I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Vitamina D per curare bruciature e scottature

La ricerca ha coinvolto 38 soggetti affetti da ustioni

Pubblicato il 07/11/2017 da Prevenzione a tavola

Alti livelli di vitamina D nel sangue potrebbero accelerare la guarigione da bruciature e scottature. Lo evidenzia uno studio presentato durante la conferenza annuale della Society for Endocrinology, in programma dal 6 all’8 novembre a Harrogate (Regno Unito), dai ricercatori dell’Institute of Inflammation & Aging, dell’Institute of Metabolism & Systems Research e dallo Scar Free Foundation Burns Research Centre di Birmingham (Regno Unito). Secondo gli autori, i livelli ematici di questa vitamina diminuirebbero significativamente dopo aver subito un’ustione, per cui assumerla subito attraverso gli integratori potrebbe rappresentare un trattamento semplice e conveniente per favorire la guarigione delle ferite.

LEGGI ANCHE: Carenza di vitamina D: i sintomi da non trascurare

“Nei pazienti affetti da ustioni, i bassi livelli di vitamina D sono stati associati a esiti peggiori, come infezioni pericolose per la vita, mortalità e ritardo nella guarigione delle ferite - spiega Janet Lord, che ha coordinato l’indagine -. Sono stati anche associati a cicatrici più gravi, eppure i medici generalmente tendono a trascurare gli effetti dei bassi livelli di questa vitamina”.

La ricerca ha coinvolto 38 soggetti affetti da ustioni, che sono stati seguiti per un anno. Durante questo periodo, gli scienziati hanno misurato più volte i livelli di vitamina D presenti nel loro sangue, e hanno monitorato la loro capacità di recupero. Al termine dell’indagine, hanno osservato che rispetto agli altri, i pazienti che avevano livelli più alti di vitamina D nel flusso ematico presentavano una prognosi migliore, mostravano meno complicazioni e cicatrici, e le loro ferite si stavano rimarginando in modo più evidente. Gli scienziati, inoltre, hanno rilevato che nei soggetti affetti da ustioni le dosi di questa vitamina risultano più basse della norma. Questo, a loro avviso, potrebbe suggerire che assumere la vitamina D subito dopo aver riportato la lesione potrebbe arrecare significativi benefici alla salute del paziente, anche grazie alle note proprietà antibatteriche di questa sostanza, che aiuterebbero a prevenire le infezioni e a migliorare la guarigione delle lesioni.

“Le scottature gravi riducono significativamente i livelli di vitamina D - osserva la professoressa Lord -, per cui assumere questa vitamina potrebbe essere un modo semplice, sicuro e conveniente per migliorare le condizioni dei pazienti affetti da ustioni, con un costo minimo per il sistema sanitario”. I ricercatori sono adesso impegnati a scoprire perché si verifica una rapida perdita della vitamina D subito dopo aver subito una bruciatura. Dopo averne compreso il motivo, sperano di essere in grado di prevenire questo fenomeno in futuro. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo