I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo smog e l’inquinamento atmosferico mettono a rischio i reni

Studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology

Pubblicato il 29/09/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo cuore, polmoni e cervello. L'inquinamento atmosferico potrebbe essere pericoloso anche per i reni. L'esposizione a livelli non eccessivi di particolato fine è stata infatti associata a un aumento del rischio di malattia renale o insufficienza renale. È quanto ha osservato uno studio realizzato negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology.

Il team di ricerca del VA Saint Louis Health Care System di St. Louis ha analizzato i dati relativi a poco meno di due milioni di soldati veterani, seguiti in media per otto anni e mezzo, incrociandoli con il database dall'Epa, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente statunitense e della Nasa. Dall'analisi è emersa una relazione significativa tra i livelli di inquinamento e il rischio di declino della funzione renale e di insorgenza della malattia renale o dell'insufficenza renale. “Anche livelli inferiori ai limiti dell'Epa erano pericolosi per i reni”, spiega Ziyad Al-Aly, direttore della clinica di epidemiologia del VA Saint Louis Health Care System.

L'esposizione al particolato fine è stata associata in particolare a una riduzione del tasso di filtrazione glomerulare, una misura che indica la capacità dei reni di filtrare le scorie e quindi di rilevare la presenza di danni a questi organi. Minore è il tasso minore è il grado di funzionamento dei reni.

Poco meno di 45 mila casi di malattia renale cronica e circa 2 mila e 500 nuovi casi di insufficienza renale negli Stati Uniti sono attribuiti all'inquinamento atmosferico, con livelli superiori alla soglia di sicurezza individuata dall'Epa pari a 12 μg/m3. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti