I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco perché mangiare tanto cavolo nero

Ingrediente principale della ribollita toscana, un toccasana contro il freddo

Pubblicato il 11/12/2017 da Susanna Bramante

Il cavolo nero è un ortaggio tipico dei mesi invernali, uno dei più nutrienti tra i suoi simili, riconoscibile per le foglie robuste e increspate, di colore verde scuro dai riflessi nero-blu. E’ uno degli ingredienti principali della ribollita, un famoso piatto della tradizione toscana, un “comfort food” per eccellenza, cioè un “cibo del conforto”, per la sua capacità di far compiere un viaggio interiore che riporta all’infanzia, dando sollievo e consolazione, grazie al calore e ai sapori ritrovati di un tempo, e piatto povero “di recupero”, dalla lunga e attenta preparazione che la rende sostanziosa e saporita, un vero toccasana contro il freddo.

Il cavolo nero ha tantissime proprietà benefiche, grazie alla sua ricchezza in polifenoli, come i flavonoidi, sostanze fitochimiche ad altissima attività antiossidante e antinfiammatoria. Per il suo alto contenuto in composti fenolici e organosolforati, in glucosinolati e isotiocianati, sostanze che si trovano anche nelle altre brassicacee (famiglia dei cavoli e broccoli) responsabili del caratteristico odore di zolfo quando cotti, è stato dimostrato che il cavolo nero ha proprietà detossificanti e un ruolo protettivo in caso di dieta troppo ricca di grassi, stimolandone la demolizione e riducendo il colesterolo totale, contrastando l’aumento di peso oltre che tutte le patologie derivanti da un eccesso di grassi nel sangue.

LEGGI ANCHE: 4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

In uno studio del 2015 effettuato sui ratti invece è stato osservato che germogli di cavolo nero bioattivati possono avere proprietà neuroprotettive in caso di ischemia cerebrale: questo risultato può essere interessante anche per l’industria farmacologica allo scopo di sviluppare nuovi farmaci con questi estratti metabolicamente attivi di cavolo nero, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e protettive dallo stress ossidativo dei radicali liberi.

Le vitamine più rappresentate sono la vitamina C e la vitamina A, mentre come sali minerali troviamo soprattutto calcio e ferro, ma sono poco biodisponibili. Uno dei lati negativi del cavolo nero, che accomuna tutta la famiglia delle brassicacee, è infatti la presenza di fattori antinutrizionali e di composti goitrogeni, che interferiscono con il funzionamento della tiroide. Per questo motivo bisognerebbe non solo evitare di consumare i cavoli crudi, in quanto la cottura riesce a ridurre i composti goitrogeni ad un livello accettabile, ma anche di abusarne, nonostante la presenza di importanti benefici, e questa è sempre una regola generale valida per tutti gli alimenti.

C’è da dire che la cottura, se da un lato inibisce i composti goitrogeni e migliora la digeribilità, dall’altro, se prolungata, distrugge le vitamine e può ridurre l’efficacia di alcuni antiossidanti. Al contrario, una lieve cottura può far aumentare il potere antiossidante e favorire biodisponibilità e assorbimento di alcune sostanze da parte dell'organismo. Ad esempio, l’acido folico di cavoli e broccoli cotti è più facilmente assorbibile, come pure i carotenoidi aumentano in quantità con la cottura.

Quanto alla possibilità di consumare il cavolo nero crudo nelle insalate, di tanto in tanto si può fare, considerando però che in questo modo si beneficia delle sue virtù, ma si assumono anche dei piccoli veleni.

La ribollita toscana può rivelarsi un ottimo compromesso, magari lessando il cavolo nero solamente per 10 minuti e poi unirlo alla zuppa a fine cottura, anziché seguire la ricetta originale che prevede una cottura di 45 minuti, per gustarlo al meglio, disattivarne i fattori antinutrizionali e allo stesso tempo non disperderne troppo le eccellenti proprietà.

Segui il blog di Susanna Bramante

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali