I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Bastano 2 bevande zuccherate per aumentare rischio diabete, ictus e infarto

Lo ha determinato un team di ricerca dell'Università di Stellenbosch

Pubblicato il 07/11/2017 da Prevenzione a tavola

Bere due bibite zuccherate a settimana è sufficiente a far aumentare il rischio di sviluppare sindrome metabolica, obesità e altri disturbi legati al diabete di Tipo 2 e a gravi patologie cardiovascolari, come infarto e ictus. Lo ha determinato un team di ricerca dell'Università di Stellenbosch, Sud Africa, che ha revisionato 36 ricerche epidemiologiche dedicate allo studio dell'associazione tra il consumo di bevande zuccherate – come bibite frizzanti e succhi di frutta – e varie condizioni patologiche.

Dopo aver rielaborato i dati escludendo le osservazioni che si sono concentrate esclusivamente sull'obesità, i ricercatori coordinati dal professor Faadiel Essop hanno scoperto che bere una sola bibita zuccherata a settimana è già sufficiente a far aumentare la pressione arteriosa, mentre con due si sviluppa il rischio di diabete. “La nostra analisi – ha sottolineato l'autore principale dell'indagine – ha rivelato che la maggior parte degli studi epidemiologici dimostra fortemente che una frequente assunzione di queste bevande contribuisce all'insorgenza della sindrome metabolica, del diabete e dell'ipertensione”. Alcuni studi infatti mostrano risultati neutri o negati, un dato sul quale indagare.

Le cause, secondo Essop e colleghi, vanno ricercate nell'eccessivo apporto calorico delle bevande, che sono consumate con sempre maggior frequenza e a tutte le fasce di età, spesso senza rendersi conto dell'energia ‘concentrata' che forniscono dopo ogni sorso. L'esempio lampante fatto dal professor Essop è quello del succo di mela, laddove con una sola porzione si introduce lo zucchero di tre o quattro mele, senza tuttavia assumere le fibre e le altre sostanze che sarebbero presenti addentando il frutto. Il consumo eccessivo di zucchero, considerato un vero e proprio nemico per la nostra salute, è un “driver primario nell'insorgenza di patologie cardiometaboliche”, ha sottolineato lo specialista, di conseguenza sorge la necessità di educare la popolazione sugli effetti nocivi derivanti dal consumo di tali bevande.

Oltre a far aumentare il girovita e ad avere effetti negativi su colesterolo e trigliceridi, le bibite zuccherate producono anche una diminuzione nella sensibilità all'insulina. Essop e colleghi hanno calcolato che consumarle per due mesi e mezzo consecutivamente riduce questa sensibilità quasi del 20 percento. Un dato emblematico sui rischi di sviluppare il diabete. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of the Endocrine Society. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'