I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Contro il cambio di stagione: luce, cibo sano e sport

Per contrastare disturbi dell'umore e kili in eccesso

Pubblicato il 24/10/2017 da Prevenzione a tavola

 Le temperature si sono abbassate e tra pochi giorni, con il consueto passaggio all'ora solare, si perderà un'ora di luce al giorno.  Il cambio di stagione può influenzare anche pesantemente la nostra salute mentale e fisica, facendo strada al rischio di disturbi stagionali dell'umore, pigrizia, sonnolenza, aumento dell'appetito e chili di troppo. Lo spiega sul magazine Psychology Today da Joel Young, dirigente medico del Rochester Center for Behavioral Medicine. Fortunatamente, anche per coloro che proprio non sopportano le stagioni fredde, ci sono rimedi per superare indenni autunno e inverno, spiega Young.

Prima di tutto è importante essere consapevoli di cosa innescano le stagioni fredde: la riduzione della luce naturale ha effetti sul nostro equilibrio psicofisico, infatti l'organismo ha bisogno di luce per produrre vitamina D (la cui carenza, guarda caso, è associata a disturbi depressivi). Si stima che il 5% della popolazione soffra di disturbi stagionali dell'umore, quasi sempre disturbi depressivi autunnali e invernali. Inoltre un'ora in meno di luce, insieme a cielo grigio e freddo, può cambiare i ritmi naturali del nostro corpo, sconvolgendo orari di sonno e veglia e il controllo dell'appetito.

COSA FARE?

  • Sfruttare il più possibile la luce naturale, organizzarsi per una pausa pranzo all'aperto, e, se necessario, fare sedute di luce-terapia.
  • Regalarsi almeno 30 minuti al di attività fisica per almeno 5 giorni a settimana
  • Mangiare sano, prediligendo cibi ricchi di energetiche vitamine B (pesce, uova, legumi, avena, noci, banane etc). (ANSA).

Per approfondire puoi leggere anche I 10 super cibi da mangiare in autunno per preparare il corpo all’arrivo del freddo oppure iniziare subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche con il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore