I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Pubblicato il 27/11/2017 da Prevenzione a tavola

Oggi parliamo di un ortaggio di stagione piuttosto sottovalutato, il cavolo, che in realtà da sempre appartiene alla nostra storia e alla nostra cultura gastronomica. Si presenta in una ampia varietà di tipologie, viene classificato come uno degli alimenti più sani e cresce in quasi tutti i continenti e in tutti i climi.

Origine

Con il termine generico cavolo si intendono tutti quegli ortaggi che appartengono alla grande famiglia delle piante erbacee Crucifere. Conosciuto fin dall’antichità, era considerato sacro dai Greci, mentre i Romani lo utilizzavano per curare malattie e lo mangiavano crudo, prima dei banchetti, per aiutare l’organismo ad assorbire meglio l’alcool. È un ortaggio tipicamente invernale e ne esistono numerosissime varietà coltivate, che si differenziano nella forma, nel colore e nel gusto. Tra le varietà più comuni troviamo: Cavolo Broccolo, Broccoletti, Cavolfiore o Cavolo bianco, Cavolini di Bruxelles, Cavolo cappuccio, Cavolo cinese, Cavolo marino, Cavolo nero e Cavolo verza.

Proprietà

  1. È l’ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza grazie all’elevato contenuto di vitamina C e allo zolfo, disinfettante e tonificante nelle affezioni dell’apparato respiratorio.
  2. Il cavolo è ricco inoltre di fibre utili all’intestino e contiene un ottimo livello di potassio, calcio e ferro.
  3. I cavoli sono alimenti molto sazianti e poveri di grassi, quindi sono molti utili in una alimentazione ipocalorica.
  4. Studi recenti hanno provato la sua efficacia nella prevenzione di alcuni tipi di tumore grazie alla presenza di flavoni, glucosidi e sulforafani.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

Usi in cucina

Il cavolo in cucina viene utilizzato per la preparazione di zuppe, minestre, risotti e ripieni. Può essere gustato crudo nell’insalata o cotto come contorno. Quando vengono cotti, tutti i cavoli emanano un cattivo odore perché sono ricchi di composti di zolfo, che vengono liberati dalla cottura. I solfuri svaniscono totalmente dopo 15/20 minuti di cottura.  Affinché mantengano inalterate le loro proprietà nutrizionali si coniglia di consumarli da crudi in insalata oppure stufati o cotti a vapore.

Modi di dire popolari

Il cavolo è protagonista di molti modi di dire popolari prima di tutto per il suo scarso valore commerciale e in secondo luogo da una vaga assonanza fonetica con il termine popolare usato per l’organo genitale maschile. Il cavolo è così divenuto nel tempo un simbolo di cosa di scarso valore. Tra i modi di dire i famosi “Farsi i cavoli propri”, “Non capire/fare un cavolo”, “Stare come i cavoli a merenda” ovvero non avere alcuna attinenza con l’argomento di cui si tratta, “Non valere un cavolo”, “portare il cavolo in mano e il cappone sotto”, volere apparire diversi da quello che si è, e “Andare a piantare cavoli”, cioè ritirarsi a vita privata. (Fonte)

ECCO UNA RICETTA SFIZIOSA E LIGHT



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti

La salsa di pomodoro cotta fa bene all’intestino

Nuovo studio: Aumenta l'effetto dei batteri buoni

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta