I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Vitamina D per curare bruciature e scottature

La ricerca ha coinvolto 38 soggetti affetti da ustioni

Pubblicato il 07/11/2017 da Prevenzione a tavola

Alti livelli di vitamina D nel sangue potrebbero accelerare la guarigione da bruciature e scottature. Lo evidenzia uno studio presentato durante la conferenza annuale della Society for Endocrinology, in programma dal 6 all’8 novembre a Harrogate (Regno Unito), dai ricercatori dell’Institute of Inflammation & Aging, dell’Institute of Metabolism & Systems Research e dallo Scar Free Foundation Burns Research Centre di Birmingham (Regno Unito). Secondo gli autori, i livelli ematici di questa vitamina diminuirebbero significativamente dopo aver subito un’ustione, per cui assumerla subito attraverso gli integratori potrebbe rappresentare un trattamento semplice e conveniente per favorire la guarigione delle ferite.

LEGGI ANCHE: Carenza di vitamina D: i sintomi da non trascurare

“Nei pazienti affetti da ustioni, i bassi livelli di vitamina D sono stati associati a esiti peggiori, come infezioni pericolose per la vita, mortalità e ritardo nella guarigione delle ferite - spiega Janet Lord, che ha coordinato l’indagine -. Sono stati anche associati a cicatrici più gravi, eppure i medici generalmente tendono a trascurare gli effetti dei bassi livelli di questa vitamina”.

La ricerca ha coinvolto 38 soggetti affetti da ustioni, che sono stati seguiti per un anno. Durante questo periodo, gli scienziati hanno misurato più volte i livelli di vitamina D presenti nel loro sangue, e hanno monitorato la loro capacità di recupero. Al termine dell’indagine, hanno osservato che rispetto agli altri, i pazienti che avevano livelli più alti di vitamina D nel flusso ematico presentavano una prognosi migliore, mostravano meno complicazioni e cicatrici, e le loro ferite si stavano rimarginando in modo più evidente. Gli scienziati, inoltre, hanno rilevato che nei soggetti affetti da ustioni le dosi di questa vitamina risultano più basse della norma. Questo, a loro avviso, potrebbe suggerire che assumere la vitamina D subito dopo aver riportato la lesione potrebbe arrecare significativi benefici alla salute del paziente, anche grazie alle note proprietà antibatteriche di questa sostanza, che aiuterebbero a prevenire le infezioni e a migliorare la guarigione delle lesioni.

“Le scottature gravi riducono significativamente i livelli di vitamina D - osserva la professoressa Lord -, per cui assumere questa vitamina potrebbe essere un modo semplice, sicuro e conveniente per migliorare le condizioni dei pazienti affetti da ustioni, con un costo minimo per il sistema sanitario”. I ricercatori sono adesso impegnati a scoprire perché si verifica una rapida perdita della vitamina D subito dopo aver subito una bruciatura. Dopo averne compreso il motivo, sperano di essere in grado di prevenire questo fenomeno in futuro. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti