I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ritirato tacchino arrosto marchiato Casa Modena

Presenza di listeria monocytogenes

Pubblicato il 09/10/2017 da Prevenzione a tavola

Continuano i controlli da parte del Ministero della Salute che nelle ultime settimane ha reso noti attraverso il proprio sito web gli avvisi di sicurezza alimentare inerenti il ritiro di alcuni prodotti alimentari risultati non conformi. Quello che vi riportiamo qui di seguito è l’avviso pubblicato ieri, venerdì 6 ottobre 2017, con il quale lo stesso ministero informava tutti i consumatori del richiamo riguardante il tacchino arrosto LiberaMente distribuito con il marchio Casa Modena.

Come si legge nel comunicato ufficiale del Ministero della Salute diffuso attraverso il web, il prodotto oggetto del richiamo è il tacchino arrosto LiberaMente commercializzato dalla Grandi Salumifici Italiani S.p.A., azienda modenese che produce salumi e secondi piatti pronti freschi, e distribuito nei supermercati ed ipermercati con il marchio Casa Modena.

LEGGI ANCHE: Ritirato salame piccante, presenza salmonella

Nello specifico, il tacchino arrosto ritirato è stato prodotto nello stabilimento Forno D’Oro (riconoscibile dal marchio IT 823 L/P CE impresso sulla confezione), la cui sede è situata in provincia di Vicenza, e riporta sulla confezione da 3,5 kg il lotto numero 141117 che corrisponde anche alla data di scadenza 14-11-2017.

Nell’avviso di sicurezza pubblicato sul sito ufficiale del Ministero della Salute, la cui immagine e posta a corredo di questo stesso articolo mentre il documento PDF e allegato in calce allo scritto, si chiarisce che il motivo del richiamo del tacchino arrosto è dovuto alla presenza di listeria monocytogenes nel prodotto stesso. Tacchino arrosto ritirato dal mercato: rischio microbiologico

Come spiegato sul sito dell’Epicentro ISS, portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, la listeria monocytogenes è il batterio responsabile dell’infezione trasmissibile attraverso alimenti contaminati conosciuta con il nome Listeriosi. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?