I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La dieta per arrivare a Natale con la coscienza a posto

La dieta consigliata dal nutrizionista

Pubblicato il 06/12/2017 da Prevenzione a tavola

Ecco la dieta di base consigliata dal nutrizionista Migliaccio da seguire per una ventina di giorni prima di Natale per perdere due o tre chili. Questo regime alimentare può essere seguito solo da persone sane e senza nessun particolare problema di salute: mai saltare la prima colazione: latte parzialmente scremato, dolcificante, 40 grammi di pane oppure due fette biscottate con un velo di marmellata. Oppure un tè per chi non può prendere il latte. A metà mattina una mela, oppure una pera o un pacchetto di crackers. Per pranzo una scatoletta da 80 grammi di tonno sott'olio, oppure due uova alla coque o strapazzate, o 80 grammi di formaggio light, o 60 grammi di affettati, oppure 120-130 grammi di carne o pesce pesati a crudo, insieme con tanta verdura scondita e 40 grammi di pane. A metà pomeriggio al posto delle indicazioni per metà mattinata, si possono mangiare anche 20 grammi di pane con olio di oliva a piacere e un pomodoro o insalata. Per cena un secondo piatto a piacere di carne o pesce, 40 grammi di pane bianco o 50 grammi di pane integrale. Il sabato la cena è libera ma con moderazione, così come il pranzo della domenica, ma sempre tutto accompagnato da un bel piatto di verdura condita con un cucchiaino di olio. La domenica sera per cena una macedonia.

Da sabato 23 dicembre fino al 7 gennaio, indica Migliaccio, si cambia e si passa a un altro schema. La dieta di base si alterna ai giorni di festa liberi e a una dieta di compenso Dieta di compenso del giorno dopo Colazione: Latte parzialmente scremato (1,8%) g 100, caffè a piacere, un cucchiaino di zucchero, una fetta biscottata.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

Oppure: Tè a piacere con un cucchiaino di zucchero, due fette biscottate. Metà mattina: una mela o un kiwi o un cappuccino. Pranzo: Tonno sott'olio sgocciolato una confezione da g 80 o Philadelphia light g 80; pomodori o insalata o fagiolini a piacere; pane g 40 o un pacchetto di crackers da g 25. Oppure, se si è fuori casa: Un toast o un tramezzino. Oppure: Un secondo piatto a base di carne o di pesce, possibilmente alla griglia; mezza rosetta (g 40 circa) o un pacchetto di crackers da g 25. Pomeriggio: una mela o g 200 di melone o di fragole. Cena: Petto di pollo o pesce g 130 (peso netto e crudo); insalata verde mista o zucchine a piacere; un cucchiaino di olio; pane g 40. Ecco le indicazioni per i giorni dal 23 dicembre all'otto gennaio Sabato 23 dicembre: dieta di compenso Domenica 24 dicembre: pranzo come uno dei due pasti della dieta di compenso Cena libera. Lunedì 25 dicembre pranzo e cena liberi e Buon Natale! Martedì 26 dicembre, dieta libera e Buon Santo Stefano! Mercoledì 27 dicembre, dieta di compenso Giovedì 28 dicembre, dieta di base Venerdì 29 dicembre, dieta di base Sabato 30 dicembre, dieta di compenso Domenica 31 dicembre, pranzo come uno dei due pasti della dieta di compenso. Cena libera Lunedì primo gennaio, dieta libera e Buon anno nuovo Martedì 2 gennaio, dieta di compenso Mercoledì 3 gennaio, dieta di base Giovedì 4 gennaio, dieta di base Venerdì 5 gennaio, dieta di compenso Sabato 6 gennaio, dieta libera Domenica 7 gennaio, pranzo come uno dei due pasti della dieta di compenso Lunedì 8 gennaio, dieta di base (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica

Bentornati asparagi, alleati della nostra salute

Con il mese di marzo possiamo salutare calorosamente i nuovi arrivati di stagione: gli asparagi!

Corsi - Prevenzione a tavola

Un panconiglio con crema di nocciola

Unaricetta buona e sana, senza zuccheri aggiunti ovviamente e con farina semintegrale

Crostata testa di moro, ma non solo e sempre cioccolato

Un'alternativa alla solita crostata al cioccolato, ma più buona e sana

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Corsi - Prevenzione a tavola

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo