I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco come l’alcol influisce sull’umore

Ricerca esamina i comportamenti di chi beve vino rosso, vino bianco, birra e superalcolici

Pubblicato il 22/11/2017 da Prevenzione a tavola

Un drink per sentirsi un leone, ritrovare il buonumore o dimenticare una giornata stressante? Attenzione a cosa si sceglie, perché il rischio è quello di ottenere l'effetto opposto. Almeno secondo uno studio del King's College di Londra, che testimonia come d iversi tipi di bevande alcoliche 'modellano' l'umore in modi diversi. Con un effetto leggermente diverso fra uomini e donne. I superalcolici possono far sentire arrabbiati, sexy o tristi, mentre il vino rosso o la birra possono indurre un umore rilassato, sintetizzano i ricercatori.

Il team ha intervistato circa 30.000 persone tra 18 e 34 anni provenienti da 21 Paesi per lo studio pubblicato sul 'Bmj Open'. Tutti gli intervistati avevano bevuto birra, vino e altri alcolici, e molti hanno affermato che ogni tipo di drink aveva avuto un effetto diverso sul loro umore. L'obiettivo dei ricercatori era quello di mettere in luce gli effetti dell'alcol sull'umore, ma anche sul pericolo di sviluppare una dipendenza. Le persone, infatti, accumulano una sorta tolleranza nei confronti dell'alcol nel corso del tempo, e possono finire per bere di più proprio allo scopo di ritrovare gli stessi effetti "positivi" sperimentati all'inizio. Ma così rischiano anche di incappare anche in quelli negativi, dice il ricercatore Mark Bellis del Public Health Wales Nhs Trust.

L'indagine anonima online, che ha arruolato soggetti tramite annunci su giornali, riviste e social media, ha rilevato dunque che il vino rosso sembra rendere più letargici rispetto al vino bianco; inoltre le persone sono più inclini a sentirsi rilassate dopo aver bevuto vino rosso o birra. Più del 40% del campione, poi, ha dichiarato che i superalcolici fanno sentire più sexy, e più della metà segnala una maggior energia e sicurezza. Circa un terzo ha detto di sentirsi aggressivo dopo aver bevuto superalcolici.

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina

E ancora: i superalcolici più di tutti gli altri tipi di drink vengono associati a sentimenti di aggressività, irrequietezza, tristezza e pianto. Mentre gli uomini sono significativamente più inclini delle donne ad associare sentimenti di aggressività a tutti i tipi di alcol, in particolare nel caso dei bevitori più pesanti. Questi risultati, tuttavia, mostrano solo un'associazione e non spiegano i motivi dei cambiamenti d'umore di chi beve alcolici.

Bellis ha spiegato che l'ambiente in cui è stato consumato l'alcol è un elemento importante, e lo studio ha cercato di prenderlo in considerazione chiedendo di bere a casa e fuori. "I giovani spesso bevono alcolici per una serata fuori, mentre il vino è consumato più a casa, durante un pasto". C'è anche un elemento di aspettativa: "Chi vuole rilassarsi potrebbe scegliere di bere una birra o un bicchiere di vino", spiega alla Bbc online. E il modo in cui le diverse bevande sono commercializzate e pubblicizzate potrebbe incoraggiare le persone a selezionare determinati drink per diversi stati d'animo. Ma così, avverte l'esperto, "si rischiano anche risposte emotive negative".

Bellis e i suoi colleghi del King's College di Londra hanno affermato che i risultati suggeriscono che gli alcolisti potrebbero fare affidamento sull'alcol per ritrovare emozioni positive associate al bere: sono cinque volte più inclini a sentirsi eccitati rispetto ai bevitori a basso rischio. Inoltre, secondo i ricercatori lo studio ha rivelato una differenza tra uomini e donne. "Abbiamo evidenziato reazioni emotive più forti con le donne per ogni tipo di emozione, tranne che per l'aggressività". Sentimento, quest'ultimo, decisamente più diffuso tra gli uomini che hanno alzato il gomito. (Fonte)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Vino rosso e tè verde, alleati della prevenzione e della terapia del tumore



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti