I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’alimentazione che contrasta i sintomi dell’Alzheimer

Non cura, ma previene

Pubblicato il 07/11/2017 da Prevenzione a tavola

Che non si tratti di una cura, lo precisano gli stessi ricercatori. «L’intervento nutrizionale non rappresenta la soluzione alla malattia di Alzheimer - precisa Tobias Hartmann, a capo del dipartimento di neurologia sperimentale all’Università di Homburg (Germania) -. Ma adesso sappiamo che prima si interviene anche in questo modo, maggiori sono i vantaggi per i pazienti».

Una premessa doverosa per presentare i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista «The Lancet Neurology» permetta una significativa stabilizzazione delle performance cognitive e funzionali della vita quotidiana e una riduzione dell’atrofia cerebrale. Il cocktail sperimentale, dunque non riproducibile in proprio, era così composto: acidi grassi omega 3, fosfolipidi, vitamine del gruppo B (B6, B12 e acido folico), vitamine C ed E, selenio, colina e uridina monofosfato.

Gli esiti dell’intervento nutrizionale I risultati dello studio clinico «LipiDiDiet» dimostrano dunque come l’assunzione una volta al giorno di un supporto composto di diversi nutrienti (pur non migliorando i risultati di una specifica batteria di test neuropsicologici con cui si monitora il decorso della malattia, considerati l’obiettivo primario dell’indagine), possa in futuro diventare un’opportunità per permettere di porre un argine alla sua progressione del processo neurodegenerativo.

Lo studio, parte di un ampio progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea, ha coinvolto 311 pazienti con Alzheimer in stadio iniziale arruolati da undici centri di quattro nazioni: Finlandia, Germania, Olanda e Svezia.

I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: al primo è stata fornita per due anni la bevanda funzionale in studio, all’altro una bevanda di controllo di pari contenuto energetico. S’è così potuto notare il beneficio, consistente nella riduzione dell’atrofia cerebrale: nello specifico dei volumi dell’ippocampo (responsabili dei deficit di memoria) e dei ventricoli (risultano dilatati nei malati di Alzheimer). Un’evidenza che va dunque oltre l’aspetto sintomatico, «che non s’era mai ottenuta prima», aggiunge Hartmann.

La dieta mediterranea come strumento di prevenzione Le conclusioni meritano di essere considerate ancora pionieristiche, ma riportano l’attenzione sul ruolo che l’alimentazione può avere sia a scopo profilattico sia eventualmente per rallentare la progressione della malattia: di cui in Italia soffrono seicentomila persone.

Le maggiori evidenze, in realtà, riguardano ancora l’aspetto preventivo. Qualche esempio? La dieta mediterranea può far evitare, o permettere quanto meno di ritardare, l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Cereali integrali, frutta, verdura e pesce azzurro sono le categorie di alimenti che aiutano il cervello a rimanere giovane. Segno che un corretto stile di vita, che contempla anche una regolare attività fisica, gioca un ruolo non secondario nell’insorgenza delle malattie neurodegenerative.

Come conferma Elio Scarpini, che dirige l’unità dipartimentale malattie neurodegenerative dell’ospedale Maggiore Policlinico di Milano, «è ormai dimostrato che un regime alimentare povero di zuccheri semplici, sale, grassi e proteine animali ha un effetto protettivo sulla fitta rete di neuroni. Stesso discorso può essere esteso al fumo, altrettanto pericoloso per la mente. Un regime alimentare povero ci difende dal rischio di andare incontro alle malattie neurodegenerative». (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti