I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I micrortaggi tengono a bada il colesterolo e non fanno ingrassare

Dando una grossa mano al cuore

Pubblicato il 13/10/2017 da Prevenzione a tavola

Vengono chiamati micrortaggi, sono dei vegetali in miniatura e potrebbero aiutare non solo a mantenere la linea ma anche a ridurre il rischio cardiovascolare. A suggerire le potenzialità benefiche di questi alimenti è uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry da un gruppo di ricercatori guidato dagli esperti del Centro di Ricerca in Nutrizione Umana di Beltsville (Stati Uniti) secondo cui le giovani plantule di cavolo rosso aiutano sia a ridurre l'accumulo di peso atteso quando si segue un'alimentazione ricca di grassi sia ad abbattere i fattori di rischio che mettono in pericolo la salute di cuore e arterie.

Il consumo di questi alimenti è sempre più diffuso. Dal punto di vista pratico si tratta di germogli di 1-2 settimane di vita che negli Stati Uniti sono utilizzati in cucina già alla fine degli anni '80 e che da qualche tempo vengono proposti anche in Italia. In Brianza è nata addirittura una start up dedicata alla loro coltivazione, e il Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali dell'Università di Bari è diventato un vero e proprio punto di riferimento nazionale per chi si interessa del settore. Dal punto di vista nutrizionale, invece, si tratta di fonti di sostanze utili più ricche rispetto agli ortaggi che si è normalmente abituati ad acquistare, e un numero sempre maggiore di ricerche suggerisce che a tale ricchezza potrebbero corrispondere maggiori benefici per la salute.

Gli autori di questo nuovo studio hanno voluto concentrare la loro attenzione sul cavolo rosso in virtù delle sue proprietà benefiche in termini di controllo dei livelli di colesterolo nel sangue. Gli effetti del suo consumo sono stati confrontati con quelli del consumo di micrortaggi della stessa specie in esperimenti condotti su topi alimentati con una dieta ad alto o a basso contenuto di grassi. “Abbiamo scoperto che l'aggiunta di micrortaggi attenuava l'aumento di peso indotto dalla dieta ricca di grassi – spiegano gli autori dello studio – Per di più, la supplementazione con micrortaggi riduceva significativamente i livelli circolanti di LDL [il colesterolo cattivo, ndr] negli animali alimentati con la dieta ad elevato contenuto di grassi e riduceva gli esteri del colesterolo nel fegato, i livelli di trigliceridi e l'espressione delle citochine infiammatorie nel fegato”.

“Questi dati – concludono i ricercatori – suggeriscono che i micrortaggi potrebbero modulare l'aumento di peso e il metabolismo del colesterolo e potrebbero proteggere dalle malattie cardiovascolari prevenendo l'ipercolesterolemia”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'