I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Chewing gum allo xilitolo amico dei denti, -30% carie

Studio di ricercatrice italiano presentato al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research

Pubblicato il 11/10/2017 da Prevenzione a tavola

Masticare per salvare il sorriso Un nuovo studio conferma le virtù anti-carie dello xilitolo anche quando questo 'zucchero del legno' - utilizzato in molti chewing gum come dolcificante al posto di quello tradizionale - è consumato in basse dosi e regolarmente. Un alleato dei denti che funziona nei bimbi, come pure negli adulti, con un effetto a lungo termine. I risultati sono stati presentati dall'odontoiatra Laura Strohmenger dell'università Statale di Milano a Oslo, in Norvegia, al 64° Congresso dell'European Organisation for Caries Research (Orca): lo xilitolo ha permesso "un 30% di prevenzione della carie".

Con la sua équipe, Strohmenger aveva già dimostrato il "valore terapeutico" dello xilitolo contro la carie nei piccoli, e ora ha valutato nei grandi l'uso della sostanza di origine naturale (si può estrarre partendo dalla corteccia di betulla). Inoltre - poiché ad oggi i dosaggi di xilitolo ritenuti efficaci vanno da un minimo di 3 grammi al giorno fino a 8 g al dì, oltre i quali l'azione 'scudo' della sostanza edulcorante non sembra subire variazioni significative - la ricerca ha puntato anche a verificare se bassi dosaggi di xilitolo negli adulti, somministrati per periodi prolungati, siano in grado di prevenire la malattia.

La ricerca - è stato spiegato nel capoluogo lombardo durante un incontro promosso da Perfetti - ha selezionato un gruppo di adulti ad alto rischio di sviluppare carie in base a una serie di parametri tra cui il carico di batteri cariogeni in bocca. Il numero di volontari è stato ricavato con un calcolo statistico a priori; il protocollo è stato approvato dal Comitato etico dell'università di Sassari e registrato in un archivio online dei National Institutes of Health (Nih) americani, come richiesto dai più moderni standard di qualità per gli studi clinici.

I reclutati sono stati suddivisi in 2 gruppi: 64 hanno utilizzato un normale chewing gum senza zucchero e senza xilitolo (gruppo controllo), 66 un chewing gum senza zucchero contenente il 30% di xilitolo, pari a 2,5 g/die (gruppo test). I volontari dovevano masticare 5 pezzi al giorno del chewing gum assegnato (2 al mattino, 2 dopo pranzo e uno nel pomeriggio) per il primo anno dello studio, mentre nel secondo anno gli stessi volontari non hanno ricevuto chewing gum e hanno condotto la loro vita normale. Tutte le usuali manovre di igiene orale (dentifricio e spazzolino) dovevano essere mantenute per l'intera durata del trial. Nel periodo di osservazione sono stati controllati diversi parametri ripetuti prima dell'utilizzo di chewing gum, dopo 6 mesi, dopo 12 e infine dopo 24.

Ebbene, "la capacità della placca di generare acidi è diminuita lievemente nel gruppo di controllo, senza raggiungere però variazioni significative - riferisce Strohmenger - mentre nel gruppo con xilitolo la diminuzione è stata più marcata, raggiungendo una variazione statisticamente significativa rispetto ai valori di partenza. Inoltre tali effetti si sono mantenuti anche dopo i 12 mesi di masticazione, fino ai 24 del controllo finale. Nel gruppo controllo non è stata riscontrata una variazione dei batteri cariogeni nell'arco dello studio. Al contrario, nel gruppo con xilitolo i batteri cariogeni sono diminuiti nei 12 mesi di masticazione e si sono mantenuti a livelli più bassi fino al controllo finale. I risultati mostrano che lo xilitolo ha un effetto di inibizione delle cause della carie. Questo effetto si manifesta anche a bassi dosaggi e persiste anche nel periodo seguente la masticazione di gomme con xilitolo".

"La generazione e progressione della carie", misurata attraverso l'indice internazionale Icdas, "è diminuita del 23% nel gruppo xilitolo rispetto al gruppo controllo - evidenziano ancora gli autori - Nel gruppo controllo si sono verificati 120 interventi di otturazione e 27 estrazioni, numeri che scendevano rispettivamente a 82 e 19 nel gruppo xilitolo. Questi dati permettono di affermare che lo xilitolo ha prodotto un 30% di prevenzione della carie nel gruppo che ne ha fatto uso". Secondo gli esperti "è importante notare come questa efficacia sia stata dimostrata in confronto a un normale chewing gum senza zucchero, che a causa della stimolazione della salivazione e del non apporto di zuccheri utilizzati dai batteri per produrre acidi, è comunque in grado di apportare effetti benefici sul mantenimento della salute dei denti". (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'