I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Bastano 2 bevande zuccherate per aumentare rischio diabete, ictus e infarto

Lo ha determinato un team di ricerca dell'Università di Stellenbosch

Pubblicato il 07/11/2017 da Prevenzione a tavola

Bere due bibite zuccherate a settimana è sufficiente a far aumentare il rischio di sviluppare sindrome metabolica, obesità e altri disturbi legati al diabete di Tipo 2 e a gravi patologie cardiovascolari, come infarto e ictus. Lo ha determinato un team di ricerca dell'Università di Stellenbosch, Sud Africa, che ha revisionato 36 ricerche epidemiologiche dedicate allo studio dell'associazione tra il consumo di bevande zuccherate – come bibite frizzanti e succhi di frutta – e varie condizioni patologiche.

Dopo aver rielaborato i dati escludendo le osservazioni che si sono concentrate esclusivamente sull'obesità, i ricercatori coordinati dal professor Faadiel Essop hanno scoperto che bere una sola bibita zuccherata a settimana è già sufficiente a far aumentare la pressione arteriosa, mentre con due si sviluppa il rischio di diabete. “La nostra analisi – ha sottolineato l'autore principale dell'indagine – ha rivelato che la maggior parte degli studi epidemiologici dimostra fortemente che una frequente assunzione di queste bevande contribuisce all'insorgenza della sindrome metabolica, del diabete e dell'ipertensione”. Alcuni studi infatti mostrano risultati neutri o negati, un dato sul quale indagare.

Le cause, secondo Essop e colleghi, vanno ricercate nell'eccessivo apporto calorico delle bevande, che sono consumate con sempre maggior frequenza e a tutte le fasce di età, spesso senza rendersi conto dell'energia ‘concentrata' che forniscono dopo ogni sorso. L'esempio lampante fatto dal professor Essop è quello del succo di mela, laddove con una sola porzione si introduce lo zucchero di tre o quattro mele, senza tuttavia assumere le fibre e le altre sostanze che sarebbero presenti addentando il frutto. Il consumo eccessivo di zucchero, considerato un vero e proprio nemico per la nostra salute, è un “driver primario nell'insorgenza di patologie cardiometaboliche”, ha sottolineato lo specialista, di conseguenza sorge la necessità di educare la popolazione sugli effetti nocivi derivanti dal consumo di tali bevande.

Oltre a far aumentare il girovita e ad avere effetti negativi su colesterolo e trigliceridi, le bibite zuccherate producono anche una diminuzione nella sensibilità all'insulina. Essop e colleghi hanno calcolato che consumarle per due mesi e mezzo consecutivamente riduce questa sensibilità quasi del 20 percento. Un dato emblematico sui rischi di sviluppare il diabete. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of the Endocrine Society. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande