I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Chi beve caffè soffre meno di malattie cardiache, diabete e disturbi epatici

Lo studio dell'Università di Edimburgo

Pubblicato il 29/11/2017 da Prevenzione a tavola

Bere tre tazzine di caffè al giorno potrebbe fare bene a fegato, cuore e intestino e proteggere da diversi tipi di cancro. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Bmj dagli scienziati britannici dell'Università di Southampton e del Centre del for Inflammation Research dell'Università di Edimburgo, secondo cui le persone che consumano quotidianamente la bevanda correrebbero meno rischi di morire prematuramente e di sviluppare malattie cardiache, diabete, disturbi epatici e demenza.

Nel corso della ricerca, gli autori hanno analizzato i risultati di 218 studi, di cui 201 erano osservazionali e 17 sperimentali, che avevano esaminato gli effetti del consumo regolare di caffè. Al termine dell’indagine, gli esperti hanno osservato che l’assunzione quotidiana della bevanda non solo sarebbe “sicura”, ma farebbe anche bene alla salute in diversi modi. I maggiori benefici deriverebbero dal consumo di tre o quattro tazzine al giorno, tranne nel delle donne incinte e dei soggetti che hanno maggiori probabilità di subire fratture.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

I ricercatori hanno rilevato che le persone che bevono tre caffè al giorno corrono un minor rischio di morte per tutte le cause e di essere colpite da malattie cardiache, rispetto a quelle che non lo assumono mai. Hanno anche osservato che un consumo quotidiano superiore a tre tazzine non appare associato a danni per la salute, ma sembra ridurne i benefici. L’analisi ha anche evidenziato che l’assunzione regolare del caffè risulta anche associata a un minor rischio di sviluppare diversi tumori (alla prostata, all'endometrio, alla pelle e al fegato), diabete di tipo 2, calcoli alla cistifellea e gotta. Infine, è emerso che l’organo che trarrebbe i maggiori vantaggi dal consumo regolare del caffè sarebbe il fegato, che sarebbe protetto soprattutto dal pericolo di cirrosi epatica.

Dato che molti studi presi in esame erano basati sull’osservazione, gli scienziati precisano che non è possibile affermare che vi sia un rapporto diretto di causa-effetto tra consumo di caffè e benefici sanitari. Tuttavia, l’analisi si aggiunge ai numerosi studi che hanno dimostrato i vantaggi dell’assunzione regolare della bevanda. “L'età, il vizio del fumo e la pratica di esercizio fisico sono tutti fattori che potrebbero aver contribuito a determinare quest’effetto - osserva Paul Roderick, che ha preso parte allo studio -. Esiste un equilibrio tra rischi e benefici nella vita, e i vantaggi del consumo moderato di caffè sembrerebbero superare i rischi”. (Fonte)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Tutti i benefici del caffè



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo