I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’esercizio fisico riduce la frequenza degli attacchi di emicrania

Molto efficace il cosiddetto 'interval training'

Pubblicato il 05/10/2017 da Prevenzione a tavola

Uno studio di Alice Minghetti dell'Università di Basilea rivela che per ridurre la frequenza degli attacchi di emicrania c'è un'arma in più, l'esercizio fisico, specie il cosiddetto 'interval training' in cui si alternano pochi minuti di esercizio ad alta intensità e pochi minuti di recupero (in cui ci si riposa o si fa esercizio di intensità moderata). La ricercatrice spiega: "L'esercizio aerobico supervisionato dovrebbe essere considerato come strategia complementare preventiva e terapeutica per chi soffre di emicrania".

Presentato in occasione del 18/imo Congresso della International Headache Society (IHC) 2017 tenutosi a Vancouver, lo studio mostra anche che vi sono effetti positivi, anche se di portata inferiore, con lo svolgimento di attività fisica continua di intensità normale, non eccessiva. Gli esperti hanno considerato un campione pazienti con emicrania e li hanno divisi in tre gruppi. Il primo doveva svolgere per 12 settimane due allenamenti di interval traing della durata di 28 minuti ciascuno (alternando 4 minuti di corsa veloce a 4 minuti di corsa moderata). Il secondo doveva svolgere due volte a settimana 45 minuti di corsa di intensità moderata. Il terzo non doveva fare attività sportiva.

Ebbene la frequenza degli attacchi di mal di testa è passata da una media di 5,3 attacchi a settimana a una di 1,1 attacchi dopo 12 settimane di intereval training; da 4,6 attacchi settimanali in media a 3,6 con la pratica sportiva regolare moderata. E' possibile che facendo interval training si metta in circolo una maggiore quantità di ossigeno e si attivi la circolazione, con benefici per il controllo dell'emicrania. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti