I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco cosa succede se si tocca il pane senza lavarsi le mani

L'esperimento per far capire l'importanza dell'igiene delle mani dove proliferano migliaia di batteri

Pubblicato il 10/10/2017 da Prevenzione a tavola

Sulle nostre mani proliferano circa 150 diverse specie di #batteri, per questo tenerle pulite, in special modo prima di consumare o preparare i cibi, è estremamente importante per la salute. Una professoressa statunitense della Cape Fear High School, in North Carolina, ha pensato bene di coinvolgere i suoi studenti in un esperimento impressionante e curioso, con lo scopo di convincerli a lavarsi regolarmente le mani. La docente, Donna Gill Allen ha preparato 3 fette di pane e le ha fate maneggiare da gli studenti prima con guanti nuovi e sterili, poi con mani appena lavate ed infine con mani sporche, non lavate da poco. Poi ha chiuso ed etichettato i campioni maneggiati in altrettanti sacchetti ermetici ed ha atteso il tempo necessario perchè gli eventuali batteri presenti si moltiplicassero.

Dopo alcuni giorni i campioni sono stati esaminati e la fetta di pane toccata dalle mani non lavate ha mostrato un'incredibile proliferazione batterica.

Il pane presentava una mollica di colore blu -verdastro, mentre la fetta toccata con mani pulite non aveva evidenti segni di contaminazione, così come il pane toccato con i guanti. Quest'esperimento non fa altro che confermare quello che i ricercatori affermano da tempo e cioè che il 15-30% delle infezioni virali e batteriche siano trasmesse dal principale veicolo di contaminazione, le nostre mani e si possono prevenire osservando un'accurata igiene. Le mani inoltre sono perennemente a contatto con la nostra bocca [VIDEO]e durante la giornata toccano molte superfici contaminate, come cellulari, tastiere condivise, superfici esterne a cui tutti hanno accesso.

Il lavaggio delle mani è un'operazione accurata che non può essere svolta in pochi secondi.

Il lavaggio corretto delle mani secondo l'OMS L'organizzazione mondiale della Sanità ci indica come lavarci correttamente le mani mediante alcune semplici regole da seguire. La procedura deve durare almeno 40-60 secondi ed inizia bagnando le mani con acqua, poi applicando una quantità di sapone sufficiente a ricoprire la superficie delle mani. Bisogna strofinare le mani palmo contro palmo, passare il palmo destro sopra il dorso sinistro, e viceversa, intrecciando le dita. ripetere più volte questo passaggio, perchè anche il dorso della mano e delle dita dev'essere strofinato con cura. I pollici devono ruotare e strofinare i palmi, poi le dita della mano destra ruotano e strofinano il palmo sinistro e viceversa. Infine le mani vanno risciacquate bene con acqua e accuratamente asciugate con una salvietta monouso.

L'uso di asciugamani di spugna è sconsigliato perchè non vengono lavati ad ogni asciugatura e possono favorire la crescita batterica. Attenzione a chiudere il rubinetto con una salviettina se non si dispone di un lavabo con cellula fotoelettrica o a leva. Ora le mani sono pulite e sicure, almeno per un po'. #aliementiebevande (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore