I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Lo smog e l’inquinamento atmosferico mettono a rischio i reni

Studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology

Pubblicato il 29/09/2017 da Prevenzione a tavola

Non solo cuore, polmoni e cervello. L'inquinamento atmosferico potrebbe essere pericoloso anche per i reni. L'esposizione a livelli non eccessivi di particolato fine è stata infatti associata a un aumento del rischio di malattia renale o insufficienza renale. È quanto ha osservato uno studio realizzato negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology.

Il team di ricerca del VA Saint Louis Health Care System di St. Louis ha analizzato i dati relativi a poco meno di due milioni di soldati veterani, seguiti in media per otto anni e mezzo, incrociandoli con il database dall'Epa, l'Agenzia per la protezione dell'ambiente statunitense e della Nasa. Dall'analisi è emersa una relazione significativa tra i livelli di inquinamento e il rischio di declino della funzione renale e di insorgenza della malattia renale o dell'insufficenza renale. “Anche livelli inferiori ai limiti dell'Epa erano pericolosi per i reni”, spiega Ziyad Al-Aly, direttore della clinica di epidemiologia del VA Saint Louis Health Care System.

L'esposizione al particolato fine è stata associata in particolare a una riduzione del tasso di filtrazione glomerulare, una misura che indica la capacità dei reni di filtrare le scorie e quindi di rilevare la presenza di danni a questi organi. Minore è il tasso minore è il grado di funzionamento dei reni.

Poco meno di 45 mila casi di malattia renale cronica e circa 2 mila e 500 nuovi casi di insufficienza renale negli Stati Uniti sono attribuiti all'inquinamento atmosferico, con livelli superiori alla soglia di sicurezza individuata dall'Epa pari a 12 μg/m3. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica

Bentornati asparagi, alleati della nostra salute

Con il mese di marzo possiamo salutare calorosamente i nuovi arrivati di stagione: gli asparagi!

Corsi - Prevenzione a tavola

Un panconiglio con crema di nocciola

Unaricetta buona e sana, senza zuccheri aggiunti ovviamente e con farina semintegrale

Crostata testa di moro, ma non solo e sempre cioccolato

Un'alternativa alla solita crostata al cioccolato, ma più buona e sana

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Corsi - Prevenzione a tavola

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo