I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo smog e l’inquinamento atmosferico mettono a rischio i reni

Studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology

Pubblicato il 29/09/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo cuore, polmoni e cervello. L'inquinamento atmosferico potrebbe essere pericoloso anche per i reni. L'esposizione a livelli non eccessivi di particolato fine è stata infatti associata a un aumento del rischio di malattia renale o insufficienza renale. È quanto ha osservato uno studio realizzato negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology.

Il team di ricerca del VA Saint Louis Health Care System di St. Louis ha analizzato i dati relativi a poco meno di due milioni di soldati veterani, seguiti in media per otto anni e mezzo, incrociandoli con il database dall'Epa, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente statunitense e della Nasa. Dall'analisi è emersa una relazione significativa tra i livelli di inquinamento e il rischio di declino della funzione renale e di insorgenza della malattia renale o dell'insufficenza renale. “Anche livelli inferiori ai limiti dell'Epa erano pericolosi per i reni”, spiega Ziyad Al-Aly, direttore della clinica di epidemiologia del VA Saint Louis Health Care System.

L'esposizione al particolato fine è stata associata in particolare a una riduzione del tasso di filtrazione glomerulare, una misura che indica la capacità dei reni di filtrare le scorie e quindi di rilevare la presenza di danni a questi organi. Minore è il tasso minore è il grado di funzionamento dei reni.

Poco meno di 45 mila casi di malattia renale cronica e circa 2 mila e 500 nuovi casi di insufficienza renale negli Stati Uniti sono attribuiti all'inquinamento atmosferico, con livelli superiori alla soglia di sicurezza individuata dall'Epa pari a 12 μg/m3. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?