I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I probiotici e la prevenzione del cancro al colon

Studio pubblicato sulla rivista The American Journal of Pathology

Pubblicato il 02/10/2017 da Prevenzione a tavola

Da uno studio pubblicato sulla rivista The American Journal of Pathology dai ricercatori del Baylor College of Medicine e del Texas Children's Hospital di Houston (Usa), emerge che modificare la composizione del microbiota intestinale attraverso l’impiego dei probiotici, potrebbe rappresentare un’efficacia strategia preventiva o terapeutica per i pazienti che rischiano di sviluppare il cancro colorettale associato alle malattie infiammatorie intestinali. Il coordinatore dello studio James Versalovic afferma: “Siamo vicini a sfruttare i progressi compiuti dallo studio del microbiota per facilitare la diagnosi e il trattamento delle malattie umane. Attraverso la semplice introduzione dei microbi che forniscono le sostanze vitali mancanti, possiamo ridurre il rischio di cancro e integrare le strategie preventive basate sulla dieta”.

L’esperimento è stato condotto su due gruppi di topi, che erano privi di istidina decarbossilasi (hdc), l’enzima necessario per convertire l'istidina in istamina, un mediatore chimico dell’infiammazione. Gli scienziati hanno somministrato al primo insieme di roditori un placebo, mentre al secondo il probiotico Lactobacillus reuteri 6475, che possiede il gene istidina decarbossilasi (hdc+), capace di promuovere la conversione dell'istidina in istamina. Il probiotico e il placebo sono stati forniti agli animali prima e dopo la somministrazione di una dose di azossimetano, una sostanza cancerogena capace di provocare lo sviluppo del tumore al colon, unito a un agente chimico infiammatorio chiamato Dss. I due composti sono capaci d’indurre la formazione del carcinoma colorettale. I ricercatori hanno poi studiato i tessuti degli animali, a distanza di quindici settimane.

L’indagine ha evidenziato che l’impiego del probiotico nei soggetti privi di hdc potrebbe proteggere dal tumore colorettale. I topi che avevano ricevuto il L. reuteri presentavano, infatti, un numero inferiore di tumori rispetto a quelli del gruppo di controllo, e le loro neoplasie avevano anche dimensioni minori. Inoltre, mentre i roditori che avevano ricevuto il placebo presentavano un aumento dell'assorbimento del glucosio nelle pareti del colon, gli animali trattati con il probiotico mostravano aree di assorbimento del glucosio significativamente ridotte. Infine, è emerso che il probiotico aveva anche contrastato l’incremento delle cellule mieloidi immature indotto dalle sostanze cancerogene. “Queste osservazioni sono coerenti con la conclusione che il probiotico generatore di istamina L. reuteri può attenuare, almeno in parte, la carcinogenesi del colon indotta da azossimetano e Dss – spiega  il dottor Versalovic -, attraverso una maggiore maturazione delle cellule mieloidi circolanti e la concomitante riduzione del citochine pro-infiammatorie”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti