I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I probiotici e la prevenzione del cancro al colon

Studio pubblicato sulla rivista The American Journal of Pathology

Pubblicato il 02/10/2017 da Prevenzione a tavola

Da uno studio pubblicato sulla rivista The American Journal of Pathology dai ricercatori del Baylor College of Medicine e del Texas Children's Hospital di Houston (Usa), emerge che modificare la composizione del microbiota intestinale attraverso l’impiego dei probiotici, potrebbe rappresentare un’efficacia strategia preventiva o terapeutica per i pazienti che rischiano di sviluppare il cancro colorettale associato alle malattie infiammatorie intestinali. Il coordinatore dello studio James Versalovic afferma: “Siamo vicini a sfruttare i progressi compiuti dallo studio del microbiota per facilitare la diagnosi e il trattamento delle malattie umane. Attraverso la semplice introduzione dei microbi che forniscono le sostanze vitali mancanti, possiamo ridurre il rischio di cancro e integrare le strategie preventive basate sulla dieta”.

L’esperimento è stato condotto su due gruppi di topi, che erano privi di istidina decarbossilasi (hdc), l’enzima necessario per convertire l'istidina in istamina, un mediatore chimico dell’infiammazione. Gli scienziati hanno somministrato al primo insieme di roditori un placebo, mentre al secondo il probiotico Lactobacillus reuteri 6475, che possiede il gene istidina decarbossilasi (hdc+), capace di promuovere la conversione dell'istidina in istamina. Il probiotico e il placebo sono stati forniti agli animali prima e dopo la somministrazione di una dose di azossimetano, una sostanza cancerogena capace di provocare lo sviluppo del tumore al colon, unito a un agente chimico infiammatorio chiamato Dss. I due composti sono capaci d’indurre la formazione del carcinoma colorettale. I ricercatori hanno poi studiato i tessuti degli animali, a distanza di quindici settimane.

L’indagine ha evidenziato che l’impiego del probiotico nei soggetti privi di hdc potrebbe proteggere dal tumore colorettale. I topi che avevano ricevuto il L. reuteri presentavano, infatti, un numero inferiore di tumori rispetto a quelli del gruppo di controllo, e le loro neoplasie avevano anche dimensioni minori. Inoltre, mentre i roditori che avevano ricevuto il placebo presentavano un aumento dell'assorbimento del glucosio nelle pareti del colon, gli animali trattati con il probiotico mostravano aree di assorbimento del glucosio significativamente ridotte. Infine, è emerso che il probiotico aveva anche contrastato l’incremento delle cellule mieloidi immature indotto dalle sostanze cancerogene. “Queste osservazioni sono coerenti con la conclusione che il probiotico generatore di istamina L. reuteri può attenuare, almeno in parte, la carcinogenesi del colon indotta da azossimetano e Dss – spiega  il dottor Versalovic -, attraverso una maggiore maturazione delle cellule mieloidi circolanti e la concomitante riduzione del citochine pro-infiammatorie”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo