I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’esercizio fisico riduce la frequenza degli attacchi di emicrania

Molto efficace il cosiddetto 'interval training'

Pubblicato il 05/10/2017 da Prevenzione a tavola

Uno studio di Alice Minghetti dell'Università di Basilea rivela che per ridurre la frequenza degli attacchi di emicrania c'è un'arma in più, l'esercizio fisico, specie il cosiddetto 'interval training' in cui si alternano pochi minuti di esercizio ad alta intensità e pochi minuti di recupero (in cui ci si riposa o si fa esercizio di intensità moderata). La ricercatrice spiega: "L'esercizio aerobico supervisionato dovrebbe essere considerato come strategia complementare preventiva e terapeutica per chi soffre di emicrania".

Presentato in occasione del 18/imo Congresso della International Headache Society (IHC) 2017 tenutosi a Vancouver, lo studio mostra anche che vi sono effetti positivi, anche se di portata inferiore, con lo svolgimento di attività fisica continua di intensità normale, non eccessiva. Gli esperti hanno considerato un campione pazienti con emicrania e li hanno divisi in tre gruppi. Il primo doveva svolgere per 12 settimane due allenamenti di interval traing della durata di 28 minuti ciascuno (alternando 4 minuti di corsa veloce a 4 minuti di corsa moderata). Il secondo doveva svolgere due volte a settimana 45 minuti di corsa di intensità moderata. Il terzo non doveva fare attività sportiva.

Ebbene la frequenza degli attacchi di mal di testa è passata da una media di 5,3 attacchi a settimana a una di 1,1 attacchi dopo 12 settimane di intereval training; da 4,6 attacchi settimanali in media a 3,6 con la pratica sportiva regolare moderata. E' possibile che facendo interval training si metta in circolo una maggiore quantità di ossigeno e si attivi la circolazione, con benefici per il controllo dell'emicrania. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo