I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ritirato tacchino arrosto marchiato Casa Modena

Presenza di listeria monocytogenes

Pubblicato il 09/10/2017 da Prevenzione a tavola

Continuano i controlli da parte del Ministero della Salute che nelle ultime settimane ha reso noti attraverso il proprio sito web gli avvisi di sicurezza alimentare inerenti il ritiro di alcuni prodotti alimentari risultati non conformi. Quello che vi riportiamo qui di seguito è l’avviso pubblicato ieri, venerdì 6 ottobre 2017, con il quale lo stesso ministero informava tutti i consumatori del richiamo riguardante il tacchino arrosto LiberaMente distribuito con il marchio Casa Modena.

Come si legge nel comunicato ufficiale del Ministero della Salute diffuso attraverso il web, il prodotto oggetto del richiamo è il tacchino arrosto LiberaMente commercializzato dalla Grandi Salumifici Italiani S.p.A., azienda modenese che produce salumi e secondi piatti pronti freschi, e distribuito nei supermercati ed ipermercati con il marchio Casa Modena.

LEGGI ANCHE: Ritirato salame piccante, presenza salmonella

Nello specifico, il tacchino arrosto ritirato è stato prodotto nello stabilimento Forno D’Oro (riconoscibile dal marchio IT 823 L/P CE impresso sulla confezione), la cui sede è situata in provincia di Vicenza, e riporta sulla confezione da 3,5 kg il lotto numero 141117 che corrisponde anche alla data di scadenza 14-11-2017.

Nell’avviso di sicurezza pubblicato sul sito ufficiale del Ministero della Salute, la cui immagine e posta a corredo di questo stesso articolo mentre il documento PDF e allegato in calce allo scritto, si chiarisce che il motivo del richiamo del tacchino arrosto è dovuto alla presenza di listeria monocytogenes nel prodotto stesso. Tacchino arrosto ritirato dal mercato: rischio microbiologico

Come spiegato sul sito dell’Epicentro ISS, portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, la listeria monocytogenes è il batterio responsabile dell’infezione trasmissibile attraverso alimenti contaminati conosciuta con il nome Listeriosi. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero