I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

Pubblicato il 13/10/2017 da Prevenzione a tavola

"Profuma come il didietro di una mucca", scrive l'Independent, ma è davvero una meraviglia. Si tratta del Vieux Boulogne, un formaggio prodotto nell'omonina città portuale della Francia settentrionale e prodotto con un metodo del tutto particolare: è ricavato dal latte bovino e stagionato con lavaggi alla birra per un periodo di nove settimane.

Questo formaggio si è anche aggiudicato il premio di "più puzzolente del mondo", che viene conferito dai ricercatori della Cranfield University:

"I formaggi nazionali dei quali la Francia si vanta tanto sono anche i più "puzzolenti" del mondo. Lo ha stabilito un concorso britannico con tutti i crismi della scientificità sulla base di prove olfattive ma anche di un vero e proprio naso elettronico. Il segreto dell'aroma persistente, confermano i ricercatori della Cranfield University, è tutto nei "lavaggi", le sostanze in cui viene tenuta a bagno la crosta del formaggio.

La competizione è stata organizzata dal dottor Stephen White della Cranfield University nel Bedfordshire a nord-ovest di Londra, che ha condotto una ricerca sull'intensità olfattiva di questi alimenti, selezionandone diverse dozzine provenienti da tutto il mondo.

L'esito dell'indagine, compiuta da 19 esperti e da un naso elettronico ha sfatato una diffusissima convinzione: la "puzza" dei formaggi non dipende dalla stagionatura e tantomeno dal tipo di latte utilizzato. Ma dai "lavaggi", ossia in quali sostanze viene tenuto a bagno la crosta del formaggio.

Sul podio dunque sono saliti ben tre francesi, tutti a base di latte vaccino. Il primo posto se l'è aggiudicato il normanno Vieux Boulogne stagionato con lavaggi alla birra per un periodo che va dalle 7 alle 9 settimane; l'odore particolarmente pungente è dato proprio dalla reazione tra il malto e gli enzimi dell'alimento".

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?