I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I fumatori italiani sono 11 milioni, il 65% prova a smettere ma non ci riesce

Solo lo 0,1% si rivolge ai centri antifumo

Pubblicato il 03/10/2017 da Prevenzione a tavola

Il quadro tracciato al convegno "Un futuro senza sigarette. La riduzione del danno tra consapevolezza e informazione" organizzato oggi a Roma da Anafe, non è dei migliori: in Italia i fumatori sono oltre 11 milioni. Il 65% ha provato a smettere senza riuscirci, ma solo lo 0,1% si rivolge ai centri antifumo. L'abitudine al fumo e' responsabile di non meno di 70mila decessi l'anno.Non solo: il fumo ha un costo notevole per le casse dello Stato, pari a 6,5 miliardi di euro.

LEGGI ANCHE: Approvata la proposta della Lorenzin: “Aumentare il prezzo delle sigarette”

"I fumatori sono 11 milioni, la politica deve prenderne atto - spiega Ignazio Abrignani, presidente intergruppo parlamentare per le sigarette elettroniche - per questo con alcuni colleghi abbiamo cercato di fare considerazioni su ciò che si può fare per la salute, cercare di capire esperienze come quella della sigaretta elettronica. Siamo stati i primi a chiedere che venissero incrementati gli studi sulla sigaretta elettronica.

Quello che è certo è che fa molto meno male del fumo di sigaretta tradizionale". "È la combustione la principale responsabile della tossicità delle sigarette - evidenzia Fabio Beatrice, direttore S.C. Otorinolaringoiatria e Centro Antifumo dell'ospedale San Giovanni Bosco di Torino - i fumatori che non sono riusciti a smettere con i metodi tradizionali dovrebbero essere supportati ad utilizzare la sigaretta elettronica, che è del 95% meno tossica della sigaretta normale. D'altra parte, il vero interesse per l'ecig e i riscaldatori non riguarda esclusivamente un uso medicale nell'ambito del sostegno alla cessazione, ma più semplicemente un processo di sostituzione della sigaretta, con l'obiettivo ultimo di ridurre le malattie correlate al fumo e i decessi". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti