I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tutte le malattie provocate dall’eccesso di sale

Ipertensione, infarto, ma anche sclerosi multipla, diabete e malattie autoimmuni

Pubblicato il 10/10/2017 da Prevenzione a tavola

Troppo sale: in moltissimi casi è questa la causa di ipertensione e danni ai reni, ma anche una delle cause del cancro allo stomaco e dell’osteoporosi. In Italia ne assumiamo davvero in eccesso: in media al giorno tra gli 8,5 grammi delle donne e i 10,9 degli uomini contro i 5 grammi (non di più) consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

E uno studio congiunto dell’Università di Harvard e del Mit ha notato che potrebbe esserci un legame fra il consumo eccessivo di sale e le malattie autoimmuni come diabete e sclerosi multipla.

Troppo sale è presente soprattutto nell'alimentazione del sud Italia: Calabria, Puglia, Sicilia e Basilicata, dice lo studio Minisal, sono le regioni dove se ne consuma di più. Sardegna, Molise, Lazio e Lombardia quelle in cui se ne consuma meno, ma comunque sopra i livelli di guardia dell’Oms.

Eppure ridurre il sodio nell’alimentazione quotidiana abbassa la pressione, riducendo il rischio di ictus e infarto. Secondo uno studio del British Medical Journal ripreso da Elena Dusi su Repubblica se si riducesse del 15% il consumo di sale si potrebbero salvare 9 milioni di vite. Per l’autorevole rivista Lancet il sale sarebbe addirittura uno dei grandi killer insieme a fumo e colesterolo cattivo.

La facilità di eccedere con il sale è causata dalla presenza di sodio in molti cibi. Spesso mangiamo il sale senza saperlo. Sono soprattutto gli alimenti lavorati, come insaccati e formaggi, ad avere un alto contenuto di sale. Solo il 30% circa dell’apporto giornaliero di sale arriva direttamente dalla saliera.

Diminuire l’apporto di sale aiuta anche a contrastare le carenze genetiche. Meno sodio aiuta a diminuire la presenza nelle urine di uromodulina, proteina che causa un maggior assorbimento di sale da parte dei reni, aumentando il rischio di ipertensione. E di infarto. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina