I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo smog e l’inquinamento atmosferico mettono a rischio i reni

Studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology

Pubblicato il 29/09/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo cuore, polmoni e cervello. L'inquinamento atmosferico potrebbe essere pericoloso anche per i reni. L'esposizione a livelli non eccessivi di particolato fine è stata infatti associata a un aumento del rischio di malattia renale o insufficienza renale. È quanto ha osservato uno studio realizzato negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology.

Il team di ricerca del VA Saint Louis Health Care System di St. Louis ha analizzato i dati relativi a poco meno di due milioni di soldati veterani, seguiti in media per otto anni e mezzo, incrociandoli con il database dall'Epa, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente statunitense e della Nasa. Dall'analisi è emersa una relazione significativa tra i livelli di inquinamento e il rischio di declino della funzione renale e di insorgenza della malattia renale o dell'insufficenza renale. “Anche livelli inferiori ai limiti dell'Epa erano pericolosi per i reni”, spiega Ziyad Al-Aly, direttore della clinica di epidemiologia del VA Saint Louis Health Care System.

L'esposizione al particolato fine è stata associata in particolare a una riduzione del tasso di filtrazione glomerulare, una misura che indica la capacità dei reni di filtrare le scorie e quindi di rilevare la presenza di danni a questi organi. Minore è il tasso minore è il grado di funzionamento dei reni.

Poco meno di 45 mila casi di malattia renale cronica e circa 2 mila e 500 nuovi casi di insufficienza renale negli Stati Uniti sono attribuiti all'inquinamento atmosferico, con livelli superiori alla soglia di sicurezza individuata dall'Epa pari a 12 μg/m3. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale