I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il formaggio più puzzolente del mondo

Il Vieux Boulogne è una meraviglia, ma l'odore che emana non è molto gradevole

Pubblicato il 13/10/2017 da Prevenzione a tavola

"Profuma come il didietro di una mucca", scrive l'Independent, ma è davvero una meraviglia. Si tratta del Vieux Boulogne, un formaggio prodotto nell'omonina città portuale della Francia settentrionale e prodotto con un metodo del tutto particolare: è ricavato dal latte bovino e stagionato con lavaggi alla birra per un periodo di nove settimane.

Questo formaggio si è anche aggiudicato il premio di "più puzzolente del mondo", che viene conferito dai ricercatori della Cranfield University:

"I formaggi nazionali dei quali la Francia si vanta tanto sono anche i più "puzzolenti" del mondo. Lo ha stabilito un concorso britannico con tutti i crismi della scientificità sulla base di prove olfattive ma anche di un vero e proprio naso elettronico. Il segreto dell'aroma persistente, confermano i ricercatori della Cranfield University, è tutto nei "lavaggi", le sostanze in cui viene tenuta a bagno la crosta del formaggio.

La competizione è stata organizzata dal dottor Stephen White della Cranfield University nel Bedfordshire a nord-ovest di Londra, che ha condotto una ricerca sull'intensità olfattiva di questi alimenti, selezionandone diverse dozzine provenienti da tutto il mondo.

L'esito dell'indagine, compiuta da 19 esperti e da un naso elettronico ha sfatato una diffusissima convinzione: la "puzza" dei formaggi non dipende dalla stagionatura e tantomeno dal tipo di latte utilizzato. Ma dai "lavaggi", ossia in quali sostanze viene tenuto a bagno la crosta del formaggio.

Sul podio dunque sono saliti ben tre francesi, tutti a base di latte vaccino. Il primo posto se l'è aggiudicato il normanno Vieux Boulogne stagionato con lavaggi alla birra per un periodo che va dalle 7 alle 9 settimane; l'odore particolarmente pungente è dato proprio dalla reazione tra il malto e gli enzimi dell'alimento".

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina