiammatorie dei costituenti della melagrana, incentrati sul trattamento e sulla prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari e del diabete.

L'interesse crescente della ricerca nei confronti di questo frutto riguarda soprattutto la sua esclusiva composizione biochimica, quindi il suo contenuto in polifenoli, come tannini e flavonoidi antiossidanti che gli conferiscono eccezionali qualità curative ed effetti antitumorali, anche se è necessario replicare e confermare la sua validità terapeutica con più studi clinici. In particolare i tumori contro cui si è dimostrato efficace è quello polmonare, della prostata, del seno, della pelle e del colon.

La melagrana infatti viene ampiamente utilizzata in medicina nelle applicazioni cliniche per le sue proprietà terapeutiche nei confronti di una varietà di disturbi, in quanto le sue componenti fitochimiche tra cui quercetina, rutina, acido tannico, antociani e catechine possiedono delle vere proprietà farmacologiche e tossicologiche, anche se i meccanismi d’azione non sono tuttora chiari.

Un’altra interessante proprietà è quella antibatterica e antifungina, in quanto è stato dimostrato che l’estratto di melagrana è in grado di inibire patogeni come lo Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Listeria monocytogenes, Salmonella e il fastidiosissimo fungo Candida albicans, grazie alla presenza inibitori attivi nelle bucce, inclusi fenoli e flavonoidi e di acido ellagico nel succo, un tannino bioattivo noto per la sua attività antiossidante, antitumorale e antinfiammatoria.

Recenti ricerche suggeriscono che il succo di melagrana può prevenire anche il diabete, grazie alla sua azione ipoglicemica e alla presenza di composti attivi, come gli acidi oleanolico, ursolico e gallico, dotati di azioni antidiabetiche, per cui merita ulteriori indagini per la messa a punto di trattamenti medici che siano davvero efficaci contro il diabete mellito di tipo 2.

Altre potenziali applicazioni includono l'ischemia cerebrale infantile, la disfunzione erettile e l'infertilità maschile, il morbo di Alzheimer, l'artrite, l'obesità e le malattie gengivali e dentali.

Ma come gustarlo al meglio? I semini presenti nel chicco infatti possono risultare troppo legnosi e fastidiosi in bocca e irritare l’intestino, per cui ideale sarebbe frullarlo, così che i semi vengano completamente schiacciati e amalgamati al succo, seguendo ad esempio questa gustosa ricetta che mostra come sgranare e frullare il melograno in un delizioso e cremoso “smoothie”.

LEGGI ANCHE: Come sbucciare la melagrana in 1 minuto

Anche le bucce sono commestibili e come i semi contengono frazioni ricchissime di antiossidanti, che possono essere sfruttati non solo nella realizzazione di prodotti alimentari, ma anche di integratori e prodotti nutraceutici. La buccia può essere arrostita in padella oppure seccata e usata per realizzare tisane, decotti e infusi, oppure frullata insieme al succo o bollita per poi utilizzare l’acqua di bollitura una volta raffreddata, che si è arricchita di tutte le sue componenti benefiche.

Nonostante le sue innumerevoli virtù è sempre valida la regola dell’evitarne l’abuso, come per tutti gli alimenti, per scongiurare il pericolo di intossicazione derivata dall’eccessiva somministrazione di principi attivi che può avere delle controindicazioni anche gravi, come senso generale di malessere e difficoltà respiratoria.

Resta comunque facile capire come mai sia stato soprannominato il "frutto della forza della natura", che però occorre consumare in modo giusto per poter usufruire al meglio dei suoi benefici.

Segui il blog di Susanna Bramante

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande