I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Farina bianca vs integrale: è vero che integrale è meglio?

Sempre più frequentemente alla demonizzazione di alcuni cibi e all’esaltazione di altri

Pubblicato il 28/09/2017 da Susanna Bramante

Oggi assistiamo sempre più frequentemente alla demonizzazione di alcuni cibi e all’esaltazione di altri: uno di questi è la farina bianca, o “raffinata”, presa di mira insieme ad altri alimenti bianchi, tra cui lo zucchero, il sale e il latte, che si sono guadagnati addirittura l’appellativo di “veleni bianchi”. Viceversa la farina integrale è tornata alla ribalta, perché poco lavorata e quindi più “naturale” e benefica per la nostra salute. Ma che differenze ci sono tra una farina bianca ed una integrale, ed è vero che integrale è meglio?

In commercio esistono moltissimi tipi di farine e le loro proprietà sono molteplici: in questa analisi consideriamo le farine di grano tenero, che la legge italiana classifica nei tipi 00, 0, 1, 2 e integrale, confrontando il tipo 00, che è il più raffinato, con l’integrale. Innanzitutto il termine “raffinato” è oggi entrato nella concezione del consumatore come un qualcosa di negativo, di sofisticato, di estremamente manipolato, così da perdere tutta la sua naturalità e di conseguenza viene considerato poco salutare. In realtà l’uomo ha imparato a raffinare le farine quando si è reso conto che la fibra costituiva un ostacolo sia per il processo di panificazione, sia dal punto di vista nutritivo, perché impedisce di fatto l’assorbimento degli altri nutrienti. Il processo di raffinazione ha quindi portato un miglioramento della farina, che viene setacciata attraverso tutta una serie di rulli molitori e setacci a maglie sempre più fini, per avere una granulometria sempre più ridotta, fino ad arrivare alla farina più raffinata, quella di tipo 00.

La farina che si ottiene da questo processo è ricca di amido e carboidrati, ed in particolare contiene il 78% di carboidrati, l’11% di proteine, il 4% di fibre, è povera di grassi e la digeribilità è molto buona. La raffinazione effettivamente provoca la perdita di alcuni nutrienti contenuti invece nella farina integrale, che saranno quindi presenti in quantità più o meno variabili a seconda del grado di raffinazione a cui la farina è stata sottoposta. La farina integrale, non subendo processi di setacciatura, mantiene intatti i nutrienti, ma di fatto restano intrappolati nelle fibre e per questo non sono ben assorbibili e utilizzabili dall’organismo. Per questo motivo ha poco senso scegliere una farina in base al potere nutritivo: infatti, nonostante sia vero che la farina integrale è più ricca di nutrienti rispetto alla farina ripulita dalle fibre, questi nutrienti vengono assorbiti in modo limitato. Al contrario, anche se la farina bianca è meno nutriente, si tratta di una componente che solitamente viene adoperata insieme ad altri ingredienti molto nutritivi, come burro, latte, uova, che vanno a colmare ottimamente questa mancanza.

Riguardo alle fibre, queste possiedono sicuramente tutta una serie di proprietà positive, ma anche negative, se assunte in eccesso: sono essenziali per una corretta funzionalità intestinale, sono dei veri e propri “spazzini”, che ripuliscono l’intestino da tossine e grassi, ma come spazzano via le sostanze dannose, purtroppo eliminano anche i nutrienti. Per questo è consigliabile non superare i 25-30 g di fibre al giorno, anche per non “maltrattare” eccessivamente l’intestino, causando malassorbimento, coliti e colon irritabile. Per cui, se nell’arco della giornata è stata già consumata della frutta, verdure crude in abbondanza e legumi, usare anche della pasta integrale e pane integrale può essere troppo. A seconda della composizione del nostro piatto possiamo dunque utilizzare benissimo del pane bianco, perché non è detto che l’integrale in quel caso “faccia meglio”.

Inoltre, che la farina bianca produca un composto colloso nel nostro intestino è una delle tante bufale diffuse purtroppo in rete: tutti conosciamo la proprietà della farina bianca di formare una sorta di colla quando mescolata con acqua e scaldata ad alte temperature, ma questa reazione chimica non può avvenire nel nostro intestino, perché l’ambiente è diverso e non si raggiunge la temperatura di ebollizione. E anche il muco intestinale che si formerebbe con la farina raffinata in realtà è un muco naturalmente presente nell’intestino che permette le sue normali funzioni.

Di seguito le differenze in valore nutritivo per 100 g tra la farina 00 e integrale, secondo i dati INRAN:

ssdsd

La tecnologia di lavorazione influisce sull’apporto energetico e sul contenuto in nutrienti che dunque variano tra la farina 00 e integrale, anche se, per alcune componenti, non in modo così significativo. Inoltre va considerato che le farine sono alla base di prodotti di uso quotidiano inseriti nel contesto di una dieta varia ed equilibrata, che permette l’assunzione di tutti i nutrienti necessari al nostro organismo: per cui se un nutriente non c’è nel pane, sarà comunque presente in un altro alimento che permetterà di compensarne l’assenza.

Quindi possiamo utilizzare tranquillamente qualsiasi tipo di farina, perché contribuiscono praticamente allo stesso modo alla copertura dei nostri fabbisogni, scegliendo la più idonea alle varie preparazioni culinarie, magari mescolandole tra loro, ma soprattutto seguendo il nostro gusto personale.

Segui il blog di Susanna Bramante  



banner basso postfucina





Susanna Bramante

Susanna Bramante

Laureata con 110 e lode in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Pisa, è Agronomo, Ph. Doctor in Produzioni Animali, Sanità e Igiene degli Alimenti nei Paesi a Clima Mediterraneo, consulente della nutrizione e divulgatrice scientifica. Autrice e coautrice di 11 ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti