I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Listeria nella provola, ritirato un lotto

Il Ministero della Salute ha provveduto al ritiro di un lotto di provola

Pubblicato il 14/12/2017 da Prevenzione a tavola

Il Ministero della Salute ha provveduto al ritiro di un lotto di provola del marchio F.lli Gentile, pubblicando il comunicato ufficiale nella sezione Avvisi di sicurezza del sito ufficiale. Il motivo del richiamo è dovuto al riscontro della presenza di Listeria monocytogenes, che già in passato ha causato altri ritiri alimentari da parte del dicastero italiano. Nel mese di dicembre, il Ministero ha, inoltre, richiamato un lotto di salame nostrale [VIDEO], perché contaminato dal pericoloso agente batterico salmonella, anche lui alla base di numerosi richiami alimentari in Italia nel corso degli ultimi mesi, stando alla lista ufficiale presente sul portale istituzionale.

Presenza di Listeria monocytogenes Il lotto ritirato della provola F.lli Gentile di Catanzaro è il numero 27. La data di scadenza riportata nel prodotto in questione è il 27 gennaio 2018. Il richiamo fa riferimento alla confezione di formaggio a pasta filata di latte di mucca dal peso di 1,5 kg. Nel documento pubblicato dal Ministero italiano della Salute si legge inoltre che la sede dello stabilimento in cui è stato confezionato il prodotto alimentare è in via Bellavista a Carlopoli, comune della provincia di Catanzaro, in Calabria.

In casi come questi, è vivamente consigliato non consumare l'alimento oggetto del richiamo da parte del dicastero della salute e di riportarlo nel punto vendita dove lo si era acquistato in precedenza. Tali linee guida sono le stesse presenti nel foglio del Ministero, dove in alternativa si consiglia di contattare il numero di telefono 3396168277.

Viene inoltre posta in evidenza l'immagine del marchio della provola, con l'elenco degli ingredienti e i valori nutrizionali. E' importante però tenere in considerazione il lotto di produzione e la data di scadenza riportata sulla confezione, con la dicitura "da consumarsi preferibilmente entro il". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Corsi - Prevenzione a tavola

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia