I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Per la salute intestinale scegliere broccoli e cavoletti

Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods

Pubblicato il 18/10/2017 da

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Functional Foods dai ricercatori della Pennsylvania State University di University Park (Usa) afferma che il consumo quotidiano di broccoli e cavoletti di Bruxelles potrebbe aiutare a l’intestino a restare in salute. Secondo i ricercatori l’assunzione regolare di questi vegetali ridurrebbe il rischio di sviluppare diversi disturbi dell’apparato digerente, comprese colite e sindrome della permeabilità intestinale.

LEGGI ANCHE: 8 buoni motivi per mangiare broccoli

Secondo gli autori, mangiare le verdure crucifere – come broccoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles – potrebbe fare bene perché rafforzerebbe l’azione di Ahr (Aryl hydrocarbon receptor), un recettore presente nell’intestino che aiuta l’organismo a regolare la sua risposta a determinati contaminanti ambientali e a generare reazioni adeguate in caso di esposizione alle tossine. Questi vegetali contengono, infatti, composti chimici organici chiamati glucosinolati indolici, che dopo essere giunti nello stomaco si scindono in altri sostanze, tra le quali è presente l’Indolocarbazolo (Icz). Gli scienziati hanno osservato che quando Ics si lega e attiva il recettore Ahr, ne aumenta l’efficacia, contribuendo a mantenere in equilibrio la flora intestinale e a migliorare la sorveglianza immunitaria. Questo, a sua volta, può aiutare a prevenire diverse malattie causate dall’infiammazione della parete che riveste l’intestino, come i tumori e la malattia di Crohn.

Nel corso della ricerca, gli esperti  hanno esaminato l’effetto dell’alimentazione su due gruppi di topi: i primi erano stati programmati affinché l’Icz avesse una bassa capacità ridotta di legarsi all’Ahr, mentre gli altri perché l’ICz avesse un’elevata capacità di legarsi all’Ahr. Li hanno quindi nutriti per 24 giorni con una dieta costituita per il 15% da broccoli. Inoltre, hanno somministrato agli animali una sostanza capace di provocare disturbi digestivi. Al termine dell’esperimento, è emerso che i topi che avevano una maggiore capacità di legare l’Icz all’Ahr erano stati protetti dalla sostanza nociva, mentre gli altri avevano sviluppato diversi problemi. Ciò significa, secondo gli scienziati, che l’assunzione regolare di broccoli potrebbe proteggere la salute intestinale, riducendo il rischio di sviluppare disturbi come coliti e sindrome della permeabilità intestinale.

Gli autori precisano che la quantità di broccoli fornita agli animali sarebbe equivalente, per gli esseri umani, al consumo di circa 3,5 tazze al giorno. “Tre tazze e mezzo potrebbero sembrare tanto, ma in realtà non sono una quantità enorme – spiega Gary H. Perdew, che ha coordinato lo studio -. Abbiamo usato una varietà che contiene circa la metà di Icz rispetto ad altre, e ce ne sono alcune che ne contengono addirittura il doppio. Inoltre, i cavoletti di Bruxelles ne contengono tre volte di più, e questo significa che per avere lo stesso risultato basterebbe mangiare una tazza di cavoletti di Bruxelles al giorno”. (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di “Prevenzione a tavola” a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Treccine di mais senza glutine

Queste treccine si preparano in pochi minuti e si accompagnano benissimo ad una tazza di tè o un bicchiere di succo di frutta naturale

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Corsi - Prevenzione a tavola

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Corsi - Prevenzione a tavola

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro