I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Pubblicato il 18/10/2017 da Prevenzione a tavola

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods dai ricercatori della Pennsylvania State University di University Park (Usa) afferma che il consumo quotidiano di broccoli e cavoletti di Bruxelles potrebbe aiutare a l’intestino a restare in salute. Secondo i ricercatori l’assunzione regolare di questi vegetali ridurrebbe il rischio di sviluppare diversi disturbi dell’apparato digerente, comprese colite e sindrome della permeabilità intestinale.

LEGGI ANCHE: 8 buoni motivi per mangiare broccoli

Secondo gli autori, mangiare le verdure crucifere - come broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles - potrebbe fare bene perché rafforzerebbe l’azione di Ahr (Aryl hydrocarbon receptor), un recettore presente nell'intestino che aiuta l’organismo a regolare la sua risposta a determinati contaminanti ambientali e a generare reazioni adeguate in caso di esposizione alle tossine. Questi vegetali contengono, infatti, composti chimici organici chiamati glucosinolati indolici, che dopo essere giunti nello stomaco si scindono in altri sostanze, tra le quali è presente l'Indolocarbazolo (Icz). Gli scienziati hanno osservato che quando Ics si lega e attiva il recettore Ahr, ne aumenta l’efficacia, contribuendo a mantenere in equilibrio la flora intestinale e a migliorare la sorveglianza immunitaria. Questo, a sua volta, può aiutare a prevenire diverse malattie causate dall’infiammazione della parete che riveste l'intestino, come i tumori e la malattia di Crohn.

Nel corso della ricerca, gli esperti  hanno esaminato l’effetto dell’alimentazione su due gruppi di topi: i primi erano stati programmati affinché l'Icz avesse una bassa capacità ridotta di legarsi all'Ahr, mentre gli altri perché l’ICz avesse un'elevata capacità di legarsi all'Ahr. Li hanno quindi nutriti per 24 giorni con una dieta costituita per il 15% da broccoli. Inoltre, hanno somministrato agli animali una sostanza capace di provocare disturbi digestivi. Al termine dell’esperimento, è emerso che i topi che avevano una maggiore capacità di legare l'Icz all'Ahr erano stati protetti dalla sostanza nociva, mentre gli altri avevano sviluppato diversi problemi. Ciò significa, secondo gli scienziati, che l’assunzione regolare di broccoli potrebbe proteggere la salute intestinale, riducendo il rischio di sviluppare disturbi come coliti e sindrome della permeabilità intestinale.

Gli autori precisano che la quantità di broccoli fornita agli animali sarebbe equivalente, per gli esseri umani, al consumo di circa 3,5 tazze al giorno. “Tre tazze e mezzo potrebbero sembrare tanto, ma in realtà non sono una quantità enorme - spiega Gary H. Perdew, che ha coordinato lo studio -. Abbiamo usato una varietà che contiene circa la metà di Icz rispetto ad altre, e ce ne sono alcune che ne contengono addirittura il doppio. Inoltre, i cavoletti di Bruxelles ne contengono tre volte di più, e questo significa che per avere lo stesso risultato basterebbe mangiare una tazza di cavoletti di Bruxelles al giorno”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

Corsi - Prevenzione a tavola

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Corsi - Prevenzione a tavola

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo