I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Caffé (anche decaffeinato) e cioccolato aiutano cuore e metabolismo

Il merito non è della caffeina ma del chicco di caffé

Pubblicato il 22/11/2017 da Prevenzione a tavola

Per tenersi svegli, per tirarsi su di morale, ma probabilmente anche per proteggere il cuore. Il caffè e il cioccolato, due alimenti amati da tantissime persone e ricercati anche per i gli effetti che hanno su veglia e umore (oltre che per gola), potrebbero far bene anche alla salute cardiovascolare. Nel lungo periodo, ad esempio, bere caffé, anche decaffeinato avrebbe dunque un effetto positivo.

Il tema della prevenzione cardiovascolare e del rapporto con l'alimentazione è uno degli argomenti affrontati durante le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi "Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology”, organizzate dal professor Fiorenzo Gaita, direttore della Cardiologia dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, e da Sebastiano Marra, direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino.

I benefici derivano dall'assunzione di quattro o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, che riduce la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni, fanno sapere gli organizzatori dell'evento.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

Effetti su metabolismo e cuore

“Esistono dati su oltre 10mila individui che rivelano che chi assume caffè, su lungo periodo, ha meno ansia, dorme meglio, non ha la pressione più alta rispetto a chi non lo beve. Uno studio francese che ha analizzato oltre 200mila persone, su un periodo di 8-10 anni, riferisce dati positivi sulla mortalità. I dati piemontesi confermano che chi beve caffè ha un umore migliore, meno ansia, riposa meglio, non ha pressione o colesterolo più alti”, aggiunge Marra.

Il merito andrebbe riconosciuto al chicco di caffè, dunque, e non alla caffeina: “Il chicco di caffè è la sostanza con più antiossidanti esistente in natura”, continua lo specialista. E anche il cioccolato fondente all'85%-90% si rivelerebbe un alleato della salute del cuore, sebbene con effetti meno rilevanti di quelli del caffè.

L'effetto dell'assunzione di caffè su cuore e vasi è tuttora oggetto di ricerca e diversi studi hanno affrontato il tema. I suoi effetti sul metabolismo sono invece già noti, dallo stimolo sul sistema nervoso centrale a quello su fegato e reni. Un recente studio pubblicato su Circulation ha associato l'assunzione di caffè – fino a cinque tazzine al giorno – a una riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari, neurologiche e anche per diabete di tipo 2. Anche in questo caso a spiegare questa relazione tra ridotta mortalità e caffè potrebbero essere i suoi componenti attivi che riducono l'insulino-resistenza e l'infiammazione sistemica, come spiega l'autore principale dello studo Ming Ding, ricercatore della T.H. Chan School of Public Health di Harvard, Boston. (Fonte)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Tutti i benefici del caffè



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti