I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pesticidi e altri contaminanti nel tè

Valori critici su i té Lipton, Twinings e Auchan

Pubblicato il 21/11/2017 da Prevenzione a tavola

Pesticidi e altri contaminanti sono stati rilevati con ampia profusione nei di vari marchi, compresi purtroppo alcuni prodotti bio. È quanto emerge dalle analisi condotte da 60 millions de consommateurs associazione francese dei consumatori, su 16 tè neri e 10 tè verdi anche alla menta.

Tè popolari, blasonati e biologici

Tra i tè analizzati compaiono marchi globali come Lipton e Twinings, referenze blasonate e private label, cioè prodotti a marchi della grande distribuzione organizzata (GDO). La GDO francese (Auchan, Leclerc, Carrefour, U), e il gruppo tedesco Lidl.

Completano la selezione 9 tè biologici, che hanno talora deluso per la sorpresa di residui chimici.

Pesticidi oltre i limiti di legge

L’analisi su oltre 500 tipi di pesticidi ha rilevato tracce più o meno consistenti di residui chimici in tutti i campioni.

In tre casi i residui superano i limiti di legge.

– Dammann Frères,  tè nero. Il rinomato brand d’Oltralpe, che figura anche nello shop online di Illy, si distingue per residui in eccesso di ben 17 pesticidi diversi.

– Leclerc, linea Bio Village, tè nero ‘bio’. Il colosso francese della GDO vanta 365 prodotti nella sua linea bio. Che tuttavia deraglia sul tè nero, con il residuo di un repellente per uccelli in misura 4 volte superiore ai limiti di legge.

– Kusmi, tè. I residui di pesticidi superano le soglie di legge. Ed è il secondo incidente in un anno per Kusmi che a gennaio 2017, dopo la segnalazione dell’associazione dei consumatori tedeschi Stiftung Warentestaveva ritirato dal mercato una partita di camomilla. In quel caso per eccesso di PA (alcaloidi pirrolizidinici), le tossine naturalmente prodotte da alcune piante.

PA, Pericolosi Alcaloidi

La pericolosità dei PA è nota. Alcune di queste tossine sono riconosciute come cancerogene, ma la Commissione europea non ha ancora provveduto a definire i limiti di legge tollerabili negli alimenti.

A giugno 2017, il gruppo di lavoro sui contaminanti alimentari (CONTAM) dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato un documento in cui individua 17 alcaloidi pericolosi per la salute e valuta il livello di esposizione della popolazione europea, segnalando la presenza di rischi per la salute nei forti consumatori di tè e tisane, miele e integratori alimentari.

In particular, a concern was expressed for frequent and high consumers of teas or herbal infusions. The CONTAM Panel assessed also the acute/short-term risks, considering the dietary acute exposure levels estimated in the 2016 EFSA report and the lowest known dose range of 1–3 mg PA/kg bw per day, at which acute/short-term adverse effects have been reported in humans. (EFSA, 21.6.17)

I casi Lipton, Twinings e Auchan

Nelle analisi condotte da 60 millions de consommateurs, i PA sono stati rilevati in concentrazione molto elevata – 1.600 microgrammi/kg – nel tè nero Lipton (Unilever). E in misura significativa in altri due tè neri, gli Earl Grey di Twinings e Auchan (fino a 190 microgrammi/kg).

I  tè biologici, viceversa, sono risultati immuni dai PA.

Tutti i dettagli delle analisi sui tè condotte da 60 million de consommateurs – che rivelano anche i contenuti in polifenoli e in metalli pesanti – sono disponibili sul sito della rivista. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande