I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Caffé (anche decaffeinato) e cioccolato aiutano cuore e metabolismo

Il merito non è della caffeina ma del chicco di caffé

Pubblicato il 22/11/2017 da Prevenzione a tavola

Per tenersi svegli, per tirarsi su di morale, ma probabilmente anche per proteggere il cuore. Il caffè e il cioccolato, due alimenti amati da tantissime persone e ricercati anche per i gli effetti che hanno su veglia e umore (oltre che per gola), potrebbero far bene anche alla salute cardiovascolare. Nel lungo periodo, ad esempio, bere caffé, anche decaffeinato avrebbe dunque un effetto positivo.

Il tema della prevenzione cardiovascolare e del rapporto con l'alimentazione è uno degli argomenti affrontati durante le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi "Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology”, organizzate dal professor Fiorenzo Gaita, direttore della Cardiologia dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, e da Sebastiano Marra, direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino.

I benefici derivano dall'assunzione di quattro o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, che riduce la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni, fanno sapere gli organizzatori dell'evento.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

Effetti su metabolismo e cuore

“Esistono dati su oltre 10mila individui che rivelano che chi assume caffè, su lungo periodo, ha meno ansia, dorme meglio, non ha la pressione più alta rispetto a chi non lo beve. Uno studio francese che ha analizzato oltre 200mila persone, su un periodo di 8-10 anni, riferisce dati positivi sulla mortalità. I dati piemontesi confermano che chi beve caffè ha un umore migliore, meno ansia, riposa meglio, non ha pressione o colesterolo più alti”, aggiunge Marra.

Il merito andrebbe riconosciuto al chicco di caffè, dunque, e non alla caffeina: “Il chicco di caffè è la sostanza con più antiossidanti esistente in natura”, continua lo specialista. E anche il cioccolato fondente all'85%-90% si rivelerebbe un alleato della salute del cuore, sebbene con effetti meno rilevanti di quelli del caffè.

L'effetto dell'assunzione di caffè su cuore e vasi è tuttora oggetto di ricerca e diversi studi hanno affrontato il tema. I suoi effetti sul metabolismo sono invece già noti, dallo stimolo sul sistema nervoso centrale a quello su fegato e reni. Un recente studio pubblicato su Circulation ha associato l'assunzione di caffè – fino a cinque tazzine al giorno – a una riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari, neurologiche e anche per diabete di tipo 2. Anche in questo caso a spiegare questa relazione tra ridotta mortalità e caffè potrebbero essere i suoi componenti attivi che riducono l'insulino-resistenza e l'infiammazione sistemica, come spiega l'autore principale dello studo Ming Ding, ricercatore della T.H. Chan School of Public Health di Harvard, Boston. (Fonte)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Tutti i benefici del caffè



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia