I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco cosa succede se si tocca il pane senza lavarsi le mani

L'esperimento per far capire l'importanza dell'igiene delle mani dove proliferano migliaia di batteri

Pubblicato il 10/10/2017 da Prevenzione a tavola

Sulle nostre mani proliferano circa 150 diverse specie di #batteri, per questo tenerle pulite, in special modo prima di consumare o preparare i cibi, è estremamente importante per la salute. Una professoressa statunitense della Cape Fear High School, in North Carolina, ha pensato bene di coinvolgere i suoi studenti in un esperimento impressionante e curioso, con lo scopo di convincerli a lavarsi regolarmente le mani. La docente, Donna Gill Allen ha preparato 3 fette di pane e le ha fate maneggiare da gli studenti prima con guanti nuovi e sterili, poi con mani appena lavate ed infine con mani sporche, non lavate da poco. Poi ha chiuso ed etichettato i campioni maneggiati in altrettanti sacchetti ermetici ed ha atteso il tempo necessario perchè gli eventuali batteri presenti si moltiplicassero.

Dopo alcuni giorni i campioni sono stati esaminati e la fetta di pane toccata dalle mani non lavate ha mostrato un'incredibile proliferazione batterica.

Il pane presentava una mollica di colore blu -verdastro, mentre la fetta toccata con mani pulite non aveva evidenti segni di contaminazione, così come il pane toccato con i guanti. Quest'esperimento non fa altro che confermare quello che i ricercatori affermano da tempo e cioè che il 15-30% delle infezioni virali e batteriche siano trasmesse dal principale veicolo di contaminazione, le nostre mani e si possono prevenire osservando un'accurata igiene. Le mani inoltre sono perennemente a contatto con la nostra bocca [VIDEO]e durante la giornata toccano molte superfici contaminate, come cellulari, tastiere condivise, superfici esterne a cui tutti hanno accesso.

Il lavaggio delle mani è un'operazione accurata che non può essere svolta in pochi secondi.

Il lavaggio corretto delle mani secondo l'OMS L'organizzazione mondiale della Sanità ci indica come lavarci correttamente le mani mediante alcune semplici regole da seguire. La procedura deve durare almeno 40-60 secondi ed inizia bagnando le mani con acqua, poi applicando una quantità di sapone sufficiente a ricoprire la superficie delle mani. Bisogna strofinare le mani palmo contro palmo, passare il palmo destro sopra il dorso sinistro, e viceversa, intrecciando le dita. ripetere più volte questo passaggio, perchè anche il dorso della mano e delle dita dev'essere strofinato con cura. I pollici devono ruotare e strofinare i palmi, poi le dita della mano destra ruotano e strofinano il palmo sinistro e viceversa. Infine le mani vanno risciacquate bene con acqua e accuratamente asciugate con una salvietta monouso.

L'uso di asciugamani di spugna è sconsigliato perchè non vengono lavati ad ogni asciugatura e possono favorire la crescita batterica. Attenzione a chiudere il rubinetto con una salviettina se non si dispone di un lavabo con cellula fotoelettrica o a leva. Ora le mani sono pulite e sicure, almeno per un po'. #aliementiebevande (Fonte)

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.

banner basso postfucina



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Corsi - Prevenzione a tavola

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Corsi - Prevenzione a tavola

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali